Lagalla: "La lista Lavoriamo per Palermo un valore aggiunto" - Live Sicilia

Lagalla: “La lista Lavoriamo per Palermo un valore aggiunto”

Il candidato sindaco risponde alle polemiche delle ultime ore
AMMINISTRATIVE
di
1 Commenti Condividi

PALERMO – “Una lista con le migliori e più significative esperienze per la ricostruzione dell’amministrazione comunale”. A dichiararlo è Roberto Lagalla, candidato a sindaco di Palermo con la coalizione del centrodestra, alla presentazione della lista Lavoriamo per Palermo a Villa Zito.

“Questa lista è in grado di apportare un valore aggiunto al contributo politico dei partiti. Avevamo concordato anche a costo di correre da soli, questo rischio c’è stato per più di un tempo, di fare una battaglia civile e civica senza pregiudizi ideologici e di appartenenza. SI tratta di uomini e donne che corrono con la casacca civile e non di partito per il rinnovamento della città dopo 40 anni di epopea Orlando”.

Il candidato sindaco ha anche parlato della mancata presenza alla commemorazione del trentennale delle stragi “ho sempre rispettato e servito le istituzioni. Avevo ogni intenzione di partecipare alla commemorazione ma nella giornata precedente sono stato oggetto di un linciaggio sgradevole e greve, ma anche di una sorta incitazione verso una forma pericolosa di esposizione. Ho ritenuto di dover chiamare Maria Falcone che ha condiviso con me che quella fosse la scelta migliore”.

Alla presentazione dei 40 candidati della lista presenti l’assessore regionale al Territorio Toto Cordaro, il presidente del Consiglio comunale Totò Orlando e il coordinatore di Iv a Palermo, Tony Costumati.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Io lavoro, sto lavorando, noi lavoriamo……………devono avere frequentato la stessa scuola di Matteo Salvini che in ogni intervista o dichiarazione rilasciata ai giornalisti la parola lavoro la utilizza decine di volte nell’ambito dello stesso argomento. Del resto anche l’Italia non è una repubblica fondata sul “lavoro”?…….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.