Palermo, un intero commissariato sotto accusa: inchiesta archiviata

Un intero commissariato sotto accusa: inchiesta archiviata

Non reggono le ipotesi di arresto illegale e falso ideologico per 12 poliziotti
0 Commenti Condividi

PALERMO – Il caso è chiuso. Non ci sono elementi per mandare sotto processo l’intera sezione investigativa del commissariato Zisa-Borgo Nuovo.

“Le meticolose e puntuali indagini svolte dal pubblico ministero – scrive il giudice per le indagini preliminari Fabio Pilato che ha archiviato l’inchiesta – non forniscono conferma dell’ipotesi accusatoria e non consentono una prognosi favorevole all’accusa per un eventuale giudizio”.

Pienamente scagionati, dunque, 12 poliziotti, alcuni dei quali con brillanti carriere alle spalle. L’indagine partì nell’estate 2019. Angelo D’Anna e Giosuè Lo Piccolo furono bloccati mentre avrebbero tentato di mettere a segno un colpo in un supermercato di Leonardo da Vinci.

Dissero che quella sera erano stati a piangere in obitorio per la morte di un amico. Poi avevano deciso mangiare un panino al McDonald’s di via Leonardo da Vinci e sostennero di essere stati speronati da una macchina.

Da qui le accuse di arresto illegale e falso ideologico contestate ai poliziotti. Ora è arrivata l’archiviazione. Accolte le tesi difensive degli avvocati Nino Zanghì, Giuseppe Di Peri, Jimmy D’Azzò, Marco Giunta e Fabrizio Di Maria.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *