Palermo, "Sono laureato", "Non risulta": guai per un 'dentista'

“Sono laureato”, “Non risulta”: guai giudiziari per un ‘dentista’

L'inchiesta parte da un esposto del presidente dell'ordine dei medici
0 Commenti Condividi

PALERMO – Avrebbe dichiarato il falso per ottenere l’iscrizione all’ordine degli odontoiatri. La Procura della Repubblica ha chiesto un decreto penale di condanna per Giuseppe Paladino (20 giorni di carcere o 1.50 euro di multa).

La difesa, rappresentata dall’avvocato Bianca Savona, si è opposta chiedendo la sospensione del procedimento con messa alla prova. Il giudice Annalisa Tesoriere ha fissato l’udienza a febbraio.

Il via alle indagini, coordinate dal pubblico ministero Andrea Fusco, è arrivato da un esposto dal presidente dell’ordine dei medici di Palermo, Salvatore Amato. Quest’ultimo, parte offesa con l’assistenza degli avvocati Mauro Torti e Corrado Nicolaci, ha ricostruito la vicenda.

Al momento della presentazione della domanda – da qui l’ipotesi di falso in atto pubblico – Paladino disse di essersi laureato a Pisa con il massimo dei voti. Amato dispose dei controlli e arrivò la riposta: “Il nominativo indicato non risulta né laureato, né abilitato nel nostro Ateneo”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *