"Papà ha tentato di uccidermi" - Live Sicilia

“Papà ha tentato di uccidermi”

Maria Anastasi col suo assassino

Uccise la moglie incinta e la bruciò. Oggi, al processo in cui è coinvolto Salvatore Savalli, la testimonianza choc della figlia.

Trapani
di
3 Commenti Condividi

TRAPANI- Colpo di scena al processo per l’omicidio di Maria Anastasi che vede alla sbarra il marito Salvatore Savalli e l’amante Giovanna Purpura accusati di averla uccisa. Audizione shock della figlia che ha dichiarato in aula che il padre Salvatore ha tentato di ucciderla. La ragazza, 16 anni, ha detto in Corte d’Assise, che quando scoprì la relazione tra suo padre e la Purpura venne minacciata con un coltello alla gola. Ha anche detto che il padre è un uomo violento che picchiava sia la moglie che i figli per futili motivi. “Un’altra volta – ha detto – tentò di strangolarmi. Se non fosse intervenuta mia madre sarei morta”.

La ragazza tentò di denunciare le violenze del padre e si recò in caserma dai carabinieri, ma era minorenne e non ci fu un seguito. Non voleva però tornare a casa ed andò in quella del suo fidanzato che, assieme a sua madre, l’aveva accompagnata dai carabinieri. Lo venne a sapere il padre e le intimò di tornare a casa. “Disse – ha raccontato la ragazza – che se non fossi tornata avrebbe ammazzato tutti”. Dopo l’intervento della polizia la ragazza fu accompagnata in questura: “Dissi che mio padre ci picchiava ed aveva anche tentato di uccidermi. Mia madre, però, smentì tutto. Forse l’aveva minacciata”. Maria Anastasi è stato uccisa e bruciata, al nono mese di gravidanza il 4 luglio dell’anno scorso nelle campagna trapanesi.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    quando ce la ceretzza come in questo caso ( e non come le indagini di certi magistrati-politici che a tempo perso fanno pure antimafia) l’unica cosa da fare è pubblica esecuzione in piazza!

    Un dolce pensiero alla povera donna in balia di quell’animale, che si è sacrificata e umiliata fino al tragico epilogo per tenere insieme una parvenza di famiglia.

    …muratelo vivo in cella ….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.