"Io, minacciato e preso a schiaffi" - Live Sicilia

“Io, minacciato e preso a schiaffi”

Gentile lettore, questo articolo che stai per leggere contiene alcune informazioni essenziali. Racconta la "normale" paura di un uomo che svolge onestamente il suo lavoro a Palermo - si occupa di precariato e disoccupazione - e che per questo è stato picchiato e continua a ricevere minacce. Non ci saranno altre notizie. Non c'è il nome, né il ruolo del protagonista dell'articolo, anche se questa è una storia vera. Non c'è nemmeno la firma di chi ha scritto il pezzo, perché attraverso la firma si potrebbe risalire alla vittima. Ma c'è la violenza in tutto l'orrore del ricatto. E una lezione: le persone oneste di Palermo hanno bisogno di protezione. E devono restare anonime, peggio dei malfattori.
Ex Pip, emergono episodi di violenza
di
17 Commenti Condividi

La rabbia del silenzio. L’essere cresciuti nella terra di Falcone e Borsellino, l’avere interiorizzato il concetto di non stare zitti mai, di denunciare sempre. Crescere in una terra come la Sicilia non è facile. Ancor meno semplice, come racconta il protagonista del cortometraggio che LiveSicilia propone oggi come video del giorno, è scegliere di restare. Di combattere quotidianamente le piccole e grandi ingiustizie, facendo semplicemente il proprio dovere, senza giocare a fare gli eroi. Ora scopriamo che l’episodio di martedì scorso, dell’uomo pestato davanti i cancelli degli uffici di via Thaon de Revel, non era un caso isolato. Era già successo che alcuni ex Pip usassero la violenza per far valere le proprie idee. Certo, non bisogna fare di tutta l’erba un fascio, al contrario molti di questi precari lavorano con onestà e profitto da circa un decennio nelle scuole, negli uffici comunali, nelle strutture pubbliche e oggi chiedono che venga loro riconosciuto il diritto alla stabilità. Ma non è sempre così e qualcuno, si diceva, pur di far sentire la propria voce, non limita il ricorso alla violenza.

Dunque la storia del funzionario picchiato lunedì in via Thaon de Revel non è l’unica. Era già successo all’inizio dell’estate, quando erano volati degli schiaffi in un ufficio pubblico, questa volta ai danni di un’altra persona che si era occupata della vicenda degli ex Pip. Prima le minacce verbali. Poi gli schiaffi. Il referto medico ha parlato di una prognosi di tre giorni per una contusione all’occhio. Di norma, chi è stato preso di mira una volta, riceve successivamente altre minacce a desistere, a non occuparsi ulteriormente delle istanze degli ex Pip, a farsi i fatti propri, a rispettare una sorta di linea di confine. “Le minacce sono continuate in questi mesi – dice l’uomo, di cui manteniamo l’anonimato – e si sono intensificate negli ultimi giorni. Ho ricevuto anche messaggi da parte di qualche amico, che mi consiglia di stare attento, perché l’episodio potrebbe ripetersi”. Insomma, il clima è tutt’altro che sereno, con chiunque si parli della vicenda degli ex Pip, le parole sono sempre pesate, una per una. E dalla politica, intanto, un unico, assordante silenzio.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

17 Commenti Condividi

Commenti

    Massima solidarietà alla vittima dell’aggressione.
    Un invito a non desistere, adottando le cautele del caso, perchè solamente non cedendo alle intimidazioni si potrà un giorno cacciare nelle fogne i topi che da tempo imperversano a Palermo.

    A voi tutti lettori di Livesicilia vi chiedo: Questi incresciosi episodi di violenza compiuti da alcuni PIP non sono atteggiamenti mafiosi?
    Vi invito al leggervi la lettera di Spatuzza pubblicata sull’espresso e capirete cosa vuol dire essere mafiosi.

    Vorrei esprimere tutta la mia solidarietà, per quello che può valere, al funzionario regionale aggredito, e sottolineare ancora una volta che malgrado gli arresti “eccellenti”, la mafia e la cultura mafiosa sono ancora fortissime e radicate a Palermo e in Sicilia.

    Concordo in pieno con tutti voi. La violenza è l’arma degli ignoranti e dei mafiosi, di chi non sa stare al mondo. Fatti del genere sono a dir poco deprecabili e da condannare. Ma in questa vicenda c’è da fare un piccolo appunto. Il funzionario in questione credo proprio che sia l’unico ex SPO che attualmente lavora. Mentre tutti gli altri sono a casa da mesi senza percepire uno stipendio (ne disoccupazione, visto che i super raccomandati alla fine erano dei semplici cocopro senza diritti). Persone che devono fare fronte alla dolorosa situazione di dover dire ai propri bambini di dover rinunciare a tante cose. Lui ha dimostrato di essere forse il “vero raccomandato”, quello che ha continuato a lavorare. Si sono dette tante cose su questa gente ma forse la verità è che se davvero si sono commessi degli errori non era responsabilità dei lavoratori. Il “funzionario” in questione è colui che ha avuto la dignità di uomo di aiutare le istituzioni a buttare in mezzo alla strada i suoi ex colleghi! Sinceramente mi spiace per l’avvenuto, ripeto ogni forma di violenza è da condannare, ma non vorrei che si facesse di questa persona un martire, cosa che davvero non è. Forse è arrivato finalmente il momento che la magistratura faccia delle serie indagini per scoprire chi davvero sta mangiando sulla pelle dei miei amici pip. Forse arrivato il momento che chi ha davvero sbagliato paghi e la si smetta di condannare dei poveri padri di famiglia che a SPO lavoravano per camparsi la famiglia. Mi è sempre dispiaciuto sentire da parte di alcuni ex pip dei ragionamenti squallidi e insensati, dei commenti di odio contro persone che davvero no gli hanno mai fatto nulla di male. Forse dovrebbero aprire un po’ di più gli occhi e vedere chi davvero li ha fregati.

    Semplice è esprimere solidarietà,invitare a non desistere prendendo le dovute cautele.., e poi? Già, aspettiamo che il cretino di turno si esponga anche per noi. Purtroppo devo condividere l’analisi di Carmenlo

    Scusa sorjus ma sicuro di essere pip?Io ho avuto esperienze personali con qualcuno della spo e devo dirti che molto spesso erano arroganti con noi e molto spesso anche cattivi in certe situazioni,.daccordo contro ogni forma di violenza ma loro hanno fatta violenza psicologica contro di noi… ma forse nn sapete che i signori spo si sono comprati con i ns soldi motori e mezzi ecc..qundi evidentemente a me pena come persone nn me ne fanno perche’ prendevano molto e noi sottopagati…..per favore sono loro figli di politici di giornalisti ecc… quindi nn so cosa sappiate ma disperati nn lo sono … e per quanto mi riguarda ancora aspettiamo dei soldi che nn ci daranno mai.-.

    Oltre 4.000 precari regolarizzati alla regione semplicemente dimostrando di sapere fare una fotocopia. Oltre 3.000 ex pip distribuiti tra gli enti locali senza nemmeno la fotocopia di cui sopra. Tutti o quasi tutti galoppini di politici o figliocci di qualche padrino. La pubblica amministrazioneche in Sicilia già fa schifo di per sè, prossimamente diventerà un’enorme cloaca dove questa gente bivaccherà nell’incapacità di fornire i servizi minimi ai cittadini.
    In compenso Lombardo & C. riceveranno decine di migliaia di voti da questi servi.
    Se questo è il cambaimento annunciato siamo messi bene.

    Ciao iside, forse qualche volta c’è potuto essere qualche episodio spiacevole ma sai di stronzi ce n’è un po’ dappertutto. Però ti invito a non fare di tutta l’erba un fascio. C’erano anche moltissime persone brave e gentili che facevano il loro lavoro. Secondo il tuo ragionamento allora si potrebbe pensare che tutti i pip sono delinquenti e secondo me non è vero affatto. Nel modo più categorico. Ti rispondo anche su altre cose. Bene, i motori e i mezzi, bene, erano acquistati per i servizi all’esterno. Se tu fossi stato al loro posto avresti voluto rimetterci i soldi di tasca tua? E comunque l’errore grosso che fate spesso è di considerare i ragazzi SPO gli autori di “eventuali” malefatte. Ragazzi, loro non c’entravano nulla. come si dice, u pisci feti da testa…Per chiudere ti posso dire che gli ex spo sono veramente a casa, fermi da 5 mesi ma a differenza vostra senza stipendio. So per certo alcune situazioni e ti garantisco che c’è molta gente che sta passando davvero un brutto periodo. Di figli di giornalisti poi non mi risulta affatto. Non è che se il giornale di sicilia dice qualcosa contro i pip vuol dire che hanno figli la dentro! Se in questi mesi qualcuno di voi fosse passato sotto l’ARS, avreste visto quella gente protestare per riconquistare un pezzo di pane. Ora spiegami perché tutto questo se erano dei mega raccomandati. a quest’ora sarebbero già stati ricollocati da qualche altra parte. Ti invito davvero a riflettere, non voglio essere provocatorio, voglio solo che si rifletta su certe cose. Quello che è giusto è giusto…ciao e grazie

    Lombardo ha affermato che i “ragazzi della spo” ricevono tutt’ora uno stipendio dal comune di Palermo senza lavorare, ti invito a visionare questo filmato

    http://www.youtube.com/watch?v=zKN_O6Covjc

    sono parole sue, se non è vero puoi contraddire in questo blog la parola di lombardo.

    Ciao Daniele, ti ringrazio davvero di cuore per aver segnalato questo filmato. E ti smentisco CATEGORICAMENTE che gli ex collaboratori SPO siano ancora pagati. Il presidente della regione, prima di rilasciare certe dichiarazioni propagandistiche, dovrebbe informarsi…ma a dire il vero, Lombardo lo sa che i ragazzi della SPO sono a casa senza stipendio. Lo sa perché gli è stato detto più volte. Ma che dire, fa comodo affermare il contrario. La cosa bella è che il fatto che gli ex SPO sono a casa NON PAGATI, è un fatto dimostrabilissimo! Se qualcuno vuole può anche indagare, ma seriamente, senza prendere inconsiderazione le voci di corridoio di gente che ne sa davvero nulla. Una persona in grado di farlo, potrebbe ad esempio andare all’INPS o in qualche altro ufficio pubblico e appurare se questa gente risulta essere ancora contrattualizzata. La risposta, ti assicuro e giuro, smentirebbe Lombardo. E’ vero, la società esiste ancora, ma è vuota. I lavoratori sono a casa. C’è solo, guarda caso, l’amministratore. Ora, non so chi renda possibile una porcheria del genere, ma chiunque esso sia, non è degno di ricoprire certi ruoli. Ripeto, si potrebbe indagare e dimostrare che gli ex SPO sono casa senza stipendio da 5 mesi. La cosa poi che vorrei che molti capissero è che purtroppo i pip, in tutta questa vicenda, hanno veramente fatto un passo indietro di 10 anni. Di nuovo gestiti da pochi individui che chiedono soldi in cambio, che si spartiscono il loro denaro…comunque sono certo che prima o poi se ne renderanno tutti conto e chi deve pagare pagherà.

    ciao sorjus infatti nn ho detto tutti i ragazzi spo , ma ho detto qualcuno , la cosa che mi fa rabbia e che quasi alla scadenza ai marzo il sindacato aveva chiesto a voi spo di darci una sotto specie d buona uscita di 300,00 euro , essendo che nel vostro bilancio c’era rimasto qualcosa , ma nn venne accettata, comunque personalmente mi ricordo solo di un ragazzo troppo perbene e veramente gentile e cordiale ,
    pero’ spero che almeno quei soldi ci vengano dati in quanto ci spettano ma penso che se li siano mangiati ,,, comunque so che anche dietro voi c’era chi ci mangiava e’ normale come con noi… ma la colpa e’del comune quindi noi possiamo augurarvi tutto il bene del mondo ma lontano da noi…senza rancore

    risposta al signor o signora sorjus;

    caro commentatore, chi scrive è un sindacalista della CGL, che da anni lavora in prima linea nel bacino degli ex-pip;
    volevo solo dirle, che per quanto riguarda voi lavoratori della SPO , bisogna fare qualche precisazione; il signore che tu hai descritto, forse non è il solo dei raccomandati che sono entrati alla SPO, ci sono pure quelli che troverai a questo indirizzo pubblicato sul sito della SPO, di seguito descritti che sono appartenenti a gruppi politici,come UDC,PDL ed inoltre i rispettivi mariti o mogli sono tutti lavoratori dipendenti di aziende pubbliche e di conseguenza, come tu descrivi padri o madri di famiglia in mezzo alla strada non è assolutissimamente vero!!!!!!!!, sei una gran bugiarda poichè portano già a casa un reddito mensile abbastanza elevato: ecco l’indirizzo: http://www.sposrl.it , andare su atti della società, e visualizzare verbale nr.174, tutto il personale ed i consulenti esterni pure dipendenti di società pubbliche contrattualizzati;
    molti di loro hanno già trovato una occupazione, altri avevano già una attività, e addirittura pagati dalla SPO, per non essere mai presenti;
    lavorano presso call center,alcuni fanno la libera professione, insomma si stanno arrangiando, c’è pure un disegno di legge che i loro politici UDC, e PDL, stanno spingendo all’ARS, ma che non avrà mai un futuro , c’è pure un progetto bloccato al Comune di Palermo per gestire 60 LSU con 91 dipendenti, vergogna, che il Sig. Primavera amministratore della società cerca di spingere, ma noi lotteremo fino alla fine; grazie da parte dei pip che avete rubato

    Cara Stefy, dici di essere una sindacalista della CGIL. Ti dico che io la CGIL la conosco bene. Conosco le tante battaglie che ho condiviso e tutti i buoni propositi del sindacato. E ti dico che la mia delusione più grande è proprio sentire parlare così una “compagna”. E sai perché? Perché un tempo la CGIL difendeva i lavoratori. Oggi invece preferisce fare come lo struzzo. In questa vicenda il sindacato ha fatto la coraggiosa scelta del silenzio, dell’indifferenza nel momento più delicato, quando i giochi si erano fatti “pericolosi”, per così dire. Ed ecco allora l’amministratore della società ancora al suo posto e i collaboratori per strada e la CGIL che fa? NIENTE! E’ una cosa vergognosa. Le persone di cui parli tu sono 91. Alcuni solo negli ultimi giorni (dopo 5 mesi) sono riusciti a trovare un lavoretto in un call center a 400€, qualcuno aveva l’attività? Benissimo, ma sai quanti ancora sono senza niente? La maggior parte. Parli di raccomandati. Scusa, tu che dici di conoscere i pip, ma sai come moltissimi sono entrati a far parte del bacino, tanti anni fa? Chiedilo a Mimmo Russo…Informati e ti renderai conto di quanto ne sai poco, mia cara. Ti faccio un’altra domanda. Se voi o tu, sapevate che c’era gente strapagata per non venir mai a lavoro, perché non avete mai denunciato questi fatti pubblicamente e con forza? Paura? Disinteresse che solo oggi, a giochi fatti, diventa un’ottima occasione per far vedere quanto siete bravi? La verità è che sindacalisti come quelli di un tempo non ce n’è più! La verità è che molti hanno preferito far finta di niente e di allearsi con la squadra più conveniente. Magari sei anche di quelle che inneggi alla legalità. Ma tu sai cosa è accaduto in quelle sere di fine Aprile? Sai le visite che molti deputati hanno ricevuto persino a casa? Sai, anche qualche onorevole lo ha denunciato apertamente. Sai di che parlo? Di minacce ai deputati per fargli votare l’emendamento. Alla faccia della legalità! Per chiudere, se ami il sindacato e il diritto dei lavoratori, informati, studia e prima di parlare cerca di conoscere la realtà in cui ti trovi. Ma la devi conoscere da diversi punti di vista! Questo è un consiglio, solo un consiglio. Poi, se ne hai veramente il coraggio, denuncia prima le eventuali malefatte, mia cara. Ciao

    A iside, a proposito dei 300€. Non ti dico niente di nuovo se affermo che noi lavoratori, non avevamo nessunissimo potere decisionale in merito a niente. Erano semplici disposizioni. C’era chi decideva e la cosa che mi fa rabbia è che noi siamo a casa e loro percepiscono ancora stipendi…e nonostante questo quelli bersagliati siamo stati noi! Sinceramente non lo capisco. Onestamente mi sembra tutto surreale.

    Ah, dimenticavo. Cara Stefy, se dici di conoscere tanto bene i pip, le cose sono due, o non è così o sei una bugiardella. Prova a farti un giro e vedrai quanti pip hanno attività secondi lavori etc… Se vuoi fare bene il tuo lavoro devi conoscere davvero le cose che ti circondano, mia cara.

    P.S. La sigla del sindacato di cui dici di fare parte è CGIL e non CGL…

    gentili signori, io preferisco scrivere il mio nome VERO, tanto non ho niente da nascondere… sono disposta, su richiesta di chiunque a mostrare le mia busta paga da ex SPO sono disposta a farvi vedere la miriade di curricula che ho inviato in questi mesi,inutile, vi posso fare vedere l’esperienza professionale maturata tale da potermi permettere di affrontare con professionalità il lavoro che svolgevo, e quante persone ex pip, indistintamente, ho aiutato e ho offerto il massimo del mio servizio, QUINDI per favore FINIAMOLA! la demagogia è una cosa, il fatto che io sono disperata perchè senza stipendio SOLO PER UN GIOCO POLITICO è un’altra! BASTA!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.