Mafia, chiesti 34 rinvii a giudizio per il clan agrigentino - Live Sicilia

Mafia, chiesti 34 rinvii a giudizio per il clan agrigentino

Tra gli imputati anche Rosario Pace, ritenuto a capo del clan di Palma di Montechiaro
PALERMO
di
0 Commenti Condividi

La Procura di Palermo ha chiesto il rinvio a giudizio di 34 persone accusate, a vario titolo di associazione mafiosa, estorsione e traffico di droga. Tra gli imputati anche Rosario Pace, ritenuto a capo del clan di Palma di Montechiaro, nell’Agrigentino. Il procedimento, coordinato dal pm della Dda Piero Padova, nasce dalle dichiarazioni del collaboratore di giustizia Giuseppe Quaranta.

Il racconto del pentito

“A Palma di Montechiaro a gestire ogni cosa c’è Rosario Pace, detto ‘cucciuvi’ “, ha raccontato agli inquirenti. Il pentito ha parlato di una cosca autonoma, diversa dalla tradizionale Cosa Nostra, ma con uno schema organizzativo simile ed in stretti rapporti con i clan mafiosi. Ed è per questo che la Procura di Palermo ha contestato il reato di associazione a delinquere di stampo mafioso. Il gruppo criminale, denominato “paracco”, non farebbe parte di Cosa Nostra, ma ne avrebbe tutte le caratteristiche organizzative. Come la stidda si affiancava alla mafia, di cui subiva l’autorità , ma si muoveva in autonomia. Quaranta ha descritto le “famigghiedde” costituite da una decina di persone, i “paraccari”, con una struttura gerarchica composta da capi, sottocapi, capidecina.

CONTINUA A LEGGERE SU LIVESICILIA.IT


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.