Palermo, donna aggredita dal branco assieme ai figli - Live Sicilia

Palermo, aggredita da 10 persone assieme ai figli mentre fa benzina

È accaduto sabato mattina. Una telecamera potrebbe avere filmato il branco
8 Commenti Condividi

PALERMO- Una telecamera potrebbe avere ripreso la scena. Sabato scorso una donna è stata aggredita e picchiata nella piazzola di un distributore di carburante in via Pitrè, a Palermo. Ad agire un branco di dieci persone. Uomini e donne di età compresa fra i 20 e i 30 anni.

Una maestra arriva al distributore verso mezzogiorno. In macchina ci sono i due figli adolescenti. Arriva il suo turno per fare benzina nell’impianto a marchio Q8. Ed è ora che giunge una macchina con sei persone a bordo, seguita da due forse tre scooter.

Pretendono di fare benzina subito. La maestra li invita a rispettare a fila. Succede il finimondo. La afferrano per i capelli e la scaraventano a terra. Poi calci e pugni in faccia e alle gambe. Se la prendono anche con i ragazzi. Nessuno interviene. Per fortuna uno dei figli riesce a chiamare il padre che avverte i carabinieri.

Quando arrivano i militari il branco si dilegua. La donna finisce al pronto soccorso. Porta ancora i segni delle ferite, che per fortuna non sono gravi, ma è ancora giustamente turbata. I militari della stazione di Altarello conducono le indagini. La telecamera di sorveglianza del distributore non funziona, altre sì e potrebbero avere ripreso le targhe dei mezzi piombati in via Pietrè, nella zona di Boccadifalco. E ci sarebbero anche dei testimoni.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

8 Commenti Condividi

Commenti

    siamo arrivati alla follia. l’incivilta’ di queste nuove generazioni la prepotenza e’ arrivata a livelli incredibili.

    nn è follia sono solo fertilizzanti animali

    A parte la deprecabile ed ingiustificata violenza questa è gente che farebbe a botte pur di rifornirsi per prima anche se la benzina fosse a 10 euro al litro. Figuriamoci cosa farebbe se fossimo in uno stato di guerra……..

    L’inciviltà è figlia dell’impunità.Finchè non ci saranno pene dure e certe la situazione andrà sempre a peggiorare .

    Fatto gravissimo. In un paese di pulcinella come il nostro se ne usciranno , purtroppo, con una denunzia a piede libero….

    Fa male dirlo ma questa città si potrebbe recuperare solo con la repressione dura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.