Scoma: 'Mi candido e niente ticket, centrodestra confuso'

Scoma: ‘Mi candido e niente ticket, centrodestra confuso’

Il candidato salviniano rompe gli indugi. Nel centrodestra è muro contro muro.
PALERMO 2022
di
15 Commenti Condividi

“Guardi, io ticket non ne faccio, né con Lagalla, né con nessun altro. La notizia è questa: io confermo la mia candidatura. Sono candidato sindaco a Palermo con ‘Prima l’Italia’. Ci saranno due liste civiche, una per il sindaco, un’altra legata alla Lega”. Francesco Scoma, dunque, è pienamente in campo. Le trattative nel centrodestra sono sempre più complicate. In mezzo non c’è soltanto Palazzo delle Aquile e la trama della discussione, che ha l’altro capo nella corsa per Palazzo d’Orleans e nella riconferma di Nello Musumeci, è aggrovigliatissima. Così, Scoma ha rotto gli indugi.

“Mi sono augurato e continuo ad augurarmi che il centrodestra riesca a ritrovare il buonsenso, dopo tanta confusione – dice il candidato salviniano -. Ma Lagalla e l’Udc hanno fatto una fuga in avanti esasperata e sarebbe stato meglio aspettare. Sappiamo, oltretutto, che Meloni e Fratelli d’Italia hanno un problema legato alla Regione e alla candidatura di Musumeci. E non posso risolverlo io. Le primarie del centrodestra le faremo alle elezioni amministrative. Mi dispiace, certo, anche perché resteranno delle ferite pure per la campagna per le regionali. Sarà giusto provarci fino alla fine a trovare un accordo, ma adesso andiamo avanti, perché il tempo, francamente, è scaduto. C’è un candidato sindaco e sono io”.

Scoma torna su una presunta inclinazione di ambienti della Lega proprio per l’ex assessore Lagalla. “Questa cosa – incalza – la dice solo Sammartino ed è una boutade. Io rispetto tutti, ma, ripeto, non faccio ticket. Un partito con percentuali minime a livello nazionale non dovrebbe fare fughe in avanti, parlo dell’Udc. Rischiamo di andare al ballottaggio? Sì. Noi siamo sempre disponibili a discutere, confermo. Ma a tutto c’è un limite”.

Nel centrodestra si profila dunque il più classico muro contro muro, anche perché il tempo stringe. Non è verosimilmente ancora impossibile un accordo ed è invece possibilissimo che lo sventolio di candidati sia una forma di accelerazione per costringere tutti a sedersi intorno a un tavolo per un vero confronto. Proprio ieri Carolina Varchi, candidata di ‘Fratelli d’Italia’, ha detto al nostro giornale: “Io sono in campo. So, ovviamente, che i problemi di Palermo hanno bisogno di una coalizione ampia e dell’impegno di tutti”. Botte e risposte, mentre la clessidra scorre.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

15 Commenti Condividi

Commenti

    L’abbiamo fatta completa ora! Quanti statisti!!!!!

    niente Ticket… nel senso che avremmo dovuto pagare per non vedercelo tra i piedi?

    MA COME SI PUO’ DARE FIDUCIA AD UN VOLTAGABBANA ?

    Centro dx confuso,? No è distrutto. Distrutto da l dig. Micciche che ritie e di essere il rais del partito. Non comprendo Berlusconi…m forse è troppo vecchio

    Scoma sindaco? Continua l’agonia di palermob

    Con l’augurio che rimanga solo candidato

    Scoma sei come Miceli e Orlando manco morto ti voto…

    Anche Lui molto confuso

    Il nuovo che avanza……………….il centro-destra non ha ancora capito che l’unica vera novità è costituita da Carolina Varchi di Fratelli d’Italia. A meno che abbia masochisticamente deciso di fare vincere la sinistra……..

    Povera Terra mia……

    Se questa tipologia di candidati rappresenta il nuovo che “avanza”, allora…………………!

    Sì, m a chi votare

    Concordo in pieno

    Mi pare che il centrodestra sia più spaccato e diviso del centrosinistra! Il che è tutto dire: Povera terra nostra!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.