Palermo, rifiuti in fiamme allo Zen, la Rap: "Atto increscioso" - Live Sicilia

Palermo, rifiuti in fiamme allo Zen, la Rap: “Atto increscioso”

Il quartiere continua ad essere sommerso dai rifiuti anche ingombranti.
IL CASO
di
2 Commenti Condividi

PALERMO – Mattinata di fuoco nel quartiere Zen di Palermo. In fiamme cumuli di immondizia rimasti in strada. Il rogo è divampato, probabilmente intorno alle 12, in via Marchese Nicolò Pensabene. Un fenomeno difficilmente riconducibile al caldo, ma più probabilmente alla volontà di incendiare i rifiuti da giorni vicino i cassonetti. 

Il quartiere continua ad essere sommerso dai rifiuti anche ingombranti. La situazione di degrado è stata segnalata diverse settimane fa dall’associazione Comitati Civici di Palermo. Nel frattempo gli abbandoni non si sono di certo fermati, anzi sono continuati in maniera imperterrita. Sempre in via Pensabene è presente una discarica a cielo aperto, dentro rifiuti di ogni.

“Ci dispiace constatare l’atto increscioso, probabilmente – commenta la Rap- si tratta di una bravata. In via Pensabene stamattina sono state bonificate due postazioni – precisa – nel pomeriggio era in programma l’intervento in altre due postazioni. Domani le attività continueranno come da programma, saranno definite le vie Rocky Marciano e Primo Carnera. Da ieri – conclude – una squadra di operatori è a lavoro per ripulire il quartiere, gli interventi sono svolti con l’ausilio di una pala meccanica”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Certo l’atto è increscioso ma la RAP non raccoglie.
    Se l’immondizia non ci fosse al suolo non potrebbe essere bruciata.
    Solo una raccolta efficiente può portare Palermo alla pulizia.

    …ma chi si può permettere di gettare rifiuti ingombranti allo ZEN se non uno di loro, quindi loro se la suonano e loro se la cantano, fanno di tutto per cuocere nel loro brodo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.