Ospedale Cannizzaro, stabilizzazione per 31 infermieri - Live Sicilia

Ospedale Cannizzaro, stabilizzazione per 31 infermieri

L’azienda: erano stati assunti con procedure concorsuali e andranno a coprire i posti previsti nella dotazione organica
SANITA'
di
1 Commenti Condividi

L’Azienda Ospedaliera Cannizzaro prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico, la stabilizzazione dei precari del ruolo sanitario impegnati durante l’emergenza Covid. Con delibera di giovedì scorso del direttore generale Salvatore Giuffrida sono stati nominati a tempo indeterminato 31 infermieri in possesso dei requisiti previsti dalle norme nazionali per il superamento del precariato e secondo gli indirizzi forniti dall’assessorato alla salute della Regione.

In particolare, l’avviso interno di ricognizione pubblicato nel mese di agosto era rivolto al personale del ruolo sanitario e agli operatori socio-sanitari che potessero essere stabilizzati in forza della legge di bilancio 2022, che ha integrato il cosiddetto decreto Madia al fine di valorizzare proprio l’esperienza maturata nel Servizio Sanitario Nazionale nel corso della pandemia. A fronte di 47 domande, gli uffici hanno potuto accogliere positivamente quelle di 31 collaboratori professionali sanitari infermieri. I trentuno erano stati assunti a tempo determinato con procedure concorsuali, hanno maturato al 30 giugno 2022 almeno 18 mesi di anzianità con contratto di lavoro subordinato in un ente pubblico (di cui almeno sei a partire da gennaio 2020); e hanno prestato servizio presso la stessa Amministrazione che intende stabilizzare.

«Come avevamo previsto e annunciato – afferma il direttore generale Giuffrida – dopo la stabilizzazione del personale medico ora è la volta del personale infermieristico, risorsa fondamentale nell’assistenza ai pazienti a maggior ragione durante l’emergenza Covid. Gli uffici hanno esaminato con attenzione la documentazione e al termine delle verifiche alla maggior parte dei richiedenti è stata riconosciuta la possibilità di un contratto a tempo indeterminato, che potrà essere a breve firmato. Un’ulteriore tappa nel superamento del precariato riguarderà presto altri dipendenti del ruolo sanitario e operatori socio-sanitari».

L’Azienda Cannizzaro è tra le prime in Sicilia a procedere alla stabilizzazione secondo le recenti norme di valorizzazione del personale impegnato nella pandemia. Tutte le figure assunte a tempo indeterminato attraverso tali procedure vanno a coprire posti previsti nella dotazione organica, nel rispetto del tetto di spesa per il personale e dell’equilibrio di bilancio.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Italia paese dei balocchi. Tutti sanno che molti di quelli che sono stati chiamati dalle graduatorie predisposte in periodo di emergenza covid, non hanno mai lavorato in reparti covid, ma in reparti ordinari. Le aziende chiamavano da quelle graduatorie forse perché le uniche disponibili, ma molti nei reparti covid non ci hanno messo mai piedi. Magari hanno lavorato in reparti ordinari, dove gli stessi colleghi che ci lavorano, essendo chiamati da graduatorie normali, invece devono maturare 36 mesi prima di essere stabilizzati. Ma ha senso questo? Siccome si era in una graduatoria stilata in emergenza covid, allora sei stabilizzato dopo 18 mesi, senza aver mai effettivamente lavorato in quei reparti. Io credo che un paese dei balocchi come quello dell’italia non esista in nessun posto. Quotidianamente si gioca a prendere per i fondelli il prossimo, e la cosa più allucinante è che nessuno vede e nessuno sa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *