Palermo, le elezioni comunali spaccano il Movimento 5 stelle - Live Sicilia

Le Comunali di Palermo spaccano il M5s, duello Trizzino-Varrica

Botta e risposta tra i due big pentastellati
LA POLEMICA
di
4 Commenti Condividi

PALERMO – A lungo sotto traccia, rimasto nel chiuso delle dialettiche interne e mai esternato: alla fine lo scontro è venuto fuori e ha coinvolto due nomi di punta del Movimento cinque stelle siciliano. Giampiero Trizzino, parlamentare regionale alla sua seconda esperienza all’Ars, e Adriano Varrica, deputato nazionale palermitano. Tra i due un botta e risposta durissimo sulla pagina Facebook di Trizzino.

La miccia che accende lo scontro

‘Casus belli’ le Amministrative di Palermo, nelle quali Trizzino ha svolto un ruolo da protagonista, prima con l’autocandidatura a sindaco e, in seguito, con il ruolo di kingmaker delle trattative al tavolo con gli alleati (Pd, civici e sinistra). Il detonatore del dualismo, che travalica anche i singoli per allargarsi a due diverse visioni sul futuro del movimento, è stata la proposta di candidatura a sindaco formulata all’architetto Franco Miceli. La carta Miceli, nata con la benedizione della deputazione nazionale M5s e di una parte del Pd palermitano, è stata ostacolata dal gruppo parlamentare pentastellato all’Ars (“contestiamo il metodo e non la persona”, è stata la presa di posizione) e nelle ore decisive in cui si rincorrono le voci di un possibile ripensamento del presidente degli architetti italiani, che oggi incontrerà i vertici del Pd, arriva la bordata di Trizzino che appesantisce il clima nel centrosinistra.

Giampiero Trizzino

L’attacco di Trizzino

“Qualcuno ha proposto prima e sostenuto dopo un nome che non solo non è del M5S, ma che è l’espressione delle forze politiche che hanno governato la città fino ad oggi”, è l’attacco del deputato regionale che non fa mistero della diversità di vedute e che sabato, insieme con Mariangela Di Gangi (Facciamo Palermo) aveva incontrato proprio Miceli. E ancora: “Sono convinto che a Palermo o si volta pagina oppure i palermitani verranno inghiottiti dall’assuefazione. Se non si rinnova la classe dirigente, i palermitani finiranno per accettare in silenzio la decadenza della loro città”. La ricetta Trizzino prevedeva una candidatura solitaria “contro tutti” o una alleanza “esclusivamente con chi avrebbe condiviso un percorso completamente diverso da quello fatto fino ad oggi”. In altri termini: no a Orlando e chi è stato suo compagno di viaggio nel doppio mandato a Palazzo delle Aquile.

Adriano Varrica

La replica di Varrica

A Trizzino, però, risponde Varrica e non sono parole leggere: “Oggi parli di ‘discontinuità’ eppure a novembre scorso sei stato l’organizzatore del tavolo col Pd (di cui fa parte Leoluca Orlando) e fino a qualche settimana fa rivendicavi di avere la chat di coordinamento del tavolo di coalizione con Giusto Catania (assessore in carica) e Rosario Filoramo (segretario provinciale del Pd) e di aver fatto incontri riservati con loro due (nessuno degli altri esponenti M5S presente)”, attacca Varrica rivolgendosi all’amico di un tempo del meet-up palermitano. Dopo avere ricordato il divieto di terzo mandato al quale Trizzino sarebbe sottoposto per le regole dello Statuto M5s, Varrica, solitamente restio ad uscite social, affonda il colpo: “Molti pensano che questi tuoi attacchi siano solo un modo per ‘accattivarti’ potenziali elettori per le Regionali sia nel caso di deroga nel M5s per il tuo terzo mandato (che però hai sempre negato di voler fare) sia nel caso di tua candidatura con altre forze politiche come quella di Fava. Mi auguro che li smentirai coi fatti”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    Abbiate la buona creanza di non azzuffarvi tipo comari da cortile, pensate piuttosto che gente come Dell’Utri impartisce ordine ai suoi accoliti per governare Palermo e la Sicilia, non vi sembrerebbe più logico trattare questi argomenti?

    L’idea sbagliata di fondo è il campo largo.
    Sono convinti che più partiti e liste mettono, più hanno possibilità…
    non hanno capito che agli elettori progressisti bastò e avanzò l’ammucchiata innaturale del 2017 che andava da alfaniani ai comunisti…
    Basta! quell’alleanza si è dissolta come neve al sole in corso di consiliatura…
    Cinquestelle e sinistra dovrebbero andare per i fatti loro con i civici e con i verdi, senza allearsi con il Pd che è più naturale che si allei con centristi, Italia Viva, Azione, Più Europa, Scelta Civica, Sicilia Futura, Udc e così via…

    Ma il M5S pensa davvero di raccogliere ancora voti qui a Palermo a parte ovviamente quelli assicurati solo per riconoscenza da parte dei percettori del reddito di cittadinanza?………

    Ma perché , ancora esistono i 5 stelle ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.