Maria Falcone: "Nessun endorsment per Lagalla, suo post poco gradevole" - Live Sicilia

Maria Falcone: “Nessun endorsment per Lagalla, suo post poco gradevole”

La sorella del giudice fa chiarezza su quanto pubblicato dal candidato sindaco sui social
LO SCONTRO
di
5 Commenti Condividi

PALERMO – “Trovo poco gradevole il post pubblicato dal candidato sindaco di Palermo Roberto Lagalla in cui una frase estrapolata da un discorso ben più ampio è diventata un mio endorsment alla sua campagna elettorale, cosa che non era affatto (QUI ALCUNE DELLE DICHIARAZIONI DEL CANDIDATO SINDACO). Ribadisco quanto detto nei giorni scorsi. Al di là delle qualità personali  dei singoli candidati, qui si pone una questione di principio: la politica non deve dare il minimo sospetto di relazioni con la mafia”. Lo ha detto Maria Falcone, sorella del giudice ucciso a Capaci e presidente della Fondazione intitolata al magistrato, a proposito del post pubblicato sulla pagina FB di Lagalla in cui si riporta solo una frase di una dichiarazione della professoressa nella quale si lanciava l’allarme sui rischi di inquinamento mafioso della politica.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

5 Commenti Condividi

Commenti

    Il tutto sarebbe abbastanza semplice….se qualcuno ha certezza che Lagalla ha legami con la mafia, vada in Procura e denunci affinchè possa essere arrestato. Se qualcuno ha certezza che dell’Utri e Cuffaro hanno legami con la mafia, vada in Procura e denunci affinchè possano essere arrestati. Il resto è la solita autoreferenzialità della sinistra per cui se sei con loro, puoi fare ciò che vuoi (Prodi, D’Alema, etc.), altrimenti sei un delinquente che merita la pena di morte e se sei siciliano non puoi non essere mafioso

    Beh, forse il sig. Marco non ha torto! Come giustamente dice lui, noi cittadini che dobbiamo andare fra poco al voto, così siamo solo confusi mentre potremmo avere le idee più chiare!

    Ma fate ellegere ai palermitani un sindaco che amministri bene la città. La mafia, l’antimafia e tutto il resto mandatelo nelle aule di giustizia dove ci sono magistrati che vengono pagati per questo.

    Un classico della sinistra italiana, non ha argomentazioni valide e quindi avvia la macchina del fango. I cittadini vogliono dei programmi, soluzioni ai problemi a cui la vecchia amministrazione non ha saputo far fronte.

    L’obiettivo del sistema giudiziario è recuperare le persone alla vita civile. Il moralismo è invece uno dei peggiori nemici del dibattito politico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.