Rientra la protesta | dell'Orchestra sinfonica - Live Sicilia

Rientra la protesta | dell’Orchestra sinfonica

Questa mattina i dipendenti hanno occupato il Teatro Politeama di Palermo, ma nel pomeriggio, dopo un incontro con l'assessore regionale Stancheris, la protesta è rientrata. Il 14 maggio un tavolo tecnico con le parti sociali alla presenza del governatore, Rosario Crocetta.

PALERMO
di
23 Commenti Condividi

PALERMO – Pugno duro dell’Orchestra sinfonica siciliana. Non si placa la protesta dei dipendenti della storica Fondazione che, nelle prime ore del mattino, hanno messo in atto un gesto simbolico di protesta bloccando l’ingresso del Teatro Politeama e impedendo l’accesso all’equipe di consulenti esterni. Le maestranze presenti e i sindacati di categoria, inoltre, hanno deciso di presidiare la struttura occupandola per un’intera giornata. “Oggi abbiamo deciso di compiere un atto simbolico per richiamare l’attenzione sullo stato di abbandono dell’ente da parte degli stessi veritici aziendali – a parlare è Claudio Sardisco, rappresentante Fials- Cisal – dalle otto di questa mattina consentiremo l’accesso al teatro esclusivamente al personale dipendente che garantirà in autogestione l’attività artistica”.

Il presidio proseguirà fino alle 21.15 di questa sera, ora di inizio del concerto previsto. Saranno le maestranze, infatti, ad accogliere il pubblico in sala. Il personale continua a lamentare il ritardo nella percezione degli stipendi e il futuro incerto della Fondazione. Ma le critiche più aspre sono rivolte alla Sovrintendente nonché assessore al Lavoro Ester Bonafede. I lavoratori, infatti, continuano a denunciare l’assenza della Bonafede, chiedendone a gran voce e con toni accesi le dimissioni.

L’assessore del governo targato Crocetta, a detta dei dipendenti, è troppo impegnata in giunta per adempire contemporaneamente ai doveri di soprintendente della Fondazione. “Sottolineamo, ancora una volta, l’assenza della nostra Sovrintendente – prosegue il sindacalista Fials- Cisal – Ci troviamo in uno stato di totale abbandono e pretendiamo le sue dimissioni, in quanto, abbiamo bisogno di una persona che, soprattutto in questo momento drammatico, gestisca con presenza e ponderatezza l’emergenza e dia nuova linfa alla Fondazione”.

La Fials, infine, chiede un intervento urgente del presidente della Fondazione e assessore al Turismo, Michela Stancheris: “Vogliamo lanciare un appello al nostro presidente – conclude Sardisco – Chiediamo alla Stancherisi di intervenire per dirimere la questione e affrontare le questioni che riguaradano il futuro dei circa centosessanta professionisti di uno dei punti di eccellenza della città qual’è l’Orchestra sinfonica siciliana”.

Aggiornamento ore 16,40: La protesta dei lavoratori dell’Orchestra sinfonica siciliana è rientrata nel primo pomeriggio. L’assessore regionale al Turismo e presidente della storica Fondazione, Michela Stancheris, si è recata al teatro Politeama rassicurando il personale e avvisandoli della convocazione di un tavolo tecnico con le parti sociali alla presenza del governatore, Rosario Crocetta, previsto per martedì 14 maggio. La Stancheris si è dichiarata vicina alla situazione vissuta dai dipendenti e disposta ad ascoltare richieste e consigli. Alla richiesta sollevata dalle maestranze riguardo le dimissioni della Sovrintendente Ester Bonafede, però, la Stancheris ha preferito non rilasciare alcun commento.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

23 Commenti Condividi

Commenti

    centosettanta professori d’orchestra? ma quanta esagerazione! ma scusate la sovrintendente non è la stessa che si è battuta per stabilizzare i precari? (tutti figli di altrettanti maestri di ruolo dell’orchestra) senza pudore.

    spero che Crocetta e la Stancheris prendano seriamente posizione almeno per dimostrare in quale direzione vuole veramente andare questo governo……lo esprimano una volta x tutte……. ASPETTIAMO CN TREPIDAZIONE SIETE COI RICCHI O CN LA GENTE COMUNE??????????

    La stabilizzazione si è attuata, in applicazione alla normativa, grazie alla volontà del Presidente e dell’intero CDA

    Gentile Redazione, gradirei sapere per quale motivo la notizia della protesta dei lavoratori dell’Orchestra Sinfonica è stata inserita solo nella parte finale della vostra homepage (come se non fosse di oggi), mentre quella relativa alla protesta della formazione professionale è correttamente collocata tra le ultime notizie?
    Forse ritenete che vi siano proteste di serie A e proteste di serie B?
    Mi auguro che non censuriate anche il mio commento!

    caro “Croce e delizia” perché parli di realtà che non conosci? E’ proprio questo il guaio dei tempi moderni. Tanta gente che dice tanto su cose che non conosce per niente. E si crea un tam tam basato su leggende metropolitane…
    Neppure i politici conoscono la realtà dell’OSS. Non sanno neppure quanto costa la gestione di un teatro e pretendono di sapere come debba essere gestita un’orchestra! che tristezza. E in tutto questo la cultura muore!

    orlando ma a chi ci aspetti a lasciare la nostra città in pace e te ne vai nel burundi

    Battiato ha sollevato il caso in tempi non sospetti e Crocetta lo ha fatto fuori. La Bonafede non si tocca!!

    Pregherei i non informati o mal informati di commentare dati di fatto e non sciocchezze! 170 professori ?? Ma scherza? Figli di maestri di ruolo?? Ma di cosa parla??

    croce e delizia, i professori d’orchestra sono meno di cento, i dipendenti della Fondazione sono circa centosessanta. I professori d’Orchestra figli di professori d’Orchestra sono solo due, e anche loro, come tutti, entrati dopo selezione su bando nazionale. Altri chiarimenti?

    97 ORCHESTRALI e 70 e rotti ADMINISTRATIVI

    Ideale sarebbe un musicista con capacità ed esperienza amministrativa e non un amministratore appassionato di musica o cultura. La passione, per quanto gradita, non può sostituire le competenze.

    Monterosso e Bonafede The Untouchables, Crocetta chiacchiere e distintivo.

    Gentile Traviata o Traviato (Violetta o Violetto),
    Invece di buttare fango esprimere giudizi insensati e infondati senza conoscere la realtà, ritorni ad ascoltare “La Marianna va in campagna” versione Tony Colombo…. che fa meglio!

    ..mangia mangia ..vedi Catania ( Caso bellini )

    97 orchestrali che non sanno mettere una nota dietro l’altra. I violini di fila suonano con una distanza di tono da leggio a leggio… Ricordo ancora Gidon Kremer quando venne a suonare con l’OSS, rimase stupefatto dalla scarsezza dell’orchestra!!!!

    Grande Paolo…., credo che non hai mai sentito l’orchestra, o forse sei un grande musicologo, comunque uno dall’orecchio assoluto per capire di toni e semitoni…..addirittura Kremer ti ha fatto questa confidenza grandioso!!!!

    Bè sarebbe interessante organizzare a Palermo un confronto serio tra istituzioni simili,diciamo tra FOSS e Fondazione Toscanini di Parma,mettere a confronto i bilanci delle due fondazioni,il numero di dipendenti,il costo per i contribuenti di ciascuna rappresentazione,il numero di spettatori.Insomma solo una comparazione quantitativa,perchè sulla qualità immaginare un confronto sembra impresa titanica.Quanto agli orchestrali in sciopero,non tanti anni fa,per ben due anni consecutivi la Foss perse i contributi ministeriali del FUS, (bazzecole,alcuni milioni di euro) perchè nessuno si ricordò di fare istanza !! Allora sì che gli orchestrali e i loro sindacalisti avrebbero dovuto fare fiamme e fuoco,denunciare all’opinione pubblica gli inetti,chiedere di mandare a casa l’intero CDA,invece….

    E’vero forse la Bonafede e’molto occupata a fronteggiare la crisi dei lavoratori e non ha certo il dono dell’ubiquità, ma gli orchestrali, che hanno la memoria molto corta, dimenticano che ha stabilizzato trenta trenta di loro da anni precari, trovando la copertura finanziaria, perché questi signori non dicono e lo sanno benissimo che il consiglio di amministrazione non può ratificare la stabilizzazione senza copertura finanziaria altrimenti rispondono in proprio della spesa e inoltre dimenticano che ha azzerato i debiti della fondazione che ammontavano a circa 8.000.000,00 di euro salvando l’istituzione dalla allora già decisa liquidazione, debiti che nascevano anche dal mancato contributo non versato per le pensioni dei lavoratori!!….e che dire dei circa 52 amministrativi (Il Teatro lirico di Bologna ne ha 12) messi là senza fare niente dalla mattina alla sera dai politici di destra e sinistra che oggi sono ancora nel parlamento regionale!!!…..e che dire di quel suonatore di fischietti vestito di rosso con il suono soffiato che pretenderebbe di diventare primo strumento avendo collezionato in passato bocciature in mezzi teatri italiani ed è quello che urla più di tutti!!…per non parlare di chi con la terza media all’epoca di Miccichè è diventato direttore del teatro e prende circa €5.000,00!…. e uno pseudo furbacchione diplomato con sei a Caltanissetta che comprava i balletti a €360.000,00 e che con scambi impone direttori d’orchestra e artisti in perfetto peculato!!…..per non parlare degli straordinari non dovuti e percepiti che molti intascavano e che la Bonafede ha bloccato….insomma io cittadino non non voglio più pagare le tasse per questi enti inutili che di cultura non hanno nulla ma che servono unicamente ai politici per posteggiare il proprio elettorato……E IO PAGO!!!!!!!!!!!!

    Senta… CARISSIMO critico musicale dei miei stivali…
    Sei nato nel posto sbagliato. La Sicilia non è il posto per te… Trasferisciti a Berlino.

    Purtroppo l’orchestra, che dovrebbe essere l’attore principale di questo film, è trattata da donna delle pulizie, l’ultima a sapere qualsiasi cosa…

    Simone io spero tanto che tu servi a qualcosa anche se,da come parli,non credo proprio.Prima di desiderare la morte a qualcuno,vai a vedere qualche concerto di questi che “non servono a nessuno “.Vai a fare qualche opera di beneficenza per servire in qualche modo la Sicilia visto che sei cosi bravo,invece di parlare a vanvera

    Bravo maestro……sempre diplomatico e pulito…onesto…ingamba

    Mi chiedo con quale dignità e criterio si può soltanto pensare di commentare fatti e notizie quasi sempre sconosciuti o comunque alterati; certi “commentatori” senza pudore (vedi errori grammaticali e non di battitura), la cui ignoranza si taglia con il coltello, dovrebbero tornare a scuola o prendere per la prima volta un libro in mano invece di giorneare davanti al computer e snocciolar fregnacce in rete…!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.