Maxi truffa sulle auto di lusso|In Germania arrestato un siciliano - Live Sicilia

Maxi truffa sulle auto di lusso|In Germania arrestato un siciliano

Scoperta una rete per l'acquisto di auto di lusso in Germania, dove si trovava un gruppo di siciliani capeggiati, secondo gli inquirenti, da Vito Lo Piccolo. Le accuse sono di frode fiscale, truffa e riciclaggio nel mercato delle auto di lusso.

Operazione della procura di Ferrara
di
1 Commenti Condividi

Frode fiscale, truffa e riciclaggio nel mercato delle auto di lusso. Questi i reati contestati ad un’organizzazione criminale che tra Palermo, Ferrara e Bologna aveva creato una rete per l’acquisto di auto di lusso in Germania, dove si trovava un gruppo di siciliani capeggiati, secondo gli inquirenti, da Vito Lo Piccolo, finito in carcere con l’accusa di riciclaggio. Le indagini dell’operazione “Dirty Renting”, durate più di due anni, hanno infatti confermato il ruolo fondamentale, nella “catena”, del siciliano: sarebbe infatti stato il punto di riferimento dell’organizzazione che vendeva le auto in Italia evadendo l’iva, sfruttando un buco nella “maglia legislativa”.

In pratica, non veniva pagata la tassa per i casi di noleggio. Si tratta di più di 400 automobili di grossa cilindrata vendute come se fossero utilitarie: la guardia di finanza di Ferrara ha arrestato anche Francesco Sbarro, organizzatore della truffa che ha portato alla denuncia di ventidue persone, di cui molte ferraresi. E così, Porsche, Bmw e Mercedes venivano raccolte oltralpe dal gruppo di uomini siciliani, ma di tutto l’iter italiano si sarebbe occupato Sbarro, già imputato nel processo “Automec”.

Alla base della truffa c’è la gestione delle “cartiere”, ovvero società inesistenti intitolate a dei prestanome, dei rapporti con le agenzie conniventi del Mantovano che effettuavano l’immatricolazione, dei contatti con le officine – a Bologna e a Palermo – che manomettevano i contachilometri, anche azzerandoli del tutto. Oltre a Sbarro sono stati disposti gli arresti domiciliari per altri tre ferraresi che collaboravano con lui: R. P di 43 anni, T. S. di 51, B. P di 58. Altri diciotto i denunciati. Sotto sequestro, due immobili e di una tabaccheria, di quote societarie e conti corrente bancari.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Un siciliano si trova anche a brescia. Mi a truffato con unnassegno falso da z37milae 500. Fate attenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *