Palermo, "rifiuti e tangenti": ordinanza annullata per il funzionario

Rifiuti e tangenti”: ordinanza annullata per il funzionario

Il Tribunale dà ragione a Marcello Asciutto in servizio a Palermo
IL RIESAME
di
0 Commenti Condividi

PALERMO – Il Tribunale del Riesame ha annullato l’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Marcello Asciutto, funzionario dell’assessorato regionale all’Energia. Accolto il ricorso dell’avvocato Vincenzo Lo Re.

Ad Asciutto il Gip aveva imposto l’obbligo di dimora per corruzione. Secondo l’accusa, in cambio di una “spinta” alle pratiche dell’mprenditore agrigentino dei rifiuti, Sergio Vella. Quest’ultimo, in cambio, avrebbe fatto degli investimenti nelle società finanziarie del figlio di Asciutto. Per lui il Riesame sarà discusso la prossima settimana.

“La difesa ha dimostrato la remuneratività degli investimenti effettuati non soltanto da Vella – spiega Lo Re – ma anche da numerosi imprenditori piemontesi e lombardi che avevano investito più di Vella. Anche una collega d’ufficio di asciutto aveva guadagnato più del 10%. Non esiste alcun patto corruttivo tra Marcello Asciutto e Sergio Vella”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *