Il tentato stupro di una minore | Romagnolo si sveglia sotto choc - Live Sicilia

Il tentato stupro di una minore | Romagnolo si sveglia sotto choc

Il pontile sulla spiaggia vicino al quale la giovane è stata aggredita

Ci sono cinque indagati per il tentato stupro denunciato ieri da una minorenne sulla spaggia che costeggia via Messina Marine. Giovani tra i 14 e i 16 anni che avrebbero fatto parte del gruppo di aggressori. Nella zona, a distanza di 24 ore, c'è chi ricorda la ragazza in lacrime e il branco in fuga e dice: "Innocenza perduta". Clicca qui per leggere il servizio di cronaca di ieri.

Palermo
di
12 Commenti Condividi

PALERMO – L’hanno vista piangere, stringere forte intorno a sé un telo mare che una bagnante le aveva prestato per coprirsi. Chi ieri pomeriggio si trovava nella zona di Romagnolo, all’altezza della chiesa all’angolo con via Amedeo d’Aosta, racconta preoccupato quei momenti in cui la ragazza è stata raggiunta dalla polizia. Lei è quasi quattordicenne, dopo una mattinata al sole ha chiamato il 113 sconvolta ed ha raccontato che un gruppo di compagni di scuola aveva abusato di lei. Una storia squallida, descritta con parole che è riuscita a pronunciare col contagocce agli agenti che poi l’hanno accompagnata all’ospedale Buccheri La Ferla insieme al padre.

Oggi, a ventiquattro ore di distanza, in via Messina Marine c’è anche chi racconta di alcuni ragazzi in fuga. “Correvano, era in costume”, dice un commerciante. “E non avevano più di diciassette anni”, aggiunge un altro. Erano almeno sei – proseguono – provenivano dalla spiaggia. Hanno percorso in fretta e furia un tratto di via Messina Marine, poi si sono diretti verso l’ospedale e non li abbiamo più visti”. “Da padre – sottolinea un venditore ambulante – non posso che essere angosciato per vicende simili. Cerco di essere da esempio per i miei figli, ma una forte componente educativa arriva dalla scuola”.

Il “branco” che avrebbe assalito la giovane in una mattina di sole in cui aveva marinato la scuola, frequenterebbe lo stesso istituto della vittima. La ragazzina si sarebbe trovata da sola coi suoi compagni in spiaggia, dove però c’erano altre persone. Le stesse che l’hanno soccorsa dopo averla vista sconvolta nei pressi del pontile.

Una volta giunta in ospedale, sulla minorenne i medici avrebbero rilevato delle contusioni alle braccia e dei graffi. Non ci sarebbero i segnali di un rapporto sessuale completo. La tredicenne aveva ancora addosso i pantaloni, i giovani l’avrebbero costretta a togliere però la maglietta e avrebbero cominciato a toccarla nonostante i suoi tentativi di opporsi. Una dinamica sulla quale la sezione Reati sessuali e in danno dei minori della squadra mobile di Palermo sta tentando di fare luce coordinata dalla Procura che ha nel frattempo iscritto sul registro degli indagati i nomi di cinque minorenni che avrebbero fatto parte del gruppo di aggressori. La loro età è compresa tra i 14 e i 16 anni e sono accusati di tentata violenza sessuale.

“Da aprile in poi – aggiunge il gestore di una panineria a Romagnolo – i ragazzi affollano questa spiaggia ogni mattina. Ci dispiace che ieri sia successa una cosa del genere che dovrebbe fare vergognare ogni uomo, dal più giovane al più adulto. I gruppi di ragazzini qui ci sono sempre stati – prosegue – è una zona dove non si può fare il bagno, ma stanno all’aria aperta, giocano al pallone, bevono una bibita. L’adolescenza dovrebbe essere spensierata, innocente. Non un periodo da dimenticare, come probabilmente lo sarà per questa ragazza che credo difficilmente rimuoverà un episodio terribile”.

 

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

12 Commenti Condividi

Commenti

    Consegnateli a me, non alle Forze dell’Ordine, tanto con la Legge dello Stato Italiano non si risolve nulla.

    Bisognerebbe educare ogni bambino di sesso maschile fin dai primi anni di età ad avere rispetto delle donne e come dice una famosa canzone di mia martini ,gli uomini sono figli delle donne ma non sono come noi !li mettiamo al mondo noi e abusano di noi per fortuna non tutti sono uguali c’e sempre la differenza ma spero con il cuore che si possa rieducare questa società che sta andando alla predizione

    Cara Claudia, purtroppo siamo a Palermo dove molti genitori sono fieri quando il loro figlio “masculo” tocca il c..o ad una femmina. Ma cosa ci possiamo fare….. questi giovani delinquenti se la caveranno con poco o niente….. finché non ci saranno punizioni esemplari dei figli e dei loro genitori nulla cambierà!!!

    Questo è il risultato dello sfacelo della famiglia. I valori morali si imparano tra le quattro mura domestiche . Il resto è poesia.

    ma che caspita scrive, mi scusi? Magari non è questo il caso, ma quante ragazzine cercano proprio questo? Finiamola di dare la colpa sempre e solo al sesso maschile

    Riforma della Giustizia e certezza della pena ci vuole.

    6 cosazze inutili, che appena li prenderanno ( perché’ li prenderanno ) si metteranno a piangere e tremare ! Teste di ca…o!

    x ccnelcuore, ma cosa scrivi ? ci sono ragazzine che vogliono toccato il culo ? o che vogliono essere violentate ? …. mi sa che tu o non hai capito niente ……

    La tv degli ultimi 10 anni ha rovinato i giovani.

    Basta osservare le bande di giovinastri riconoscibili dai capelli alla Miccoli che sabato e domenica piombano come cavallette sul centro cittá: sfrontati, aggressivi, chiassosi, scorcaccioni e vastasunazzi.
    Sempre in branco, pronti a devastare muri con bombolette spray, salgono e scendono dagli autobus come se fossero padroni della cittá. Chi li contrasta? NESSUNO.
    Perché fingiamo di essere sotto choc? Da questi inutili parassiti INCONTRASTATI ci si puó aspettare qualunque agguato.

    Mettici pure, internet, Facebook, smartphone ecc!

    Purtroppo è’ proprio così’!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.