Musumeci convoca l'ultima giunta: pronte le dimissioni - Live Sicilia

Musumeci convoca l’ultima giunta: pronte le dimissioni

Il presidente Nello Musumeci conclude il mandato. IN AGGIORNAMENTO
VERSO LE REGIONALI
di
6 Commenti Condividi

PALERMO – Il presidente della Regione Nello Musumeci ha convocato quella che dovrebbe essere, salvo colpi di scena, l’ultima giunta del suo mandato.

Arriva quindi l’ora X (LEGGI l’articolo su tutti i retroscena). Gli assessori erano stati allertati già ieri, le dimissioni dovrebbero essere rassegnate tra oggi e domani al massimo, quando Musumeci presenzierà all’inaugurazione di un cantiere importante a Catania. La giunta è stata convocata alle 12.00 di oggi.

Il contesto

Le dimissioni di Musumeci arrivano in un momento in cui il centrodestra non ha ancora scelto chi sarà il prossimo candidato presidente della Regione. Ma non basta, con le dimissioni scatta automaticamente l’election day, ovvero la tornata elettorale unica per le elezioni politiche e le regionali. Difficile pensare che quello di Nello Musumeci sia un salto nel buio.

Si rincorrono voci su possibili paracadute governativi, un posto da sottosegretario o un ministero, anche senza portafoglio. Ma in ballo ci sono anche i tre seggi che dovrebbero essere assegnati alla componente Diventerà Bellissima di Fratelli d’Italia, a coronamento del nuovo percorso.

Non solo seggi

Musumeci si dimette a conclusione di un mandato, in un momento di massima tensione del centrodestra. Una tensione che ha portato al logoramento dei rapporti personali tra i leaders dei singoli partiti, imbrigliati tra scontri epici, ripicche e interviste al vetriolo.

Numerosi i nomi in ballo per la successione di Musumeci. Il più quotato è quello di Stefania Prestigiacomo, l’ex ministro di Forza Italia. Ma i leghisti affilano i coltelli, ci sono tensioni del passato difficilmente da appianare, risalenti ai tempi in cui Salvini era ministro dell’Interno: la Prestigiacomo andò sul gommone per esprimere solidarietà ai migranti “fermati” al largo.

Micciché, dal canto suo, getta benzina sul fuoco. Ma, come spesso accade in Sicilia, nel centrodestra non è detta l’ultima parola. Ufficialmente non c’è un nome alternativo a Musumeci.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

6 Commenti Condividi

Commenti

    …. un danno enorme per la comunità lillipuziana…. ahahah….

    Ne arriverà un’altro della recessione morale e culturale………non cambia nulla

    Ottima notizia Presidente e te lo dice uno che vota per te. Accorpare le regionali alle nazionali oltre a far risparmiare milioni di euro manda a casa tutti quei saltafossi che ti osteggiano e non meritano poltrone da 15 mila euro a mese. Ti hanno attaccato fin dal tuo insediamento ma impprovvisamente ti chiedevano di restare fino all’ultimo giorno utile di legislatura. Ipocrisia e doppiezza che indicano che interessava solo mantenere quelle poltrone. Ora ufficializza la tua ricandidatura . La Meloni è con te e anche Salvini lo sarà. Non ti serve altro per tornare a vincere. Auguri Presidente.

    In val padana tutti gli ascari!

    A nome mio e della comunità equina tutta La informo che ci mancherà.

    Non poteva fare fine più ingloriosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.