Palermo, nuova aggressione a un vigilante sul tram - Live Sicilia

Palermo, nuova aggressione a un vigilante sul tram

L'Amat acquisirà le immagini di quanto accaduto
IL CASO
di
1 Commenti Condividi

PALERMO – Nuova aggressione a un vigilante sulla linea del tram collega la stazione centrale di Palermo al quartiere Brancaccio. In corso dei Mille un passeggero pretendeva di salire a bordo senza biglietto e con la mascherina chirurgica. Quando la guardia giurata a provato a spiegargli che non era possibile, l’ha aggredita. Ne è nata una colluttazione ed è dovuta intervenire la polizia per riportare la calma. La rissa ha provocato ritardi nel servizio.

L’Amat, l’azienda che gestisce il servizio pubblico a Palermo, acquisirà le immagini di quanto accaduto sul tram.

“Ogni giorni c’è un problema sul tram. Risse, aggressioni, nonostante la presenza delle guardie giurate, ogni giorno s’incorre in ritardi – racconta una passeggera – Ormai arrivare puntuali al lavoro è un’impresa. Ieri c’è stata una rivolta dei passeggeri contro un uomo che voleva salire senza pagare il biglietto e si è perso un quarto d’ora”.

Negli scorsi giorni su un bus dell’azienda di trasporto intercity si era assistito a un’altra aggressione. In quell’occasione l’autobus era pieno e qualche passeggero ha superato la cordicella che delimita l’area di sicurezza dell’autista. Il conducente ha fatto notare che quella zona deve essere vuota ed è scattata l’aggressione. Urla, insulti e anche schiaffi contro l’autista e pugni contro il vetro che delimita il posto di guida. Ad un certo punto uno degli aggressori ha lanciato l’estintore contro l’autista.

CONTINUA A LEGGERE LIVE SICILIA.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.