"Nuovi alberi al posto | di quelli tagliati per il tram" - Live Sicilia

“Nuovi alberi al posto | di quelli tagliati per il tram”

Lo dice il presidente della commissione consiliare Urbanistica, Alberto Mangano, che ha partecipato ad un primo incontro sul tema delle compensazioni insieme all'assessore Barbera.

MANGANO (MOV139)
di
8 Commenti Condividi

PALERMO – Passi avanti sulle compensazioni degli alberi tagliati per lasciar spazio alla Linea 3 del tram di Palermo, una scelta dolorosa ma necessaria per consentire la realizzazione di un’infrastruttura tanto imponente. Già in precedenza dall’amministrazione e dalla commissione consiliare Urbanistica erano giunte rassicurazioni in merito alla possibilità di effettuare nuove piantumazioni sostitutive sia nelle zone limitrofe sia in altre aree della città oltre che all’Orto Botanico. Lo sradicamento degli alberi, in particolare della pregiata specie delle chorisie, aveva scatenato le proteste degli ambientalisti, che sono arrivati a reclamare lo stop ai lavori su quella parte di tranvia.

A margine della discussione sulla Tares, il presidente della commissione Urbanistica, Alberto Mangano, conferma queste indicazioni: “Il 50% delle compensazioni era già previsto nel progetto iniziale della Sis. Ma durante il primo incontro su questa tema, tenutosi di recente, l’assessore Barbera (all’Ambiente, ndr) si è impegnato a innalzare questa percentuale fino all’80%. Convocheremo altre riunioni alle quali inviteremo nuovamente gli ambientalisti per illustrare le novità in materia. Tra queste – ha continuato il consigliere – ci sono le mini-varianti per aumentare il numero dei bypass di attraversamento, sempre lungo la Linea 3. Dopo che l’assessore (Tullio Giuffrè, delegato alla Mobilità, ndr) le avrà notificate all’Amat, le mini-varianti saranno spedite al Ministero delle Infrastrutture per il sì definitivo, che dovrebbe essere scontato”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

8 Commenti Condividi

Commenti

    Buona idea, però piantate alberi che fanno fiori profumati come la magnolia o il tiglio.

    Ma sradicare alberi per innestarli altrove non si poteva fare ? Siamo circondati da cervelloni disfattisti.

    l’hanno già fatto, ma non in tutti gli alberi è possibile questa operazione

    Il verde ben si sposa con le grandi iniziative in corso nella nostra città, ma bisognerebbe pensarci subito, perchè se vogliamo un pò più di verde nel 2016, siamo già in ritardo. L’arredamento urbano è rappresentato al 70% dal verde, ed in una terra come la nostra con estati non certo fresche le piante devono ambientarsi bene e bisogna dare loro il tempo di radicare. Non solo , ma durante la fase di post/piantumazione tutte le piante vanno seguite e curate particolarmente e non con i ritmi attuali di Ville&Giardini, quindi uno sforzo non soltanto iniziale , ma da distribuire nel tempo. Ne saremo capaci?

    Anzicchè le solite palme, come di recente dovrebbero essere state piantate sul lungomare di Mondello su direttiva dell’assessore alla vibilità, verde e spazi pubblici Giuseppe Barbera.

    finalmente una notizia civile per la nostra città. mi ero profondamente rammaricata nel vedere quei meravigliosi alberi cresciuti malgrado gli scarichi delle macchine. speriamo che risponda al vero quello che hanno promesso.

    scusate l’ignoranza ma dove si può consultare il progetto con le sue varianti nella sua globalita

    Cacciate l’armata brancaleone e tutti i tram arruginiti subito!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.