Palermo, "ex presidente infermieri falsificò le schede elettorali"

Palermo, “ex presidente infermieri falsificò le schede elettorali”

È stato condannato a un anno e un mese
LA SENTENZA
di
0 Commenti Condividi

PALERMO – Sentenza confermata in appello. L’ex presidente dell’ordine degli infermieri di Palermo Francesco Gargano è stato condannato a un anno e un mese.

Nel 2017 avrebbe falsificato le schede elettorali per farsi eleggere. Il reato contestato era falso in atto pubblico, visto che l’ordine è un ente di diritto pubblico.

Il seggio elettorale era stato allestito all’ospedale Civico. Gargano, oltre che candidato, ne era il presidente. Fu uno scrutinio piuttosto movimentato. Altri candidati chiamarono i carabinieri di Monreale. In particolare Vincenzo Gargano si accorse che alcune schede risultavano scritte con lo stesso tratto di penna ed erano tutte favorevoli al suo omonimo sfidante, finito sotto processo.

I militari intervennero e fecero una copia delle schede incriminate. All’indomani Vincenzo Gargano, Giuseppe D’Anna, Antonino Amato, Giuseppe Intravaia, Calogero Gugliotta formalizzarono una querela.

Il giudice di primo grado dispose una perizia. Risultato: le schede erano “vergate di proprio pugno dall’imputato”. Gargano si è difeso negando le accuse e sostenendo che lo scrutinio era sempre avvenuto in presenza di altre persone, e che le urne così come le stanze erano sigillate.

L’imputato dovrà pagare i danni alle parti civili, assistite dagli avvocati Salvo Priola e Gaetano Priola, Valentina Morgana. Nei confronti di Gargano è in corso un procedimento disciplinare.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *