Le lacrime di Nino 'u ballerino | Al vaglio 5 anni di consumi - Live Sicilia

Le lacrime di Nino ‘u ballerino | Al vaglio 5 anni di consumi

Mille euro invece di 20 mila. In base alle indagini, nell'ultimo bimestre Antonino Buffa avrebbe pagato solo il 5 per cento del dovuto. Lacrime sul viso del titolare della nota friggitoria: "Ho agito con superficialità. Ho tenuto quei magneti solo per 15 giorni. Sono pronto a pagare".

Palermo - il caso
di
106 Commenti Condividi

PALERMO – Mille euro invece di ventimila. In un bimestre avrebbe pagato soltanto il cinque per cento di quanto dovuto all’Enel, abbattendo il 95 per cento dei costi in bolletta. Sono questi i dati che emergono dalle indagini nate dai controlli effettuati all’interno dell’attività commerciale di Antonino Buffa, per tutti “Nino u’ ballerino”, finito nell’occhio del ciclone dopo la denuncia scattata il 22 agosto scorso.

Quel giorno ad accertare la manomissione dei due contatori presenti nel negozio famoso per lo “street food” in tutta la città, sono stati i carabinieri insieme ai tecnici dell’Enel. E adesso, al vaglio degli inquirenti ci sono i consumi di energia elettrica inerenti a cinque anni di attività: quelli relativi all’ultimo bimestre, sul quale si sono concentrati i controlli, potrebbero infatti non essere gli unici “truccati”. I carabinieri e gli operatori Enel hanno accertato che, nonostante la presenza di due contatori da sedici ed undici kilowatt nei due locali comunicanti di corso Finocchiaro Aprile, il totale da pagare in bolletta sarebbe stato quello per un contatore da tre kilowatt, di quelli ad uso abitazione, per intenderci. Facendo una semplice moltiplicazione per il titolare della nota friggitoria potrebbe arrivare una stangata da centinaia di migliaia di euro.

“Ma io ho tenuto quei magneti soltanto per quindici giorni – spiega a Live Sicilia Antonino Buffa – e sono disposto a pagare quanto dovuto su tutti i fronti”. “Nino u’ ballerino”, a distanza di pochi giorni dalla denuncia dei carabinieri, si trova davanti alla sua rosticceria, come sempre, pronto a salutare e ad abbracciare amici e conoscenti. Il locale è pieno, ci sono decine di clienti.

“Sono in tanti a fare il tifo per me – dice – ma molte persone mi hanno anche giudicato ed insultato in queste ore, soprattutto attraverso i social network ed internet in generale. So di avere sbagliato e me ne pento. Ho già chiesto scusa per quello che ho fatto e ci tengo a ribadire che ho agito con una superficialità che vorrei non avere avuto. Purtroppo sono stato indotto dalla situazione economica attuale che sto vivendo. I clienti nel mio locale non mancano, ma le tasse stanno uccidendo tutti noi commercianti. Per questo ho sbagliato e sono pronto a recuperare per salvaguardare i sacrifici che ho sempre fatto per il mio lavoro”.

Buffa parla poi di “invidie” nei confronti di colui che “si è fatto da solo”. “Io vengo dalla strada e la mia famiglia, da generazioni, ha sempre fatto enormi sacrifici per andare avanti, ma si è sempre guadagnata da vivere onestamente. Purtroppo gli invidiosi sono ovunque e non risparmiano uno come me che è riuscito a diventare un punto di riferimento per chi vuole gustare il cibo da strada palermitano. Non giustifico il mio gesto, ma non è corretto accanirsi nei miei confronti per un errore che pagherò e sto già pagando”.

Sul viso di Buffa cominciano a scendere le lacrime. “Sono davvero dispiaciuto – dice – per me, per tutti coloro che lavorano qui. Ho ricevuto la solidarietà di tantissime persone che mi vogliono bene e sono sempre più convinto che non andrò mai via da Palermo, nonostante le proposte che mi arrivano da Roma e Milano. C’è chi mi consiglia di andarmene, di lasciare la città. Ma la terra dello “street food” è questa – prosegue – ed è qui che io voglio stare, assumendomi anche la piena responsabilità del mio gesto, come ho già detto ai carabinieri”.

“Il 13 settembre – continua – saranno passati dodici anni dall’apertura del mio negozio. Ho portato avanti la mia attività con enormi sforzi, iniziando quasi con nulla. Per quel giorno – conclude – spero ancora di potere gioire del mio lavoro, non voglio che questo errore cancelli anni di sacrifici, non voglio che i giudizi negativi prendano il sopravvento. A chi punta il dito contro di me dico: “chi è senza peccato scagli la prima pietra”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

106 Commenti Condividi

Commenti

    “sono stato indotto dalla situazione economica attuale che sto vivendo. I clienti nel mio locale non mancano, ma le tasse stanno uccidendo tutti noi commercianti….”.
    Occhio che ti cresce il naso. Rubi l’energia elettrica e vorresti farci credere che paghi le tasse??
    Non hai scusanti e non meriti sconti perché, pur avendo la capacita’ e la fortuna di avere il locale sempre pieno, hai avuto l’ingordigia di guadagnare più del dovuto.

    Riporto commento dell’esercente attività di ristorazione in oggetto

    “”Sono in tanti a fare il tifo per me – dice – ma molte persone mi hanno anche giudicato ed insultato in queste ore, soprattutto attraverso i social network ed internet in generale. ”

    Fare il tifo per lui?
    Per cosa? Per un furto di energia elettrica!

    E questi tifosi,cosa meritano?
    Il DASPO!

    E’ stato giudicato?
    Certo.
    Il giudizio di tanti non gli è piaciuto,ha preferito il giudizio dei “TIFOSI”.

    Da queste parole, dal commerciante profferite, appare di evidente chiarezza che le
    leggi,scritte o meno,se le ritagli ad libitum…

    A cominciare dalla occupazione della sede stradale che lo ha sottoposto a sanzioni da
    parte della Polizia Municipale .

    Ha ricevuto offerte per emigrare a Roma o Milano ?
    Cosa lo tiene ancora a Palermo,”città di detrattori,invidiosi,sparrettieri” desiderosi del
    rispetto dovuto?

    Invoca a discolpa il costo della vita…

    Molti dicono ” e cchè ghiri a rrubbare “?
    Ecco, appunto…siti compulsi…
    ma il Magistrato non penso possa accettarlo come dato esimente.

    Semplicemente un buffone!
    Gente del genere dovrebbe stare in carcere!! Sempre di furto si tratta e mi sembra assurdo provare a giustificare azioni del genere con la crisi…anch’io sono in crisi profonda come tanti Palermitani onesti ma non per questo mi passa per la mente di commettere furti, che sia di portafogli o di energia elettrica.
    Il sig. Ballerino farebbe meglio a togliere pure i tavolini e le sedie che tiene abusivamente lungo il corso Finocchiaro Aprile e tenere un pò più pulito il proprio locale. Non si permetta a dire che questo è il simbolo dello street food palermitano…da Palermitano mi sento profondamente offeso. Simbolo della GRASCIA forse!
    Ma i NAS dove sono??

    Ma per favore… Allora io per la crisi vado a rapinare banche….

    Sig. Buffa, gli imprenditori, quelli seri, sono tutta un’altra storia, e stia tranquillo che lei non farà mai parte di questi.

    Io ricordo e ricorderò Libero Grassi per la tenacia e la lealtà delle sue azioni: lui, si che è (stato) un Imprenditore!

    Lei?!… Non basterebbe nemmeno fare i gargarismi con la sugna bollente e baciare ogni singolo centimetro quadrato del marciapiede occupato in Corso Finocchiaro Aprile per essere definito un lavoratore serio. Ringrazi il cielo per aver commesso questo REATO in un inetta Italia senza equa giustizia.

    Ridicolo, prima fa un mea culpa, poi:
    L’ho fatto perché le tasse mi hanno ridotto i guadagni….
    Tutta colpa degli invidiosi…..
    Quando si ammette di aver sbagliato si chiede scusa e basta, non si adducono motivazioni del “piffero” per giustificarsi.
    Tanto per calcolare i consumi non ci vuole tanto, basta moltiplicare la potenza dei macchinari per le ore di funzionamento ed è fatta.
    Mi sa che sta settanta non “appatterà”…
    E poi che senso ha il discorso delle tasse: il costo della luce rientra tra le spese di gestione ed è detraibile, non capisco la convenienza nel taroccare il contatore.
    Bellu guaragnu!

    “…Sono in tanti a fare il tifo per me…” e poi le INVIDIE (che non mancano mai) ed il classico “…C’è chi mi consiglia di andarmene, di lasciare la città…”.
    Come se, non non dico onesti, ma almeno PAGARE LA LUCE ci fosse bisogno dell’approvazione del popolo.
    il popolino palermitano che sta lì, a sbrodolarsi con un panino in mano e ad urlare all’unisono FUTTITINNI NINO!!!

    Ho infranto la legge (però) vi chiedo scusa 🙂

    Che schifo meriterebbe la chiusura del locale…..

    se un attivita’ come quella di Nino u Ballerino, ed in passato anche altri nomi famosi, sono stati costretti a simili atti vuol dire che qualcosa non funziona nel nostro sistema fiscale.. se non si prendono seri provvedimenti contro chi ci governa ci faranno uccidere fra noi..paghiamo la luce piu’ cara d’Europa, pressione fiscale intorno al 60%… sfido chiunque a non tentare di recuperare, anche purtroppo manomettendo il contatore Enel.
    Libertà di stampa e anche difendere il cittadino messo sotto torchio dallo stato. Dovete dire la verita’ fino in fondo. non informare sui fatti, ma i fatti.

    Potevi essere un esempio positivo per molti giovani, invece sei quello che sei……..non piangere perché non incanti nessuno!

    Lacrime di coccodrillo,la verita’ è che se non scoprivano i suoi magheggi avrebbe continuato a pagare la luce come fosse una abitazione !!
    Facile dirsi pentito dopo che ti hanno beccato !!

    “…A chi punta il dito contro di me dico: chi è senza peccato scagli la prima pietra”.

    Nosn creda di essere la Maddalena. Chi punta il dito, in questo caso specifico, ha sempre pagato la luce e non ha mai consentito un suggerimento di usare la calamita.
    Questa frase è tipica di quello che giustifica i ladri perchè”non hanno lavoro”.

    Mentalità che ha affossato l’Italia: chieda scusa e basta, non giustifichi le sue colpe cercando colpe negli altri.

    E NINO NINO MI DISPIACE, MA IL PANINO LA PROSSIMA CHE VENGO A PALERMO LO MANGERO” DA CHI PAGA L”ENERGIA ELETTRICA.

    Quindi secondo il Sig. Buffa avrebbe tenuto i magneti solo per 15 giorni. OK! Ma lui i magneti li ha messi per rubare. Quindi in ogni caso per 15 giorni di certo è stato un ladro.
    Poi, ha la solidarietà di amici e clienti: vorrei vedere se ti rubassero a casa quanti di questi darebbero la solidarietà al ladro.
    Poi, “lo stato uccide noi commercianti con le tasse”: vero! Ma il suo concorrente che non ruba viene ucciso come e quanto il Sig. Buffa. Per inciso lo stato uccide tutti i cittadini.
    Mi permetto di chiamare ladro il Sig. Buffa perché lui stesso ha ammesso di aver rubato. In ogni caso il mio giudizio è temporaneo in attesa che un tribunale lo giudichi tale o lo scagioni.

    Ora si scoprirà che paga pure il Pizzo!

    Non chieda scusa e si assuma le sue responsabilità.
    L’ENEL presenterà un conto (temo salato) che pagherà; pagherà anche con la giustizia ordinaria.
    Signor Buffa, nessun accanimento.
    La luce si paga, non si fotte.

    Devi cambiare il nome del locale da Nino ‘u ballerinu a ” Nino ‘u truffaldinu “

    L’invidia, solito refrain di chi ruba lo stipendio senza fare una cippa, ora adottato anche da chi ruba! Accanimento, solidarietà dei clienti, ma di che parla l’ineffabile ballerino, che gira in Ferrari e tiene lezioni alla Bocconi e poi frega la luce. Adombrare accanimento giudiziario è di moda nella politica, ma ora, a quanto pare, anche nelle ruberie spicciole, e ottenere solidarietà dei panormiti che tifano per i posteggiatoti abusivi (ma che devono rubare?) o per gli ambulanti abusivi (s’anno a vuscari u pani) non è poi così difficile. Silenzio dignitoso, caro ballerino, e pagare il giusto.

    Sig. Buffa……………ma come…………………….una bravata?
    Ma si rende conto??? Forse no, sto sopravalutando le Sue capacità.
    Allora visto che la crisi colpisce sempre gli stessi, facciamo cosi: andiamo a rubare? veniamo a svaligiare il Suo locale?
    Per favore, ma sentita la Sua popolarità, sia almeno da esempio positivo per tutti quei giovani che hanno veramente bisogno di crescere nell’onestà, rispetto e civiltà.
    Sia da esempio anche per questa Città sentito che ha tenuto pure una “conferenza” a Milano sul “pani cà meusa”.
    Sig. Buffa, la prego, abbi un comportamento meno arrogante, presuntuoso e di vittimismo.
    Affronti con umiltà la realtà e risalga la china visto che adesso ha fatto un ruzzolone verso il basso.
    Grazie.

    “ma le tasse stanno uccidendo tutti noi commercianti. Per questo ho sbagliato e sono pronto a recuperare per salvaguardare i sacrifici che ho sempre fatto per il mio lavoro”

    Nino Vergogna per queste parole che dici!!!! Tu che fai una volta si e 10 no lo scontrino fiscale non ti puoi permettere di dire che le tasse ti stanno uccidendo! E’ un’offesa nei confronti dei commercianti onesti che le tasse, invece, le pagano fino all’ultimo a differenza tua e di molti altri. Quando non si hanno alibi è facile prendersela sempre con lo stato, il comune, la regione…è facile prendersela sempre con gli altri. Vergognati!

    Nel nostro ordinamento, purtroppo, l’apologia di reato è sanzionabile soltanto nei casi di crimini e reati gravi. Questo non è un reato grave, anche se sentire che c’è gente che fa “il tifo” per lui o che lo giustifica con la giustificazione più di moda per ora, la crisi, è qualcosa che fa capire che non cambieremo mai, che saremo sempre un popolo di gente che tira a campare, che non guarda oltre il suo naso, che ci arrangiamo per andare avanti in una vita mediocre e trasmettiamo questo lugubre e desolante modo di pensare anche alle future generazioni.

    Ma poi dico, ora sto tizio si troverà a pagare gli arretrati e chissà quali sanzioni, ma ne valeva la pena? Che fa? Poi si lamenterà che è stato costretto a licenziare?

    SFIDA CHIUNQUE?!?
    eccone uno che la luce la paga!
    Gentile Lettore, ha perso la sfida.
    ps: ma un po’ di vergogna no?!?

    l’unica cosa che non funziona nel sistema fiscale sono i cittadini disonesti che evadono e rubano!

    la prima pietrata la tiro io: pago TUTTE le tasse (mio malgrado) e non rubo sulle utenze (acqua luce gas telefono).
    Ho pure telefonato al Comune per farmi inviare l f24 per pagare la TARI o TASI (manco ricordo come si chiama ma la devo pagare..)
    Arrivo a fine mese a stento, ma con DIGNITA’, un valore che si sta perdendo..

    I NAS -Ispettorato del Lavoro- guardia di finanza (in borghese) – fanno sempre gli stessi giretti, ovvero nei famosi locali per bene che sono in grado di pagare subito i verbali stesi dagli stessi. Costatazioni assurde se paragonate alla non curanza che si trova in certi locali dove si somministra cibo e bevande, ma i locali come quelli di Nino rappresentano “Folklore”, quind non si “controllano”… poi non so quali siano i motivi veri di questo deserto di controlli, anche un bambino di 3 anni si puo’ accorgere che e’ pericoloso per la nostra salute. Ma la verita’ e’ che tanta gente adulta (capace di intendere e di volere) frequenta certi loschi e ngrasciati posti a consumare cibi tanto per riempirsi la pancia, e se sta bene al loro allora… qui la legge non e’ uguale per tutti! Pagano sempre gli stessi fessi!

    Ma quale crisi e quali tasse…
    Vorrei vedere quanto dichiara al fisco e il tenore di vita. L Enel farà i suoi controlli, voglio vedere se sono 15 giorni.

    A parte che le persone che tifano per lui, chi sono? Altri poveri “disgraziati” che sono costretti a usare magneti?
    E i miei complimenti a quelli che volevano farne un simbolo di legalità e lotta alla mafia.

    Che razza di giustificazioni!! Lo Stato pretende le tasse e quindi lui ruba!! Ruba la energia elettrica, il suolo pubblico, non emette lo scontrino, ma insomma che pretende di guadagnare e basta, paga come fanno tutti e non fare concorrenza sleale!! Inutile chiedere scusa !!!

    e facile piangere dopo che ti hanno beccato con le mani sporche

    E’ stata una bravata??? E se ora si scopre che questa bravata è andata avanti per anni e anni è sempre una bravata o un modo per truffare l’Enel?? Che poi se lei sig. “ballerino” truffa l’Enel i suoi consumi li paghiamo NOI!!!!!

    Nell’altra parte dell’articolo leggo ” gli scendono le lacrime”, ma voi di Livesicilia dite vero a fare un articolo quasi di compassione per un commerciante che fa queste cose?? Mi meraviglio di voi, questo articolo sembra quasi che lo giustifichi.
    Spero vogliate rispondermi.
    Questi atti sono da condannare senza se e senza ma, c’è gente che con onestà e dignità paga tutte le tasse, paga la TARSU, paga l’Enel e sopravvive a stento, su questi commercianti dovreste fare un articolo per sorreggerli, e non su questo signore.

    VIVA I COMMERCIANTI CHE CON ONESTA’ SOPRAVVIVONO PAGANDO TUTTO ( magari avranno una macchina più piccola del sig “ballerino” ma di sicuro non compiono certi gesti).

    circa tre anni fa sono andato da Buffa a mangiare il panino con la milza, da allora non ci sono andato più perché il locale era troppo sporco, occupava con sedie e tavolini il marciapiede e tre metri circa di sede stradale, e dulcis in fundo non ci ha fatto lo scontrino fiscale.
    Caro ballerino, le tue argomentazioni fanno ridere i siddiati, troppe tasse? e gli altri che sono cchiù fissa che le pagano? 15 giorni soltanto di “furto”? bene, fornisci alla Guardia di Finanza le fatture d’acquisto dei macchinari, l’enel farà il conteggio della potenza in watt moltiplicato per le ore di lavoro fino a data odierna, poi fai vedere se le bollette pagate sono compatibili.
    Auguri Nino

    “…Nino u Ballerino, ed in passato anche altri nomi famosi…”.
    Questi si sono bevuti quel poco di cervello che avevano. Si credono Gualtiero Marchesi, Carlo Cracco o l’Artusi???
    Arroganti e fortunati ma asini.

    Ma è sicuro che alla Bocconi non abbia tenuto una lezione “come fottere la luce a Milano”….. ??
    Andare via da Palermo? E unni? A futtiri a luci puru ddá?!
    Dovrebbe solo vergognarsi!!!!

    Chi scrive è un piccolo imprenditore che paga tutto e soprattutto la luce, e quest’anno non ha fatto neanche le vacanze con la famiglia per indisponibilità economica!!!!

    Faccio ancora una volta presente a tutti voi, che considerate Nino solamente come un meusaro, che quando ha tenuto una lectio magistralis all’Università Economica Bocconi di Milano, sia a professori che a studenti, sul significato antropologico del cibo da strada è stato lungamente applaudito ed inoltre sarà prossimamente invitato anche da altre Università italiane. Pertanto massimo rispetto per l’uomo che ha pure pubblicamente chiesto scusa.

    perchè abbiamo la luce più cara d’europa, allora lei giustifica il comm. che ha rubato a spese di paga regolarmente, questo comm. ha danneggiato altri comm. onesti,

    una scaltro…..stupido,lo sanno anche i bambini dell’asilo che esiste il telecontrollo sull’energia elettrica,le anomalie le rilevano direttamente in centrale!!!!!!

    in sicilia diventi un mito per ste cose…

    invece diventera’ il mito dei siciliani e avra’ piu’ clienti di prima…

    I veri palermitani ( quelli onesti) non ti perdonano

    @soloiniitalia… solo in sicilia ci sono persone come te…

    MA NON SCANDALIZZATEVI PER NINO U BALLERINO,LUI è SOLO UN PICCOLO ESEMPIO DI PERSONA CHE SI ARRICCHISCE ILLECITAMENTE A PALERMO AD OGNI ANGOLO DI STRADA ,C’è IL FURBO DI TURNO CHE APRE ATTIVITà SENZA NESSUNA AUTORIZZAZIONE UFFICIALMENTE DISOCCUPATI NELLA REALTà POSSESSORI DI APPARTAMENTI ,AUTO DI LUSSO BARCHE ECC. MI DOMANDO,MA è COSI DIFFICILE PER CHI PREPOSTO AI CONTROLLI SCOVARE TUTTI QUESTI EVASORI ? ED INOLTRE AL DANNO LA BEFFA ,MA LI AVETE MAI SENTITO COME SI VANTANO DEL TENORE DI VITA CHE TENGONO? UNA BEFFA PER CHI LAVORANDO ONESTAMENTE NON RIESCE AD ARRIVARE A FINE MESE.QUESTA CITTà è IL REGNO DI TUTTI GLI SCAFAZZATI ARRICCHITI ALLE NOSTRE SPALLE.

    @nonepossopiù:
    ” che gira in Ferrari ”

    Però…
    Se tanto mi dà tanto,i Bocconiani non pensano di sprecare il loro tempo a studiare ?

    Una leggerezza … mettere i magneti è una leggerezza. Ma u’ ballerino canta i barzelletti??

    Quanti sono stati “beccati” dall’Enel ormai con il contatore elettronico non è difficile.
    Ma tutto questa baldoria solo perchè è Ninu u Ballerinu ? ogni giorno centinaia di cittadini/commercianti vengono denunciati per frode d’energia. Ma ormai viviamo solo di gossip.
    Ha sbagliato e pagherà come è giusto che sia nei confronti di chi ha sempre pagato.

    SONO D’ACCORDO CON I COMMENTI DI LETTORI MA VORREI CAPIRE: LA BOLLETTA DELL’ENEL SAREBBE STATA DI 20.000 EURO PER I CONSUMI DI UN BIMESTRE DI UN LOCALE DI RISTORAZIONE? E ALLORA MI DOMANDO: SE QUELLO DI NINU U’BALLERINO E’ UN FURTO, LE TARIFFE DELL’ENEL COME LE POSSIAMO DEFINIRE?

    Non lo giustifico per niente, ma , ahimè, bisogna constatare che in questa città di venditori ed ambulanti abusivi, c’è gente che evade il 100% delle tasse, vendendo prodotti di dubbia provenienza.

    Poverino ha fatto la fame! Non lo fa più!
    In galera!!!!

    PS. Il titolare del “famoso negozio di street food”. Palermo questo si merita, Ninu u’ballerino!

    Aspetta che ti fanno i conteggi e l’unica cosa che ti restera’ della bocconi, saranno I bocconi AMARI.
    La legge non perdona chi ruba x bisogno , pensa un po se perdona chi ruba per arricchirsi. Dietro il semplice gesto di un interruttore che accendi, una spina che metti etc etc, c’e’ il lavoro 365 giorni l’anno notte e giorno di persone, e nessuno puo’ giustificare il furto , anzi mi meraviglio che ti lasciano ancora Aperto.
    A me sinceramente dispiace solo per le persone che lavoravano in quel posto.
    Quello che verra’ da adesso in poi e’ solo frutto di un reato che si chiama FURTO.

    Leggendo l’articolo che dice che solo nell’ultimo bimestre ha pagato 19000 euro in meno e considerando i conteggi degli ultimi 5 anni, se la matematica nn e’ solo una opinione, ha rubato ben 570000 euro di luce, che paghera’ piu’ interessi etc etc etc

    Non voglio entrare nel merito della notizia di un reato, aggravato dall’eccesso di notorietà, ampiamente diffuso. Però che strano, leggere le reazioni di così tanti cittadini (m’illumino d’indegno…), viene da pensare che mi trovo in una città ignota, diversa da Palermo, dove l’individualismo è arte, scienza e coscienza.
    Vivo da sempre a Palermo; posso giurare che è prassi consueta e consolidata tentare d’accorciare qualunque filiera: dalla circolazione stradale ai parcheggi; dal tentare di non pagare o pagar meno (ho un amico che…); dal gettar la spazzatura ovunque (purché fuori casa) a saltare qualunque fila. In poche parole Palermo è abitata da un numero sempre più considerevole di “vastasi”; gentaglia che non dorme la notte per pensare come fottere, al risveglio, il prossimo.
    In poche parole, il concetto di legalità da Palermo è stato mandato al confino; vi rimarrà ancora per molti anni.

    se tutti pagassero onestamente… l’enel non avrebbe bisogno di caricare sul prezzo i costi di quelli che truffano,…

    spinnare di vedergli fare gli scontrini!!!!

    @ciao ciao, ti consiglio di di cercare sul sito, trovi la risposta ( live sicilia 23/ott/2012

    Ma la meusa che propina ai suoi clienti dove la compra?? Alla discarica di belloulampo??

    Palermo è piena di vastasi. verissimo; ma per fortuna esistono ancora delle sacche di civiltà….
    Infatti mi incazzo perchè pago tutto sino all’ultimo centesimo, non salto file, non ho amici che mi “accorciano” la strada….e la notte non dormo, no perchè penso a come fottere il prossimo, ma perchè penso a come arrivare sereno alla fine del mese.
    Mi piace pensare che i miei figli prendano spunto anche solo per “emulazione” e che comprendano che l’onesta paga sempre.

    In attesa di verifiche e di indagini più accurate si dovrebbero mettere i sigilli al locale e sospenderne l’attività. Sarebbe un messaggio di legalità, soprattutto per i giovani e per quella fascia della popolazione palermitana che vive giustificando sempre i furbetti e i delinquentelli, che non capisce che alterare il contatore della luce è un reato e non una cosa da “corna dure” o da “tochi”.
    Con l’augurio, ovviamente, che il furto di energia elettrica del sig. Buffa e la relativa sanzione nei suoi confronti, sia accertata di lieve entitàe che possa tranquillamente riprendere la sua attività di “ristoratore” e di conferenziere.

    Ma chi si indigna è poi il primo a cercare scorciatoie…condanno anche io il reato, ma sarebbe bello che molta gente avesse questi toni anche nei confronti dei politici, che rubano molto di più e quotidianamente. Siamo solo un popolo di mediocri.

    Io personalmente di leggere le scuse del ballerino, di sapere delle sue lacrime non mi interessa affatto.
    Sul fatto che debba pagare non c’è alcun dubbio, e per il furto aggravato sono sicuro che ci sia anche la denuncia penale. Il ballerino dal mio punto di vista si é giocato qualunque possibilità che vada mai a mangiarci un panino. Personalmente proporrei un boicottaggio che non porti più a comprare nulla nel suo esercizio. Che ci vadano a mangiare i suoi amici e quelli che battono sulle spalle del “poverino”, che pensano che il furto allo stato sia una cosuccia di poco conto. Nino ha rubato e offeso tutta la comunità di onesti commercianti e lavoratori, coloro che si sbattono la testa al muro alla ricerca di un lavoro, coloro che stanno a casa disperati perché non sanno più dove cercarlo.

    “Sono in tanti a fare il tifo per me – dice – il tifo per lui.! solo in sicilia possono accadere queste vergogne come il mettere i tavolini che occupano mezza carreggiata senza avere alcuna autorizzazione, invadendo abusivamente il suolo pubblico creando problematiche alla viabilità e ai residenti..Vergogna basta che avete votato Orlando lui il sindaco lo sa fare.

    Se il caro Nino u ballerinu è così pentito da questo gesto perché non collabora e fa i nomi di chi gli ha fornito i magneti?

    E no, mente pure sui 15 giorni….se la matematica non é un opinione,anche approssimando, 20mila euro in 2 mesi sono 10 mila al mese,cioè 5 mila ogni 15 giorni, quindi la bolletta dovrebbe essere stata almeno 15 mila per un mese e mezzo più quella taroccata……altro che 15 giorni di magnete…

    non giudico l’uomo …giudico l’imprenditore….chi ruba la luce alla collettivita’ non solo si arricchisce ancor di più di quanto non lo faccia (anche occupando abusivamente credo parte della sede stradale di C.so Finocchiaro Aprile)ma riversa il costo della sua furbizia sulla collettività …. ma è lo stessa pasta di “imprenditore” che paga i dipendenti ogni morte di papa … 4 soldi per 15 ore di lavoro… figurarsi la messa in regola e altro ….bene di sta gente in giro non se ne sente il bisogno …ha sbagliato ? Bene .. se sara’ ritenuto in un processo responsabile ..galera e restituzione dei soldi ….

    E quindi? Questo cosa c’entra con un ladro che ruba? Altri per avere rubato corrente per vero stato di incapienza sono stati immediatamente arrestati. Quindi tu giustifichi il ladro perché la maggior parte dei palermitani ha mentalità truffaldina?

    Il baccano é la giusta reazione di cittadini normalmente onesti (che quindi non CERCANO scorciatoie) alle sue esternazioni sbagliate e indisponenti.

    ora vedrai che si passera da 20 battute, a 950 battute ( cassa),

    i soldi per la ferrari li trova però…
    e chissa quanti sono i suoi impiegati messi in regola…

    E’ diventata una moda quando si sbaglia e si è pescati o si piange ( ci sono grandi statiste siciliane che ne sono un fulgifo esempio) o ci pente ( numericamente l’Italia con questa gente potrebbe annientare l’Armata Rossa) .

    Caro @pier camillo, quindo possiamo stare sereni: basta chiedere scusa per fare dissolvere i furti, l’evasione fiscale ed ogni altra forma di reato, e in più si può (anzi, secondo lei si deve) ottenere RISPETTO per avere rubato. E chi invece paga tutto, perfino ‘u fumu ‘ra lampa, cosa dovrebbe ottenere? A Palermo è così, passa il messaggio che considerazione e rispetto sono dovuti a chi, a vario titolo e con diverse sfumature ed entità, truffa, ruba, invade, sporca, estorce, fa finta di lavorare e così via andando.

    nino, ti sei fregato con le tue mani, ti e’ piaciuto usare il fornello elettrico per scaldare la sugna , non usavi più le bombole di gas, ed il “bombolaro”, per concorrenza sleale ti ha fottuto.

    A dir suo, siamo tutti invidiosi, uno che si è fatto da solo……il meccanismo per rubare la corrente

    Caro ninuzzu ‘u ballerino purtroppo dico purtroppo a te sembrerà strano che la legalità dobbiamo averla nel nostro DNA, tu non puoi essere fiero che ai dei fans per quello che è successo, tu dovresti chiedere intanto scusa ai tuoi figli e alla tua famiglia e dire che quello che hai fatto non si fà. Poi chi viene dalla strada come dici tu e come sono stato io che ho vissuto in una famiglia numerosa e mangiavamo quando papà portava qualcosa, siamo cresciuti tutti con una grande educazione e rispetto, pur vivendo in una situazione di disagio economico. Caro ninuzzu ‘u ballerino poi se ti fai cambiare questo nome è sempre tardi, di ai tuoi fans che della vita non hanno capito nulla o niente!

    ho letto i vari commenti dei cittadini onesti , che condivido, e mi viene difficile aggiungere altro perchè potrebbero essere frasi volgarii – comunque merita essere fatto Santo subito

    Piercamillo deve essere uno dei tanti amici detenuti (o ex dentenuti) di Nino, autentico “punto di riferimento” dei pensionanti di “Ucciar…sidorme” e “Paglia…celle”…

    Noto con dispiacere l’interesse di molto a distruggere quel che resta di un soggetto gia’ distrutto di suo,che nel tentativo di salvare posti di lavoro e si fa carico di ignobili gesta.
    Per molti dare il colpo di grazia e’ sucuramente il massimo delle proprie ambizioni.
    Molti si trovano soli a decidere, altri vengono consigliati ,altri hanno gia deciso e sono morti.
    Mi e Vi domando volete anche CROCIFIGGERLO? oh lapidarlo in piazza?

    In 10 anni da Palermo si sono allontanati circa 30.000 persone. Purtroppo mi sa solo gente onesta. Capisco perchè lei non vuole partire.

    perocontinua ad avere l negozio pieno…………..boicottiamo nino u ballerino che serva da lezione anche agli altri che ci fottono

    Mettiamola così. Trovare a Palermo qualcuno che abbia pieno diritto d’indignarsi, è roba da guinnes dei primati: tanto di cappello, a quelli che lo sono. La triste realtà è quella di una società marcia fin oltre il midollo, essenzialmente per ignoranza ed abulica mancanza d’identità sociale. Quando torneremo ad insegnare nella scuola, nella vita quotidiana, sul lavoro (nella politica ci rinuncio, per impraticabilità del campo…) alcuni valori etici quali onestà, rispetto degli altri e dell’ambiente, cultura del lavoro; quando riprenderemo il valore dell’educazione attraverso l’esempio anziché correre appresso a mode effimere, sarà un’altra storia. Sono già al 62° giro, del gran premio della vita, non penso proprio che riuscirò ad arrivarci.

    il sig ballerino dice che ha da poco tempo che truffa (dice lui) e se non fosse venuto a galla ora questo discorso per quanto ancora avrebbe truffato e rubbato il sig nino.
    che scusa meschina e pietosa questa della crisi . IO PERSONALMENTE LO CANCELLERO DALLA MIA AGENDA CULINARIA spero anche tanti altri.

    Insieme ai Carabinieri e Tecnici dell’ENEL dovevano presentarsi anche i NAS e gli Ispettori del Lavoro, allora sì che gli avrebbero chiuso il locale.

    Si è distrutto da solo, non dare la colpa agli altri. Io vedevo in lui una sicilia che si riscattava, un’esempio. Ora non ci passo neanche più da questo locale, ritrovo di personaggi………..ci siamo capiti. peccato…

    Che possa chiudere al più presto, e fai gli scontrini, scontrini scontrini SCONTRINI…CAPITO?

    …lacrime di coccodrillo

    IL SIG. NINO U BALLERINO……SI DOVREBBE SOLO VERGOGNARE, QUANDO DICE C’è GENTE CHE FA IL TIFO PER LUI, UNO CHE RUBA NON VA GIUSTIFICATO Perché C’è LA CRISI, NON HO PIU LA CLIENTELA DI UNA VOLTA, BHE VORREI RICORDARE AL CARISSIMO NINO U BALLERINO CHE I SUOI TAVOLINI E SEDIE ARRIVANO FINO ALLA LINEA DI MEZZERIA DI CORSO FINOCCHIARO APRILE…….IN POCHE PAROLE IN MEZZA A STRATA…….SI SCUSA PURE PER QUESTO?O DAGLI SCONTRINI CHE NON FA PER OGNI PANINO…..MI SPIEGHI ASPETTO RISPOSTA….CARTO NINO U BALLERINO!!!!!!!

    L’importante e’ che se ti scoprono (solo se ti scoprono) ti penti e chiedi scusa. Magari dicendo ” chi é senza peccato…..”. Così facciamo il tifo per te.

    @ soloinitalia
    Questi si che si chiama avere le idee confuse. Se una persona non condivide il prezzo di una cosa o non può permettersela, semplicemente ci rinuncia. Io ho un’utilitaria e mi piacerebbe avere una fuoriserie ma le tasse non me lo permettono, però non vado a rubarla … Ergo, se é vero che siamo sommersi dalle tasse, é altrettanto vero che fino a quando i furbi (che lei difende) ruberanno, pagheremo tutti più del dovuto.

    Forza nino, hai sbagliato e pagherai, ma non hai ucciso nessuno.
    Tanti politici allora dovrebbero essere all’ergastolo

    Siete solo invidiosi della sua Ferrari.

    Io non ci andrò più…
    ho già cominciato a farlo con altri per altre situazioni simili,Ma purtroppo come dicono alcuni, a Palermo, Nino diventerà il mito di tutti gli pseudo delinquentucci da strapazzo.
    Peccato Nino, ti eri evoluto, addirittura ti hanno chiamato alla bocconi e ti sentivi anche un po vip… adesso sei ritornato quello che deve fare buon viso a tutti specialmente quelli …che ultimamente volevi evitare.
    Però fai una cosa, stai zitto. shhhhhhhh non parlare peggiori la situazione .ci sono momenti in cui bisogna s t a r e zitti!!!.

    Le lacrime di Ninu e le lacrime di Nelli…..entrambe inopportune

    che schifo!!!!!!!! uno che guadagna un casino di soldi grazie a noi palermitani ha avuto il coraggio di rubare energia elettrica….indegno!!!!!! il bello che chiede scusa…scusa stu c…..

    Caro ninuzzu
    u sacciu iu unnitamittissi a calamita !!!!!!!

    Aveva due contatori, da 8 e 6 Kw se non erro… Quindi il discorso è molto diverso rispetto a un’abitazione…

    …..NINO U GRATTINU…..

    Avrei capito un padre di famiglia disoccupato, ma non lui che grazie a Dio ha un’attività che va avanti a gonfie vele.

    NINO U TRUFFARDINO

    Ninu ‘u CHIANCIULINU

    Condivido in pieno! L’onestà e la dignità sono valori che non si comprano, s’imparano fin da bambini. Se si hanno dei valori, la povertà spesso è la molla per migliorare, mentre altri non ce la faranno mai perchè non hanno imparato nulla dalla loro condizione, semmai si sono abbrutiti e pur avendo migliorato economicamente la loro posizione sono rimasti come gli ultimi, affetti da una fame antica (mentale) che non riusciranno mai a dimenticare.

    ninu o magnete

    Caro nino come oggi ci vorrebbe Benito Mussolini solo queste parole voglio scrivere.

    dicci dove???????…..

    La notizia in sé é stata piú che commentata, ma come si arriva a calcolare € 19000 di bolletta al bimestre ?

    caro ballerino ti e finita bene perche’ se controllano tutti i topi che hai dentro il tuo lacale
    a parte tutti i tipi di scarafaggi ti poteva finire peggio…….
    ti pulizziavi u nasu ca carta e tua moglie pari a reggina i pussilipo

    Mi stupisce il fatto che, al di là dei commenti sulla totale mancanza del rispetto delle elementari norme in materia di igiene e sanità del suddetto locale , un semplice controllo di un ispettore Sanitario della ASL “cieco” chiuderebbe il locale immediatamente !!!!.
    Orlando tu che il sindaco lo sai fare stai prendendo provvedimenti per tutelare i cittadini palermitani da questo ? Ispettori della ASL finitela di latitare e fate il vostro dovere (non prendendo di mira solo i locali del centro storico) ! Vergogna !

    Io sono uno che fa il tifo per ninu u ballarino… Ninu vai a ballare e lascia stare l’ENEL che è meglio!!

    Ha ragione Ninu u Ballerinu, si pagano troppe tasse, e quindi chi si può arrangiare si arrangia, poi a detto di tanti sembra che “U Ballerinu” fa molta beneficienza quindi quello che rubava lo dava ai poveri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.