"Lo sterminio di una classe dirigente", nel Pd è tutti contro tutti

“Lo sterminio di una classe dirigente”, Pd: tutti contro tutti

Le accuse dei militanti. Le lotte fratricide. Si avvicina la tempesta perfetta?
LA POLEMICA
di
6 Commenti Condividi

“Nel Pd hanno massacrato una classe dirigente alle Politiche. Lo dico chiaro e forte. Il segretario regionale, Anthony Barbagallo, ha attivato meccanismi di sterminio politico nei confronti di quella classe dirigente del Pd siciliano, in particolare modo quella che proviene dalla sinistra. Perché lo ha fatto? Per trasformarlo in un partito personale, sul modello dell’Mpa dal quale lui proviene…”.

Antonio Rubino (foto d’archivio) è un ‘vecchio compagno’, componente della direzione regionale, che conosce a memoria i vizi, i peccati e le virtù di un partito che aveva un altro nome, quando già lo frequentava, a Palermo, nel celebre Palazzaccio di corso Calatafimi. E ha sempre avuto una schiettezza urticante, ma, forse, necessaria. Nel senso che uno dice come la pensa e poi gli altri, a loro volta, valutano se abbia torto o ragione. Ora, parlando con LiveSicilia.it del casus belli delle liste per le elezioni politiche, con le accuse di candidati ‘paracadutati’, definiti lontani dal territorio, il compagno Rubino amplia le sue riflessioni già affidate a Facebook.

Aveva, infatti, scritto: “C’è un gioco subdolo, pericoloso e denso di cattiveria che da anni prova a distruggere ogni forma di pensiero di sinistra dentro il Pd. Ormai ci siamo quasi, ma credo che chi viene da quella storia abbia il dovere morale di non mollare, di combattere e di ripensare ad un campo progressista vero ed alternativo al gioco perverso che c’è in atto”. Fibrillazioni che, dalle Politiche, discenderanno verso le Regionali, con una direzione, fissata per venerdì 19, nel pomeriggio. Un appuntamento già carico di polemiche preventive.

E’ che nel Pd si rincorra, da sempre, il ‘tutti contro tutti’, ancora una volta è un dato di fatto. Qualcuno spiega la sua versione, nell’anonimato: “Molti sanno che in Sicilia ci sarà una catastrofe e stanno preparando una fuga a Roma. Il vero sconfitto? Alla fine è Enrico Letta. Il suo campo largo gli si è sbriciolato tra le mani, l’alleanza con Calenda è fallita. Queste liste sono pensate per serrare i ranghi in vista dei contraccolpi futuri che, sicuramente, ci saranno dopo la sconfitta elettorale”.

No, non sono ore semplici per il Pd siciliano, con la prospettiva temutissima di due sconfitte, nella tempesta perfetta. Con Renato Schifani a Palazzo d’Orleans e Giorgia Meloni a Palazzo Chigi. Qualcun altro usa un’immagine molto forte: “E’ come scappare da Pompei”. Cioè, cercare di mettersi in salvo, mentre, intorno, tutto crolla. Un’immagine fortissima e paradossale, appunto. Che rende perfettamente l’idea. (Roberto Puglisi)


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

6 Commenti Condividi

Commenti

    Bravo Anthony hai sbagliato solo a non buttarli prima tutti questi inetti che non hanno nulla di sinistra, se non la faccia tosta di chiedere sempre candidature. Spero non sia troppo tardi

    Il PD deve finire di cavalcare l’onda della pseudegalura e pensare a lavorare onestamente…..tra crocetta e vittime varie, tra magistrati che danno soldi pubblici ai mariti e saguto spa…..n9n se be può più! Lavorate onestamente che i risultati arrivano

    Quelli del PD si sono convinti che il 25 settembre gli italiani premieranno il loro partito ed in forza di questo auto-convincimento stanno offrendo uno spettacolo indecoroso per aggiudicarsi candidature e collegi più o meno sicuri, naturalmente per i loro interessi. Un comportamento simile a quello dei polli di Renzo nei Promessi Sposi che hanno continuato a beccarsi fra di loro non sapendo di essere destinati tutti quanti a fare una brutta fine al mercato. Solo che quelli del PD la brutta fine la faranno invece alle prossime politiche in quanto gli italiani alle prese con bollette energetiche, caro spesa e problemi economici voteranno un centro-destra che almeno a differenza loro non sta mostrando in pubblico questa vergognosa lotta fratricida per aggiudicarsi le poltrone più sicure e soprattutto lauti stipendi per i prossimi cinque anni…….

    Renzi ha distrutto il Pd, ora si tenta di ricostruirlo. Lamentele postume non servono.

    Si sono ridotti i parlamentari, si è lasciata questa legge elettorale degna di una dittatura sudamericana e che fa comodo a tutti, gli elettori democraticamente non contano nulla, ma servono solo ad avallare scelte di potere fatte da una oligarchia preoccupata solo del proprio destino è non del destino della nazione. Non siamo messi bene, la gente non va più a votare e il paese devia pericolosamente verso altri dilettanti allo sbaraglio che sono già stati al potere che hanno combinato solo guai e dimostrato tutta la loro pochezza.

    Ahahahahahah, continuate pure a snobbare Cateno De Luca, che le darà a tutti… di cozzu e di cuddaru.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.