Lagalla candidato unitario: i mal di pancia dietro l'accordo

Lagalla candidato unitario: i mal di pancia dietro l’accordo

L'intesa è raggiunta. Le note stampa sprizzano giubilo. Ma, dietro le quinte...
PALERMO 2022
di
7 Commenti Condividi

Roberto Lagalla sarà il candidato sindaco unico del centrodestra a Palermo. Viva Lagalla!, è il grido unanime che viene ripetuto nei comunicati stampa, nelle note, nei whatsapp della fazione. Ed è tutto un tripudio di Ale oo! Vinciamo! E sciarpette della coalizione sventolate ovunque. Ma, dietro l’esultanza e le cascate di foto plaudenti che seguiranno, si avvertono i borborigmi dei mal di pancia, perché – a leggerla bene – tutti dicono di avere vinto, ma non tutti possono essere contenti.

La mossa di Forza Italia, con il ritiro di Francesco Cascio, ha spiazzato Fratelli d’Italia, giacché la concordia viene trovata, in questa fase, senza parlare più a fondo di Musumeci. Ricordate il ritornello dei meloniani? Ogni accordo su Palermo non può prescindere dall’intesa sulla ricandidatura del presidente della Regione. E adesso? Adesso che gli altri si fanno da parte per convergere sull’ex rettore, candidato di Fratelli d’Italia, ieri in contrapposizione a Cascio, chi alzerà il dito per rivendicare quel dossier come prioritario? Potrebbe tentare FdI che, tuttavia, indosserebbe i panni del guastafeste al ricevimento. Cosa opporre, quando i tuoi concorrenti interni si schierano al fianco del tuo campione?

La scelta di Gianfranco Miccichè – diciamolo – è stata abilissima. Il leader forzista ha capito che, più che la contrapposizione Cascio-Lagalla, sarebbe stato l’accordo su Lagalla a togliere politicamente di mezzo, per ora, Musumeci. Insomma, di Palazzo d’Orleans se ne riparlerà, anche se il borbottio dei meloniani si avverte dietro le quinte. La contromossa potrebbe essere obbligatoria e diffusa a cominciare dal vertice nazionale di domani: l’unità su Lagalla precede naturalmente quella su Musumeci. Ora che la coalizione si è ricompattata, la parola d’ordine sarà non disperdere il patrimonio acquisito e puntare forte sull’uscente.

Infatti, lo stesso presidente Musumeci ha già orientato la discussione sul canovaccio previsto: “Sono felicissimo di questo accordo. La nostra forza politica ha fatto la scelta, fin dal primo momento, sul mio ex assessore Lagalla e mi fa piacere che la prova del governo efficiente oggi consenta a un pezzo importante del mio governo di poter diventare sindaco di questa città”.

Ma il clima, per quanto di sintesi, non è disteso. C’è un po’ di maretta pure tra i salviniani. La convergenza su Lagalla toglierà, verosimilmente, alla Lega, che aveva già rinunciato a Scoma, il gagliardetto del vicesindaco, che potrebbe essere appannaggio dello stesso Cascio. E non c’è nemmeno alcuna ragionevole certezza a cui aggrapparsi sulla sfida delle regionali.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

7 Commenti Condividi

Commenti

    “Glielo dico con franchezza: se qualche mese fa avessi percepito quello che sarebbe successo forse non mi sarei candidato”, aveva dichiarato a Live Sicilia Francesco Cascio.
    Ora che sa sino in fondo quello che è (gli è) successo, perché si propone per un posto in giunta, e discute, ma non glielo daranno, di quello (inutile) di vice sindaco? Poteva andar via dal Grand Hotel senza chiedere nulla ed evitare, forse, d’essere accomunato in una sconfitta che è soprattutto di altri. Ma probabilmente il suo problema era quello di un ritorno in politica. Ha scelto la strada più lunga e una guida incerta… ed è andato a sbattere.

    L’arca di Noè ci son due coccodrilli

    Ci son due coccodrilli
    ed un orango tango,
    due piccoli serpenti
    e un’aquila reale,
    il gatto, il topo, l’elefante:
    non manca più nessuno;
    solo non si vedono i due leocorni,
    ma i Due Gattopardi invece SI’!

    Francesco Cascio aveva dichiarato a Live Sicilia: “Glielo dico con franchezza, se qualche mese fa avessi percepito quello che sarebbe successo forse non mi sarei candidato”.
    Ora che sa sino in fondo quello che è (gli è) successo, perché si propone per un posto in giunta? Poteva andar via dal Grand Hotel senza chiedere nulla ed avrebbe evitato d’essere considerato l’unico sconfitto, certo meritevole di compensazione. Ma probabilmente il suo problema era soltanto quello di un ritorno in politica. Ha scelto la strada più lunga, e una guida incerta… ed è andato a sbattere.

    fanno sempre quello che vogliono, ha senso andare a votare sempre gli stessi, cambia il direttore d’orchestra ma la musica è sempre quella

    Che se lo votino gli altri tra forzisti , ex democristiani, leghisti ecc. ecc. Io mi sarei scomodato ad andare a votare solo per Carolina Varchi, la candidata di Fratelli d’Italia proposta da Giorgia Meloni, ma dato che non è stato così solo per fare felici le varie componenti di questo accrocchio politico locale io il giorno delle elezioni me ne andrò al mare…….

    spero che sia un sindaco che ama la sua citta’ e non gli amici.

    Micciche’ è venuto a Canossa e ha perso la faccia insieme a Minardo. Se, molto probabilmente, Lagalla vincerà a Palermo, come farà a sbarrare il passo a Musumeci?
    Il plenipotenziario di Berlusconi in Sicilia farebbe bene a nascondersi in qualche convento, visto la prossima figura che ha fatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.