Palermo, "Crolla” l’opera ai Quattro Canti: “È normale, poi si rialza” - Live Sicilia

“Crolla” l’opera ai Quattro Canti: “È normale, poi si rialza”

Il curatore tranquillizza: "È normale"
3 Commenti Condividi

PALERMO – Questa mattina tra gli sguardi increduli dei presenti, il bianco braccio meccanico è caduto. Caduto sulla stessa base di cemento sopra il quale è stato installato. Qualche presente si è preoccupato ma, come ha spiegato Alesssandro De Lisi, curatore del progetto, “è normale, cade e si rialza”.

Opera inaugurata sabato scorso

L’opera di Arcangelo Sassolino voluta dalla Fondazione Falcone per l’anniversario dei trent’anni dalle stragi di Falcone e Borsellino era stata inaugurata un paio si giorni fa. Ne abbiamo parlato qui.

Arte contemporanea per denunciare l’abusivismo speculativo di Cosa nostra

Elisa è installata ai Quattro Canti “Nel salotto della più fragile grande bellezza dell’architettura storica della città di Palermo, la brutalità del cemento” così la descrive la Fondazione Falcone “Opera dissacrante, spastica, accusatoria verso quella palude culturale che fa urlare contro l’arte contemporanea nei luoghi storici e premia gli indifferenti, ai moderati che negli anni hanno taciuto sull’abusivismo speculativo di Cosa nostra e del Sacco di Palermo.

L’esposizione è temporanea.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    Questa opera e’ paragonabile alla ” Corazzata Potemkin di Fantozzi ”

    una cagata pazzesca

    Da chi e’ raccomandato questo ” Artista ” ha preso la piazza piu’ importante della citta’, sara’ amico di Orlando.

    forse, l’opera piu brutta e incomprensibile che abbia mai visto, collocata in un contesto architettonico unico.
    terribile!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.