Palermo, abbonamenti al via: il confronto con le concorrenti in B - Live Sicilia

Palermo, abbonamenti al via: il confronto con le concorrenti in B

Uno sguardo alle tariffe dei tagliandi stagionali delle compagini di cadetteria
0 Commenti Condividi

PALERMO – A partire dalla giornata di ieri, in casa rosanero, è iniziata la campagna abbonamenti per la stagione di Serie B 2022/2023. Fino al 24 luglio gli abbonati delle stagioni 2019/2020 e 2021/2022 nonché i possessori dell’abbonamento virtuale potranno godere del diritto di prelazione con tariffe ridotte, dal 27 luglio sarà invece la volta delle nuove sottoscrizioni.

I prezzi interi per i tagliandi stagionali dello stadio “Renzo Barbera” sono di 190 euro per la curva, 275 per la gradinata superiore, 350 per la gradinata inferiore, 520 per la tribuna laterale, e 700 per la tribuna centrale con i prezzi che salgono oltre i mille euro per i settori di tribuna centralissima e sostenitori.

I prezzi degli abbonamenti in Serie B

Dando un’occhiata ai prezzi per i nuovi abbonati delle altre squadre di Serie B in tante, ma non tutte, hanno già comunicato il tariffario per la stagione 2022/2023. Per questo confronto verranno considerati, vista la grande varietà e differenze di settori, esclusivamente i prezzi delle curve.

A guidare la classifica dei tagliandi stagionali più “costosi” c’è la SPAL con le curve a 235 euro, a seguire il Sudtirol a 195 e proprio il Palermo con 190. Di poco inferiori alla cifra dei rosanero ci sono le curve di Brescia e Ternana a 180 euro, Ascoli a 169, Venezia a 159, Como e Modena a 155, Genoa a 150, Parma a 145 e Cagliari a 130.

Solo due sono le squadre con gli abbonamenti di curva sotto i cento euro ovvero Benevento e Frosinone i quali tagliandi costano per entrambe 80 euro. Bari, Cittadella, Cosenza, Perugia, Pisa e Reggina infine sono le compagini che non hanno ancora fornito informazioni in merito alla campagna abbonamenti 2022-2023.

Medie a confronto

Considerando, attualmente, una media di poco più di 157 euro a tagliando fra le 14 squadre che hanno fornito le tariffe il Palermo va a collocarsi in una fascia medio-alta ed è la terza, per costo dell’abbonamento in curva, di tutta la Serie B.

Facendo un ulteriore conto, un abbonato in curva nord o sud del “Renzo Barbera” per le 19 partite casalinghe (la metà delle 38 giornate totali) spende esattamente 10 euro a gara, prezzo sicuramente differente da quello del singolo tagliando che costa 15 euro. In media, fra le quattordici squadre finora considerate, un abbonato di Serie B per vedere una partita in curva spende circa 8 euro, un tifoso della SPAL paga poco più di 12 euro mentre i sostenitori di Benevento e Frosinone hanno prezzi più “popolari” con circa 4 euro a gara.

La scelta del Palermo sembra chiara: nonostante prezzi di fascia alta rispetto alla media di categoria la società rosanero, una delle pochissime compagini di Serie B a dare sin da ora anche i prezzi del biglietto singolo stagionale, punta forte a riempire lo stadio soprattutto con la campagna abbonamenti. Una politica forte della riapertura totale dei tagliandi stagionali dopo le restrizioni Covid, nonché dell’entusiasmo dilagante del tifo rosanero dopo la grande impresa della promozione in cadetteria.

La palla adesso passa proprio ai tifosi, chiamati a riempire il “Renzo Barbera” per continuare trascinare il Palermo in questa nuova avventura sotto gli occhi del City Football Group.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *