Sicilia, il Pd pensa a una causa civile contro il M5s - Live Sicilia

Il Pd pensa a una causa civile contro il Movimento cinque stelle

Letta: "Conte ha deluso il popolo delle primarie"
REGIONALI
di
5 Commenti Condividi

CATANIA – Potrebbe avere strascichi giudiziari la rottura tra Pd e M5s in Sicilia per le Regionali. Il segretario regionale del Partito democratico, Anthony Barbagallo, rivela in un’intervista a ‘La Sicilia’, di avere “dato mandato ai nostri legali di verificare la candidabilità di Di Paola e la fondatezza di una causa civile per chiedere il risarcimento dei danni che abbiamo subito da chi non ha rispettato le regole che c’eravamo dati”. “Roba da cerchio dantesco – aggiunge – l’ultimo dell’inferno, quello dove sono confinati i traditori”.

“Da Conte atto di squallore”

Per Barbagallo la ‘rottura’ dell’alleanza da parte del M5s “è stato un atto di uno squallore e di una gravità inauditi”. “Ammetto – confessa – che lo strappo di Conte mi brucia molto. E dire che, avendo cominciato a fare politica attiva da ragazzino, di giravolte ne ho viste tante. Ma mai – osserva – con la spregiudicatezza e la slealtà che abbiamo visto dai cinquestelle. Prima hanno partecipato alle primarie, hanno perso e hanno riconosciuto la vittoria della Chinnici. Poi, al novantesimo minuto, sono scappati portandosi il pallone. Sul campo largo e sulle primarie ci abbiamo messo la faccia, tutti, davanti ai siciliani. Se avesse vinto la Floridia, a parità di difficoltà dei rapporti nel quadro nazionale, noi l’avremmo sostenuta. E invece poi Conte ha incoronato Di Paola nuovo candidato solitario”.

“L’ha fatto senza il minimo rossore – sottolinea Barbagallo – un quarto d’ora dopo aver annunciato la rottura dell’alleanza. Conte ha rotto spudoratamente un patto politico sottoscritto. Ma ha anche violato un’obbligazione giuridica. Il M5s, scegliendo di partecipare alle primarie – sostiene Barbagallo – aveva sottoscritto l’impegno di sostenere il vincitore. E ora, invece, propone Di Paola, un candidato illegittimo rispetto a un accordo firmato”.

Letta: “Conte ha deluso il popolo delle primarie”

E sulla vicenda interviene anche il segretario nazionale dem Enrico Letta: “Deluso da Conte? Conte ha dato una delusione soprattutto ai cittadini siciliani che hanno partecipato a primarie – ha detto ospite di Non stop news, su Rtl 102.5 -. Quando votano trentamila persone, e i candidati dicono che appoggeranno chi vince, ma poi per motivi incomprensibili si tradisce il patto con cittadini, penso ci sia una parola tradita a elettori. Non sono suscettibile, non me la prendo personalmente, ma è un danno per agli elettori. A me – ha aggiunto – piace la politica dove parola data conta. Paga questo, pagano linearità e credibilità”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

5 Commenti Condividi

Commenti

    come siete caduti in basso voi di sinistra,fortunatamente il 26 verrete asfaltati per sempre

    L’avanspettacolo del Pd continua. Intanto, “I colonizzatori delle Politiche hanno preso di mira la Sicilia.” Ma, non solo in Sicilia, verrebbe da dire. E un motivo c’è. Non sono nient’altro che proconsoli di questo o di quel capopartito senza, tuttavia, avere la responsabilità che il patrizio romano aveva nei confronti del Senato romano e degli stessi abitanti della provincia che andavano ad amministrare. Un imperio inaccettabile che soltanto in questo Stivale sfibrato, dove la democrazia è solo nominale ma non reale, succede. Non per niente, «nel ranking generale, l’Italia si piazza in 35esima posizione, con un punteggio in netto calo rispetto agli anni passati, cosa che rappresenta il peggior score fatto registrare dal Belpaese dal 2006, ossia da quando il Democracy index è stato creato per la prima volta». Stando così le cose, agli elettori liberi da impegni ideologici o di vassallaggio nei confronti di questo o di quell’onorevole molto esperto nel gioco delle tre carte, non resta che votare secondo coscienza. Ripristinando così le regole della democrazia e del rispetto deontologico. Per non parlare del grande piacere di aver mandato al macero i personaggi in questione.

    ……o dovrebbero essere i denunciati?

    Mai pensato di mettervi una maschera?

    Quando si parla del movimento 5 stelle sembra che si abbia il dente avvelenato.Mah

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *