Palermo, Calenda lancia l’affondo a Cuffaro e Lagalla VIDEO - Live Sicilia

Palermo, Calenda lancia l’affondo a Cuffaro e Lagalla VIDEO

Il leader di Azione a un evento elettorale con Fabrizio Ferrandelli attacca il candidato del centrodestra e risponde a Boccia
CAMPAGNA ELETTORALE
di
0 Commenti Condividi

PALERMO – “Conosciamo qual è la lista di Roberto Lagalla: Cuffaro, Dell’Utri, Saverio Romano. Possono esserci più o meno altri nomi ma sappiamo chi è chi lo appoggia. È una cosa che Palermo ha visto altre volte”, conoscono perchè hanno vissuto periodi storici molto tristi con queste persone alla guida della città”. così Carlo Calenda, leader di Azione, ha lanciato l’affondo al candidato sindaco del centrodestra Roberto Lagalla, partecipando a un evento elettorale del candidato sindaco Fabrizio Ferrandelli.

Poi Calenda ha continuato: “per quanto pensi che chi ha scontato la sua pena, ha scontato la sua pena, questo non vuol dire che due persone condannate per reati collegati alla mafia siano le persone appropriate per cercare di fare rinascere la città. Se i palermitani vogliono questo a governare la città allora credo che le conseguenze le

Poi Calenda ha risposto all’affondo di Francesco Boccia che questa mattina ha detto che Lagalla e Ferrandelli “vogliono cancellare il reddito di cittadinanza”. “Io ero favorevole al reddito di inclusione”, ha detto Calenda, aggiungendo: “Sono d’accordo a un reddito per chi non ce la fa e non può lavorare ma chi può lavorare credo debba andare, ad esempio, a fare il netturbino di quartiere, come ho proposto a Roma. Nel 2018 Boccia diceva che era un imbroglio. Ognuno usa le cose a seconda dell’opportunità”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.