La proposta di Figuccia sull'Iacp | "Agevolare l'acquisto della casa" - Live Sicilia

La proposta di Figuccia sull’Iacp | “Agevolare l’acquisto della casa”

Il deputato Udc ha presentato un emendamento per favorire la vendita degli alloggi popolari.

La Finanziaria
di
4 Commenti Condividi

PALERMO – “Ammonterebbe a 27 milioni il debito dei dieci IACP siciliani nei confronti di vari enti e di questi, addirittura 15, gravano sul solo IACP di Palermo a causa del debito accumulatosi per la fornitura di acqua con l’Amap che negli anni ha ipotecato parte del patrimonio finanziario dello IACP”. A renderlo noto è Vincenzo Figuccia, deputato dell’Udc all’Ars, che ha presentato un emendamento alla manovra finanziaria per agevolare l’acquisto degli alloggi da parte degli inquilini. Figuccia prosegue: “Tutto ciò per un’antica convenzione per la quale le bollette venivano addebitate allo IACP e non agli inquilini. Ciò posto, in un tempo nel quale la retorica della spending review risulta essere un mero slogan, ritengo che questa sia un’occasione irripetibile per razionalizzare la spesa regionale e mettere tutti i cittadini nelle condizioni di pagare le imposte legate agli immobili – dice -. Se a ciò aggiungiamo il fatto che con la mia proposta verrebbe meno l’onere di tutte le manutenzioni straordinarie fino a questo momento in capo all’ente pubblico perché proprietario, si apre alla possibilità di un risanamento delle casse degli enti e di riflesso si liberalizza un mercato storicamente statalista nato più di mezzo secolo fa e ormai anacronistico”.

Figuccia, primo firmatario dell’emendamento, conclude: “Tutti i locatari di immobili appartenenti allo IACP sul territorio regionale potranno acquistare il rispettivo alloggio con un prezzo di cessione diminuito dei canoni mensili versati a titolo di acconto”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    Proponi , anzi obbliga , i comuni , cominciando da quello di Palermo , a vendere
    anche con un inizio di base d’asta simbolica , tutte le proprietà sparse nel centro
    storico , sarebbe un inizio di risanamento che si aspetta da diversi decenni , e
    che nessuna amministrazione ha tentato di fare senza mai riuscirci . Sai che
    volano di lavoro , per operai , piastrellisti , fontanieri , elettricisti , citofonisti,
    ecc.ecc. e poi le aziende che vendono sanitari , mobili , questa si che sarebbe
    una rivoluzione culturale destinata a rimanere nel tempo .

    Non sa cosa inventarsi

    Stabilizzazioni , case vendute a prezzi stracciati, come se un proprietario privato che ha un immobile in affitto ad un locatario glielo venda decurtando dal prezzo dell immobile i venti anni di affitto , improponibile per un privato ma proponibile tutto quando si tratta di denaro pubblico puri e semplici modi di andare sulle pagine dei media per una questione di visibilità così ci si prepara alle prossime elezioni a costo zero proporre la luna che non verrà mai approvata ma l importante è farsi notare

    Bravo onorevole! proposta ragionevole e favorevole sia per i siciliani che per la regione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.