Meloni contro il reddito di cittadinanza: "È un fallimento" - Live Sicilia

Meloni contro il reddito di cittadinanza: “È un fallimento”

Record nel M5S: in 50mila votano per le parlamentarie.
POLITICA
di
4 Commenti Condividi

ROMA – La leader di FdI Giorgia Meloni ribadisce che “il reddito di cittadinanza è un fallimento totale nonostante abbia avuto per lo Stato un costo esorbitante pari a circa 9 miliardi di euro l’anno”.

Fra le principali notizie del giorno c’è l’annuncio di Matteo Renzi che si candiderà a Milano nella stessa circoscrizione di Berlusconi. Quest’ultimo intanto avverte: “Con noi al governo le sentenze di assoluzione non saranno più appellabili”.

Nel Pd proseguono le polemiche con molti degli esclusi dalle liste che prendono le distanze dal partito in attesa del prossimo congresso.

Record nel M5S: in 50mila votano per le parlamentarie. L’85% dice sì al listino di Conte.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    Il reddito di cittadinanza ha una grande funzione sociale di sostegno economico ma il problema gigantesco consiste nel fatto che viene erogato impropriamente a mafiosi, detenuti, spacciatori, assassini, rapinatori, sfruttatori di prostituzione, parcheggiatori abusivi, ex terroristi e perfino grandi evasori fiscali o multimilionari in Ferrari così come il recente caso scoperto a Milano. Occorrerebbe non eliminarlo buttando il bambino con l’acqua sporca ma rendere efficienti i controlli preventivi in maniera tale che vada solo nelle tasche di coloro che non possono mettere assieme il pranzo con la cena…….

    Ha ragione sono soldi sprecati. Vadano a laborare.

    Piranha visto che parli tanto,daglielo tu il lavoro.

    Fallita sarà lei, non sa cosa dice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.