Raffica di multe per l'alta velocità | Autovelox, più di 20mila in sei mesi - Live Sicilia

Raffica di multe per l’alta velocità | Autovelox, più di 20mila in sei mesi

Intensificati i controlli su viale Regione Siciliana, più di 40mila i punti decurtati dalle patenti.

PALERMO
di
14 Commenti Condividi

PALERMO – Dalla circonvallazione a viale del Fante, da via Lanza di Scalea alla zona dell’Addaura: autovelox fissi, mobili e telelaser implacabili nel capoluogo siciliano, con occhi elettronici che da gennaio a fine giugno hanno fatto scattare più di ventimila multe. Nel dettaglio, si tratta di 20.704 verbali recapitati a casa degli automobilisti che hanno premuto troppo sull’acceleratore. La lotta della polizia municipale all’alta velocità quindi prosegue e si intensifica nei mesi estivi, soprattutto lungo viale Regione Siciliana, arteria che conduce alle autostrade e maggiormente percorsa, su entrambe le direzioni, per accedere o lasciare la città.

E proprio su viale Regione, dove si rileva il maggiore numero di violazioni tramite i box fissi, sono da poco stati collocati due nuovi autovelox: si trovano all’altezza del ponte di Bonagia, sia in direzione di Catania che in quella di Trapani e si aggiungono alle postazioni già esistenti nei pressi di via Altofonte, di corso Calatafimi e di viale Lazio, per il controllo dell’alta velocità. Otto in tutto, oltre a quelli mobili che monitorano periodicamente altre zone trafficate della città, tra cui via Lanza di Scalea, via dell’Olimpo, viale Ercole, via Ernesto Basile, via Margherita di Savoia e viale del Fante.

Ma quanto “si corre”, in media, sulle strade palermitane? “Nella maggior parte dei casi – spiegano dal comando della polizia municipale di via Dogali – l’automobilista viene multato per aver superato i limiti di velocità da oltre 10 chilometri orari fino a 40 chilometri orari”. Trasgressori ai quali l’alta velocità è costata decine di punti in meno sulla patente. Basti pensare che nel giro di sei mesi il nucleo Autovelox ne ha decurtati 43.062. Il trend diminuisce rispetto allo scorso anno: nel primo semestre erano infatti scattate 20.953 multe, per un totale di 50.823 punti in meno sulle patenti. Durante tutto il 2017, invece, la polizia municipale ha elevato complessivamente 46.611 multe.

Un contrasto sempre più incisivo, volto a prevenire gli incidenti stradali soprattutto sulla circonvallazione, fino a qualche anno fa tra le strade in cui avveniva il più alto numero di schianti, anche tragici. Ma l’allarme sicurezza continua comunque a crescere, con numeri preoccupanti. Nel solo mese di giugno, in Sicilia, tredici persone hanno perso la vita sull’asfalto.

Per questo agli autovelox fissi e mobili, si è aggiunto il telelaser, lo strumento di rilevamento della velocità a distanza con contestazione immediata. Nelle ultime settimane è stato utilizzato dalla polizia municipale soprattutto nella zona di Mondello, in questo periodo più frequentata anche la sera. Viale Diana e viale Ercole, sono tra le strade monitorate. Telelaser anche sul lungomare Cristoforo Colombo e in via Croce Rossa.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

14 Commenti Condividi

Commenti

    FATE CASSA DIETRO LA SICUREZZA DI NOI AUTOMOBILISTI .
    LAUTOVELOX SOTTO IL PONTE DI BONAGIA NON È ADEGUATAMENTE PRESEGNALATO.

    L’alta velocità non è un problema solo di viale Regione Sicilia ma dell’intera città. Porto ad esempio la svolta che da via Lazio immette sulla sinistra in via Sicilia (ex incrocio tristemente famoso per i tanti incidenti e per ora non funzionante causa cantiere). C’è chi svolta senza minimamente rallentare con il rischio, ho potuto vedere, di prendere in pieno le auto posteggiate o qualche passante che attraversa sulle strisce. Sembrerebbe quasi, visto che sono in tanti a comportarsi così, che in via Lazio ci sia un cartello subliminale che invita gli automobilisti ad aumentare la velocità prima di immettersi in via Sicilia anzicchè diminuirla. E credetemi se non ci sono stati incidenti è solo per una questione di pochi millimetri.

    Sì, giusto, però, intanto, tra la notte di venerdì 17 agosto e l’alba di sabato 18 agosto lungo via Leonardo da Vinci bassa, via Notarbartolo e via Libertà e oltre una odiosa e maledetta e rovinosa (perchè in rovina andrà) banda di motociclisti ha sfrontatamente, in barba a qualsiasi regola e norma stradale e civica, stra-rombato, smarmitatto e spericolatamente gareggiato a velocità da bolide lungo questi assi (ignorando anche i semafori incontrati) come se si trattasse di una unica pista da corsa! Dove erano le Forze dell’Ordine tra circa le 23:00 e le 4:30 di questo inizio di week-end? A Mondello? Come se la città fosse delimitata dal perimetro Addaura-Mondello-Partanna. Quando verranno installate video-camere anti-bikers a Palermo, in questi assi? Non si rende conto nessuna delle Autorità preposte dell’odiosità e del danno sociale del fenomeno?
    Io, come sempre, li affido alla giustizia, mancando la terrena, naturalmente a quella divina! E per loro saranno cavoli!

    In questo il Comune di Palermo è efficiente e funzionale! Ma solo in questo, per il resto i cittadini di Palermo e la città sono abbandonati! E lo vede chiunque.

    Invece di riparare le strade abbassano i limiti cosi se ci sono incidenti è colpa nostra fanno cassa da dietro la scrivania perché non fanno i posti di blocco per verificare che almeno il 20%del parco circolante non ha le luci stop funzionanti? Vi rispondo io : non hanno il personale ci sono vigili da 18 anni part time!!! È un’altra vergogna del ns caro sindaco

    Perche’ non lavorate per far sparire i parcheggiatori abusivi …..avete paura da morire.

    Anche in v.le Regione dal Motel Agip ( ex ) fino a Bonagia, certe notti ad ora tarda sfrecciano motociclette che a mio modesto parere gareggiano a velocità oltre i 250 all’ora! E lo si capisce dal numero delle marce che inseriscono fino ad arrivare a limitatore! Follia? Forse pericolosa cretinaggine!

    Ne potrebbero assumere pure altri 2000, dopo 6 mesi sarebbe tutto come ora!

    Molto bene. Il Comune continua a contare sulla poca intelligenza e sul conseguente sostegno economico di questi suoi concittadini. Peggio per loro, vuol dire che se lo possono permettere.

    bene le postazioni fisse di autovelox hanno ridotto in maniera sensibile gli incidenti , ma il fenomeno delle moto che sfrecciano a velocità di notte e di di giorno ancora non è stato debellato , gli urli laceranti dei loro scarichi ci affliggono indisturbati

    L’odiosità e il nuocimento sociale del fenomeno è tale che porterà i residenti a una soluzione “fai da te”, molto pericolosa e che potrebbe sfociare in un fenomeno di altrettanto gravosità e violenza. Le Forze dell’Ordine e i loro Preposti forse vogliono portare a queste conseguenze il fenomeno?

    Vero, un fracasso roboante e pauroso da far temere che fosse terremoto!
    Ma dove erano rinchiusi Polizia, Vigili e Forze dell’Ordine preposte alla sicurezza? Impossibile non sentire nel raggio di 6-8 km questo caos assordante che infrangeva il silenzio della notte!

    Bisognerebbe togliere la possibilità di utilizzo dell”autovelox ai Vigili Urbani….è uno strumento utilizzato SOLO per FARE CASSA

    Soprattutto sul ponte Corleone che stranamente ancora non crolla per buona pace di Ollanno che incassa ma che aspetta la scadenza del pagherò.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *