Mariupol, la resa degli ucraini e la bugia russa VIDEO - Live Sicilia

Mariupol, la resa degli ucraini e la bugia russa VIDEO

Le immagini diffuse dalla televisione russa. Quanti sono i soldati che si sono arresi ai russi
IL CONFLITTO
di
2 Commenti Condividi

Mariupol, i russi hanno diramato un filmato che proverebbe la “resa” di mille soldati ucraini. Dalle immagini, però, emerge che quelli imortalati sono diverse decine, forse centinaia. Certamente non “mille soldati”. SEGUI TUTTE LE NEWS DELLA GUERRA

La Tv russa ha trasmesso un video in cui si vedono un “gruppo di soldati” arrendersi nella città portuale assediata di Mariupol. Da oltre un mese si combatte. Il porto principale del Mar d’Azov è il più grande obiettivo nella regione orientale del Donbas che Mosca definisce il fulcro della sua campagna.  LEGGI ANCHE – I BAMBINI FANTASMA

Il territorio è strategico per garantire un passaggio di terra tra le aree orientali controllate dai separatisti e la Crimea che la Russia ha annesso nel 2014. “Nella città di Mariupol, vicino all’acciaieria Azovstal, a seguito delle offensive riuscite delle forze armate russe e delle unità della milizia della Repubblica popolare di Donetsk, 1.026 soldati ucraini della 36a Brigata della Marina hanno deposto le armi volontariamente”.

Il portavoce del ministero della Difesa ucraino Oleksandr Motuzyanyk ha annunciato che marines della 36ma brigata sono stati fatti prigionieri dall’esercito russo, “ma non si tratta di mille soldati ucraini, molti meno. Mille è una bugia”, scrive l’agenzia Unian.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Troppe bugie in questa guerra , dai bambini che esplodono con le mine ai successi millanta da entrambi le parti…..si sentono in un film? ; il gringos, il nazista ed il comunista

    mille mezze bugie, mille mezze verità e in mezzo i morti, quello dei media e il resto di internet, ha fatto in modo di creare confusione, ho paura comunque che questa guerra non finisca a breve e che i nostri politici ci trascinino in mezzo anche a noi in una gerra assurda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.