Inseguimento e incidente allo Zen: arrestati due ventenni - Live Sicilia

Inseguimento e incidente allo Zen: arrestati due ventenni

Sono scappati a bordo di un'auto rubata ma si sono schiantati contro un muro. Folle fuga, ecco la ricostruzione
PALERMO
di
2 Commenti Condividi

PALERMO – Inseguimento e incidente allo Zen: arrestati due ventenni. Sono scappati a bordo di un’auto rubata ma si sono schiantati contro un muro. Si è concluso così un inseguimento avvenuto nelle strade che collegano lo Zen e via Ugo La Malfa. A finire in manette due giovani poco più che ventenni, residenti in zona Uditore, arrestati in flagranza di reato e accompagnati negli uffici di polizia. Secondo una prima ricostruzione gli agenti hanno intercettato un’auto che procedeva a velocità sostenuta dalle parti di via Sandro Pertini.

La dinamica

Il conducente di una Fiat 500, alla vista della volante avrebbe premuto il piede sull’acceleratore cercando di fuggire. Poi, arrivati in via Ugo La Malfa, il giovane alla guida avrebbe perso il controllo finendo contro il muro di cinta di una delle attività commerciali della zona. Appena scesi dall’auto, andata distrutta a causa del violento impatto, i due ragazzi sono stati identificati dagli agenti delle volanti e arrestati. Il proprietario della 500, ignaro dell’accaduto, è stato contattato per la restituzione dell’auto distrutta.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Ovviamente nulla è previsto per risarcire il proprietario. In italia un delinquente qualsiasi può rubare un auto, distruggerla e non dover sborsare un centesimo. Se nullatenente non sono previsti lavori forzati. I comunisti al governo dopo la seconda guerra mondiale ci hanno rovinati. Le rovine di oggi sono nate dai partigiani di ieri

    Fortuna che nella loro fuga non hanno messo sotto nessuno…….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.