Nino Di Matteo a Palermo: | "Serve una svolta etica" - Live Sicilia

Nino Di Matteo a Palermo: | “Serve una svolta etica”

Il magistrato Nino Di Matteo

Cerimonia nell'aula magna della Corte d'Appello

ANNO GIUDIZIARIO
di
11 Commenti Condividi

PALERMO – È stato inaugurato l’anno giudiziario a Palermo. La cerimonia, nell’aula magna della corte d’appello, si è aperta con la relazione del presidente della corte d’appello Matteo Frasca sullo stato della giustizia nel distretto. In rappresentanza del ministro della Giustizia partecipa il capo del Dap Francesco Basentini, mentre per il Csm è presente l’ex pm di Palermo Nino Di Matteo. Alla cerimonia assistono le massime autorità giudiziarie, come il procuratore generale Roberto Scarpinato, il procuratore della repubblica Francesco Lo Voi. Presenti in aula i vertici delle forze dell’ordine, il sindaco e il prefetto di Palermo. 

Nel suo intervento Di Matteo, componente del Csm, ha puntato il dito contro i “magistrati impegnati in una folle corsa verso incarichi direttivi ” e contro “correnti che da ossatura della democrazia sono diventate ambiziose articolazioni di potere”. Quanto venuto alla luce con l’inchiesta di Perugia, secondo l’ex pm, ha generato “un generale discredito nei confronti della magistratura”, ma “è anche l’occasione per ripartire prima che altri cambino le regole comprimendo valori come quello dell’indipendenza”. Ma per voltare pagina, secondo il magistrato, non bastano nuove norme, ma serve “una svolta etica individuale e di corpo”. 

 “Il Consiglio Superiore della Magistratura deve voltare pagina. Quel che è venuto alla luce dall’inchiesta di Perugia deve indignarci, ma non può sorprenderci perché è la fotografia nitida di una patologia grave che si è diffusa come un cancro e che ha portato allo strapotere delle correnti e al collateralismo con la politica, logiche che hanno allontanato l’organo di autogoverno dagli scopi per cui la Costituzione lo aveva previsto”, ha aggiunto Di Matteo.

Parla di geografia del crimine tipica dei Paesi sottosviluppati il procuratore generale di Palermo Roberto Scarpinato che, nel suo intervento alla cerimonia, partendo dall’analisi dei reati commessi nel distretto palermitano, disegna un affresco della società. “I furti cosiddetti minori, perpetrati da persone in stato di bisogno e in quartieri dove sono forti la dispersione scolastica e la disoccupazione, sono aumentati del 20%. – spiega – Nonostante la Procura si sia organizzata con un ufficio ad hoc il fenomeno ha registrato un enorme incremento”, dice definendo come tipico esempio di “efficienza inefficace” il contrasto a questo genere di crimini. “Nonostante le pene inflitte, il fenomeno cresce”, prosegue parlando di una “illegalità di insussistenza che non si combatte col codice. Le pene pecuniarie non possono essere riscosse perché i condannati sono incapienti le pene detentive brevi vengono convertite in obbligo di firma”, spiega. “E’ il tempo di rivisitare anche le forme di questa cerimonia – conclude – perché la questione giustizia è sempre più connessa a quella sociale e il dibattito deve investire tematiche più complesse”.

“Mancano 18 pm su 61, il vuoto di organico dunque è del il 30%. Ciò vuol dire che 7 sostituti devono fare il lavoro di 10. Auspico l’intervento del CSM per ottenere una copertura ragionevole dei posti. Tra il personale amministrativo poi c’è una scopertura del 25%”, denuncia il procuratore di Palermo Francesco Lo Voi.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

11 Commenti Condividi

Commenti

    si impone una svolta etica e una rivolta morale.
    La Magistratura e I cittadini devono operare alla luce della stella polare della nostra Repubblica : la Costituzione.
    Da essa si deve trarre la forza valoriale e morale per essere italiani, cittadini, pubblici ufficiali, dipendenti pubblici e trasfonderli nella vita pratica di tutti i giorni.
    E’ questo l’errore gravissimo che stiamo pagando sulla nostra pelle : ritenere la Costituzione, il Tricolore, l’Inno Nazionale ornamenti, accessori, lontani dalla nostra esistenza concreta, dallo squallore di tutti i giorni.

    “Il processo” di Franz Kafka nelle intenzioni dell’autore doveva mostrare situazioni paradossali e farsesche. Letto da un italiano di oggi sembra invece un racconto neorealista, tanto vicina è la descrizione di certe situazioni alla realtà. Certi magistrati di primo piano, veri fanatici per cui non esistono innocenti ma solo colpevoli che non si è avuto ancora la possibilità di condannare, ministri ancora più populisti di salvini, sono stati e sono i responsabili del disastro della giustizia.

    Finalmente hai abbracciato un fenomeno e un disgusto per la giustizia e le leggi condiviso da moltissimi italiani.Le pene debbono essere certe e non lasciate a cavilli giudiziari e scontate non con alberghi a 5 stelle.

    Per Di matteo la sua svolta etica sarebbe quella di mettere tutti in carcere

    Sempre e solo chiacchiere e distintivo.

    Troppi sono gli innocenti presi da lui per delinquenti, del resto fra lui e Davigo non vedo differenze sostanziali.

    Qualcuno dovrebbe ricordare a Di Matteo e Davigo, novelli Robespierre, come andò a finire la rivoluzione francese.

    Battute di basso profilo

    I delinquenti certo

    Svolta etica? separazione delle carriere e dele funzioni, divieto di intervista e di partecipazione di magistrati a convegni escluso quelli organizzati dal ministero o dalle università, divieto di riprendere i magistrati giudicanti, divieto di eservitare la proffesione di Magistrato nei distretti di di nascita, residenza e pregressa residenza, responsabilità oggettiva, divieto di comunicazione all’esterno del nome delle persone sottoposte ad indagini fino al rinvio al giudizio (questo vale anche per le forze di polizia e sanzionamento dei giornali che li puibblicano, questa è etica non l’abolizione di fatto della prescrizione.

    Ci vogliono i fatti non i proclami.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.