Palermo: Amap esternalizza, sindacati: così muore un'azienda - Live Sicilia

Palermo: Amap esternalizza, sindacati: così muore un’azienda

Critiche Filctem e Femca dopo l'ultimo bando da 50milioni
PARTECIPATE
di
0 Commenti Condividi

PALERMO –  Amap ha deciso di esternalizzare i servizi di conduzione e manutenzione ordinaria e straordinaria degli impianti di depurazione nei comuni della provincia. E i sindacati non ci stanno: “Così muore un’azienda.

Le critiche sono avanzate in una lunga nota di Filctem e Femca a commento del bando che prevede una gestione di 36 mesi e un importo a base di gara di 50 milioni di euro. Non è questo l’unico servizio dato all’esterno: sul sito dell’Amap, i bandi di esternalizzazione sono numerosi  e  riguardano una gamma ampia di attività: manutenzioni della rete idrica, fognatura, lettura contatori etc.

“In Amap tutto o quasi viene ormai affidato in appalto – dichiarano i segretari generali di Filctem Cgil Palermo Calogero Guzzetta Femca Cisl Palermo Trapani Andrea Perrone, assieme ai segretari aziendali di Filctem Nino Musso e Femca Ignazio Abramo – Si tratta  di una  rischiosissima esternalizzazione, giustificata dall’azienda con la carenza del personale e con la necessità di una riorganizzazione. Problemi,  secondo noi, creati invece dalla mancata programmazione di un piano di assunzioni  e dalla mancata volontà  di procedere a una necessaria organizzazione aziendale, con la conseguenza che tanti settori oggi si ritrovano al collasso organizzativo e funzionale”.

Da tempo Filctem e Femca sollecitano l’incremento del personale, passato negli ultimi anni, con i pensionamenti, dalle oltre 800 unità a meno di 700.  E soprattutto insistono perché si proceda alla revisione dell’organizzazione aziendale,  non più adeguata rispetto ai nuovi impegni contrattuali derivanti dall’affidamento del servizio idrico integrato in tutta la provincia di Palermo. “Purtroppo, nel corso di questi anni, abbiamo assistito a un prolungato e ingiustificabile silenzio da parte della società su tali questioni – aggiungono i segretari di Filctem e Femca – Siamo contrari a ogni forma di esternalizzazione che riguardi  le principali attività del ciclo produttivo del servizio idrico integrato. Questa significativa esternalizzazione, ancorché  temporanea,  in realtà altro non è che una privatizzazione parziale del servizio idrico. Tutto questo, in totale contrapposizione con  quanto dichiarato dal sindaco di Palermo Leoluca Orlando,  che ha sempre sostenuto che il servizio in questione è pubblico e tale deve rimanere”.

Senza la prospettiva di un piano industriale, procedendo alla cessione pezzo dopo pezzo delle  attività essenziali, secondo Filctem e Femca si cancella la stessa ragion d’essere di un’azienda del servizio pubblico. “Questa pericolosa deriva affonda le sue radici nella discutibile capacità di assumere decisioni da parte dei vertici e del management aziendale – proseguono  Filctem e  Femca  – La scorciatoia del ricorso all’esterno dimostra, a nostro avviso,  una miope capacità imprenditoriale mentre, d’altro canto, le aziende prosperano laddove le risorse umane sono il primo valore da coltivare. Qualcosa di ben lontano dall’attuale gestione dell’Amap che, proprio in virtù della progressiva riduzione del lavoro in house, vede crescere demansionamento, dequalificazione professionale, malumori e ricorso al contenzioso: negli ultimi anni sono state  centinaia le cause di lavoro per riconoscimento del livello di inquadramento. Ci chiediamo quale ruolo svolgano gli organi di controllo aziendali di fronte all’indizione di gare di appalto milionarie. E  li invitiamo a verificare se sussistano le condizioni di compatibilità con una ottimale gestione dell’Azienda”. Per questo Filctem e Femca sono pronte a mettere in campo tutte le iniziative sindacali volte alla salvaguardia di tutti i lavoratori.

CONTINUA A LEGGERE LIVE SICILIA.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.