Mafia, incastrato il boss: 40 arresti I NOMI - Live Sicilia

Mafia, incastrato il boss: 40 arresti I NOMI

Coinvolto nel blitz l'ergastolano Alleruzzo, decriptata la mappa del clan Ercolano Santapaola. I particolari in aggiornamento.
0 Commenti Condividi

CATANIA – Maxi blitz dei carabinieri, incastrato il boss Alleruzzo, è scattata un’operazione a carico di 40 persone. GUARDA IL VIDEO Ai vertici del gruppo ci sarebbe l’ergastolano Santo Alleruzzo, già condannato per duplice omicidio, mafia e traffico di droga e tenuto a Rossano. Il boss avrebbe approfittato “dei permessi premio per ritornare nel paese d’origine (Paternò), ove nel corso di summit mafiosi continuava ad impartire ordini”. GUARDA ANCHE>>>LE FOTO

Le accuse

Sono indagati, a vario titolo, per “associazione per delinquere di tipo mafioso, traffico di sostanze stupefacenti, estorsioni e associazione per delinquere finalizzata alla commissione di falsi e truffe ai danni dell’INPS”.

Le indagini

Le indagini, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Catania, hanno consentito di ricostruire gli organigrammi della famiglia Ercolano – Santapaola di Paternò e Belpasso.

Gli affari

Non solo un fiorente traffico di stupefacenti, in particolare marjuana e cocaina, ma anche estorsioni, riciclaggio e ricettazione.

Una mafia capillare

Controllo del territorio, protezione per i commercianti che si piegavano alle leggi del clan. Agli atti dell’inchiesta ci sono i contributi versati, all’organizzazione, da un commerciante di ortofrutta, in cambio della protezione “per imporsi alla concorrenza e per gestire eventuali problemi con i creditori”.

E ancora, identificato un noto gioielliere che avrebbe consentito al boss di fare affari con diamanti, orologi e gioielli, senza alcuna rendicontazione fiscale: per questo è contestato il reato di riciclaggio.

I soldi dell’Inps nelle casse del clan

I carabinieri hanno individuato un “ulteriore canale di finanziamento delle casse del clan”, ovvero “l’indebita percezione dell’indennità di disoccupazione agricola”.

“Attraverso una rete di ditte compiacenti – scrivono gli inquirenti – consulenti del lavoro disponibili e soggetti che si prestavano a fungere da falsi “braccianti agricoli”, l’organizzazione predisponeva tutta la documentazione necessaria ed inoltrava all’INPS le domande per l’indennità”.

I nomi

Il Giudice per le indagini preliminari ha applicato la misura cautelare della custodia in carcere nei confronti di: 

  1. ALLERUZZO Francesco, nato a Palermo il 22/12/1982
  2. ALLERUZZO Santo, nato a Paternò il 21/03/1954;
  3. AMANTEA Salvatore Vito, nato a Paternò il 19/10/1995;
  4. ASSINNATA Domenico Filippo, nato a Agira il 29/04/1952;
  5. BEATO Giuseppe, nato a Paternò il 30/11/1979;
  6. BEFUMO Davide Alessandro nato a Paternò il 08/05/1980;
  7. BORZI’ Omar Francesco, nato a Augusta il 18/09/1989;
  8. DI LEO Lorenzo, nato a Paternò 10/11/1991;
  9. DI LEO Marco, nato a Paternò il 10/11/1991;
  10. DI MAURO Sebastiano, nato a Catania il 13/04/1994;
  11. FAZIO Alessandro, nato a Paternò il 06/07/1977;
  12. FONTANAROSA Michele, nato a Catania il 13.4.1957;
  13. FRENI Giorgio, nato a Catania il 27/10/1965;
  14. GATTARELLO Vincenzo, nato a Catania il 03/02/1982;
  15. LICCIARDELLO Daniele, nato a Catania il 07/08/1973;
  16. MENDOLARO Alfio, nato a Catania il 28/06/1981;
  17. MOBILIA Francesco, nato a Paternò il 19/05/1980;
  18. MOBILIA Giuseppe, nato a Paternò il 19/11/1977;
  19. PARISI Carmelo, nato a Paternò (CT) il 08/04/1975;
  20. PUGLISI Pietro, nato a Paternò il 11/08/1974;
  21. RECCA Giuseppe, nato a Catania il 05/09/1963;
  22. SCHILLACI Lorenzo Michele, nato a Troina (EN) il 25/04/1968;
  23. SCUDERI Ivan Gianfranco, nato a Catania il 10/10/1992;
  24. SINATRA Orazio, nato a Paternò il 22/01/1971;
  25. SINATRA Giuseppe, nato a Paternò il 27/12/1993;
  26. STIMOLI Barbaro, nato a Paternò il 01/07/1978;
  27. STIMOLI Salvatore, nato a Paternò 02/12/1981;
  28. STIMOLI Vincenzo junior, nato a Paternò il 30/09/1994;
  29. TERRANOVA Cristian, nato a Paternò il 24/09/1992;
  30. TORTOMASI Salvatore, nato a Paternò il 16/03/1958.

Il Giudice per le indagini preliminari haapplicato la misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di: 

  1. CORSARO Enrico Maria nato a Catania il 15.12.1972;
  2. COSENTINO Barbaro Luca Maria, nato a Paternò il 06/07/1995;
  3. GIANGRECO Giovanni Battista, nato a Paternò il 15/08/1995;
  4. LA DELFA Andrea, nato a Paternò il 25/10/1980;
  5. MALANDRINO Pasqualino, nato a Siracusa il 27/06/1981;
  6. NICOTRA Angelo nato a Catania il 12.12.1974;
  7. ORTO Giuseppe, nato a Paternò il 03/06/1962;
  8. PIRRO Alfio, nato a Catania il 26/09/1975;
  9. SARACENO Sebastiano, nato a Siracusa il 06/12/1965;
  10. SINATRA Maurizio, nato a Paternò 08/05/1988.

Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.