Intesa Lega-Forza Italia ma FdI stoppa Prestigiacomo - Live Sicilia

Intesa Lega-Forza Italia ma FdI stoppa Prestigiacomo

Musumeci e Minardo fanno un passo indietro. Oggi il fronte progressista tenta di chiudere il cerchio.
VERSO IL VOTO
di
10 Commenti Condividi

PALERMO – La sanguinaria lotta per la conquista del Trono di Spade rispetto a quella per la guida del centrodestra siculo per la presa di Palazzo d’Orleans è una serena disputa terminata nel breve periodo e con meno colpi di scena. La “puntata” di ieri per quanto ricca di suspence non chiude ancora il cerchio: Berlusconi e Salvini siglano l’intesa in favore degli azzurri, Minardo “per senso di responsabilità” fa un passo di lato, Musumeci fa lo stesso ma Meloni e La Russa alzano le barricate. 

Una giornata particolare

Ma andiamo con ordine. Lega e Forza Italia trovano l’accordo: Stefania Prestigiacomo è incoronata candidata alla presidenza della Regione siciliana grazie all’accelerazione di Berlusconi che spinto dal colonnello Miccichè chiama e ottiene il via libera dal leader del Carroccio. I due però fanno i conti senza l’oste cioè FdI che alla fine sembra cedere e mettere in soffitta il celebre motto “boia chi molla”. A mollare è Musumeci che su Facebook con tono piccato e allo stesso tempo amareggiato toglie il disturbo (una scelta concordata con Giorgia Meloni come si affrettano a spiegare i colonnelli di Db). “Missione compiuta, nonostante tutto”, commenta soddisfatto ma in rigoroso anonimato una vecchia volpe iscritta da tempo immemore al fronte dei No-Nello. “Potevano ottenere la presidenza con un candidato come Stancanelli che teneva insieme tutti e invece perdono tutto”, ridacchia qualcun altro. 

Meloni e La Russa stoppano Prestigiacomo

Ma la partita non finisce qui. I meloniani non ci stanno a subire una doppia beffa e iniziano a mitragliare il quartiere generale dicendo una cosa chiara: su Stefania Prestigiacomo non c’è nessuna intesa possibile. Il messaggio di Giorgia Meloni e Ignazio La Russa è chiaro e l’argomento utilizzato (la presenza della deputata sulla Sea Watch) è da leggere come un chiaro messaggio alla Lega. Ma La Russa fa di più mette in discussione il fatto che la Sicilia debba andare agli azzurri. Insomma, Gianfranco Miccichè non potrà metaforicamente trascinare i cadaveri degli avversari al suo carro alla maniera di Achille. I commentatori appassionati parlano di una potenziale guerra nucleare pronta a scoppiare a pochi giorni dalla scadenza improrogabile del 14 agosto quando si dovranno depositare i simboli. Realisticamente si tenterà la strada di individuare altri nomi (l’identikit è un nome azzurro ma gradito agli alleati) e forse non tutti stanno ancora giocando a carte scoperte.

Lombardo deus ex machina?

E nell’ora più buia arriva il solito deus ex machina autonomista: Raffaele Lombardo. “Con l’election day la Sicilia è diventata una pedina sulla scacchiera di collegi e ministeri. Non è stato così nel 2012 e nel 2017 allorché si votava in giorni diversi. Inoltre, il 10% in più di elettori delle politiche renderanno imprevedibile il voto delle Regionali. Musumeci si è ritirato. Stancanelli si è stancato. Minardo è stato bloccato. Il Centro Sinistra punta su una donna moderata, mite e capace: Caterina Chinnici. Azione e Italia Viva si organizzano per scendere in campo. Il Centro Destra sta giocando col fuoco. Basta diktat e veti, si riavvolga la pellicola e tra i possibili candidati si guardi anche a Massimo Russo di cui tutti ricordano l’ottimo lavoro fatto in Sanità per ripianare il debito e rimodernare il sistema. È la figura più rassicurante per affrontare un autunno che si preannuncia più che critico ed è in grado di alzare la voce in tutte le sedi per tutelare la Sicilia e perché si apprestino gli strumenti idonei a ridurre il divario tra Nord e Sud”, dice l’ex presidente della Regione giocando la carta del tecnico in grado di sopire i dissapori tra i partiti.

Fronte progressista: oggi il via libera dai pentastellati?

La sabbia nella clessidra scorre e nel frattempo il fronte opposto si riunisce per trovare la quadra. Oggi pomeriggio infatti il (fu?) fronte progressista si riunisce a Palermo. I pentastellati sottoporranno a Caterina Chinnici il nome punti irrinunciabili per siglare l’intesa (il numero nove in realtà non portò troppo bene a Conte con Draghi) dopo la traumatica rottura che si è consumata a Roma. Come andrà a finire? I bookmakers puntano sul via libera. Ma si sa, di questi tempi, la cautela è sempre d’obbligo. 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

10 Commenti Condividi

Commenti

    No Prestigiacomo candidata.

    A volte ritornano…….

    Francamente il buo lavoro di massimo Russo alla Sanità non si è proprio visto come nemmeno quello di LOMBARDO alla Presidenza della Regione, mi chiedo ma perchè questi dino sauri della politica non vanno mai in pensione come pure la Prestigiacomo che oramai non ha più nulla da dare.

    Politica uguale pagliacciata

    Ma questa farsa quanto deve durare? La gente nemmeno lo vuole un presidente di forza italia.

    proprio l’antirazzismo della Prestigiacomo e la sua missione sulla sea watch sono medaglie al valore della Prestigiacomo che peraltro è un candidato che potrebbe pescare anche al di fuori del centrodestra.
    anche molti di sinistra apprezzano la Prestigiacomo.
    I siciliani sono antirazzisti, solidali e accoglienti, se ne facciano una ragione i fratelli e le sorelle d’italia!

    Allora vota De Luca

    La Sicilia è sotto tutti gli aspetti la regione d’Italia che annoda tutte le incongruenze legate all’invasione ideologica sostenuta e incoraggiata dalla sinistra tutta. E nessuno meglio della siracusana Stefania Prestigiacomo, dal 1994 con scranno in Parlamento ed esperienze di governo annesse, lo sa. Eppure, era sulla Sea Watch col Pd per “l’ennesima sfilata rossa (e buonista) dei piddini”. E questo mentre in Sicilia (con 23mila emigrati negli ultimi due anni) la povertà e l’espatrio sono diventate malattie endemiche sempre più invalidanti. Detto questo. Una onorevole con un simile curriculum, in questo contesto di totale svilimento, con la voglia e la speranza non di poter ipso fatto uscire dal tunnel in cui l’erogazione di questa politica dal sapore sorosiano l’ha spinta ma, almeno, di poter sperare in una prossima resurrezione, che c’entra la siracusana Stefania Prestigiacomo? Possibile che il palermitano Gianfranco Miccichè, pur, come un’altissima percentuale dei siciliani, avendo avuto- come lui stesso ha confessato-più di una volta problema di quibus, tanto da ricorrere all’aiuto della famiglia, questo rebus – che enigma poi non è- non l’abbia ancora capito?

    La Prestigiacomo sarebbe il suicidio della sicilia… personaggio inutile

    Lei parla per esperienza personale? ma come la destra non è contro gli sbarchi, che fate incoerenze politiche?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.