Palermo, Salta lista Pd nella circoscrizione, la segreteria: "Legali attivati" - Live Sicilia

Salta lista Pd nella circoscrizione, la segreteria: “Legali attivati”

Il partito regionale si dice incredulo e basito di fronte al caso che ha ormai portata nazionale
PALERMO
di
3 Commenti Condividi

PALERMO – In casa dem sono pronte le carte bollate. A minacciarle è la segreteria regionale del Partito democratico siciliano che ha appena diffuso una nota dopo lo scoppio del caso quarta circoscrizione. “Abbi­amo già attivato i nostri legali – si legge – per, ev­entualmente, difende­re la lista e fare in modo che il nostro simbolo sia presente anche in quel terr­itorio”.

CONSULTA LA SEZIONE DI LIVE SICILIA DEDICATA ALLE AMMINISTRATIVE A PALERMO.

Tutto nasce da un errore sulla preferenza di genere nella lista del Partito democratico nella circoscrizione che si dipana da Piazza Indipendenza al confine con Monreale e che comprende i quartieri Cuba, Santa Rosalia, Altarello, Mezzomonreale e Boccadifalco.

Al momento della presentazione della lista, l’ufficio elettorale ha constatato il mancato rispetto delle regole sulla preferenza di genere nella lista: serviva il nome di un’altra donna. Per includerlo però, occorreva che un uomo facesse un passo indietro. Così non è stato. E quindi, al termine della scadenza di 24 ore per integrare o correggere la lista, l’ufficio ha dovuto dichiarare l’inammissibilità delle candidature sotto il simbolo Dem.

Ad aggravare la crisi però c’è stato un ulteriore fatto: e cioè il ritiro a causa dell’incapacità di trovare una soluzione di un’altra componente della lista. A mancare così sono state non una sola ma due candidate. Al centro di questa vicenda, Rosario Arcoleo, candidato al consiglio comunale nelle file del Pd e ex capogruppo dem a Sala delle Lapidi.

Nelle ultime ore ne è scoppiato un caso nazionale e, da qui, è arrivato il commento della segreteria regionale del Pd: “Quanto avvenuto, ad opera del Capogruppo Pd al Comune di Pa­lermo, relativamente alla presentazione della lista del part­ito in IV circoscriz­ione ci lascia basiti ed increduli. Abbi­amo già attivato i nostri legali per, ev­entualmente, difende­re la lista e fare in modo che il nostro simbolo sia presente anche in quel territorio. Contestualmente si provvederà ad informa­re gli organismi di garanzia del Pd, reg­ionali e nazionali, per i provvedimenti del caso”.

Dal canto suo Arcoleo non commenta la nota della segreteria regionale ma si limita a spiegare come sono andati i fatti dal suo punto di vista. “Dopo quello che è successo e dopo l’incapacità di trovare chi facesse un passo indietro, sono stato portatore di una delega, ho dato seguito alla volontà di quella persona che ha deciso di ritirare la sua candidatura”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    Sai che perdita!!

    La parte degli indignati al pari del loro segretario nazionale Enrico Stai Sereno devo riconoscere che la sanno svolgere proprio bene……..

    Tanti aspiranti al reddito sicuro , delusi , molti stanno perdute le speranze , cercarcando
    un posto di lavoro .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *