La rapina al pub "Shiagù" di Termini Imerese, perquisizioni e arresto - Live Sicilia

La rapina al pub “Shiagù” di Termini Imerese, perquisizioni e arresto

Un uomo di 50 anni è accusato di detenzione di armi e munizioni
LE INDAGINI
di
0 Commenti Condividi

PALERMO – I carabinieri del reparto territoriale di Termini Imerese hanno arrestato un uomo di 50 anni, Luigi Potano, accusato di detenzione di armi e munizioni. L’arresto è avvenuto nel corso delle perquisizioni che sono seguite agli arresti del commando di giovanissimi palermitani che avrebbero rapinato il pub “Shiagù” di Termini Imerese il 9 luglio scorso.

Tra gli arrestati oltre a Michele Di Giacomo, figlio ventunenne del boss di Palermo centro, Giuseppe, crivellato di colpi di pistola alla Zisa nel 2014, ci sono Paolo Patano, 22 anni, Riccardo Russo, 21 anni, Antonio Mario Messina, 20 anni, Giuseppe Valguarnera, 22 anni. Proprio in casa di Patano sono state trovate una pistola e le munizioni.

Secondo le indagini coordinate dalla procura di Termini, a fare irruzione nel pub sarebbero stati Di Giacomo, Potano e Valguarnera a volto coperto. Di Giacomo minacciò il titolare con la pistola. Potano, cugino Di Giacomo, avrebbe preso l’impiegato per il collo minacciandolo con una latta in metallo. Valguarnera avrebbe arraffato l’incasso, circa 2.500 euro. Messina avrebbe fatto da palo, mentre Russo li attendeva in macchina, una Bmw. I carabinieri sono risaliti al commando grazie alle immagini estrapolate dai sistemi di sorveglianza di supermercati ed esercizi commerciali della zona.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *