Passepartout, condanna per l'ex assistente parlamentare Nicosia - Live Sicilia

Passepartout, condanna per l’ex assistente parlamentare Nicosia

La sentenza d'appello a Palermo sulla mafia agrigentina
L'INCHIESTA
di
0 Commenti Condividi

PALERMO – La quarta sezione penale della Corte di Appello di Palermo ha confermato, seppur con lievi riduzioni di pena, quattro condanne nel processo scaturito dall’inchiesta “Passepartout”. L’indagine, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia ed eseguita dai carabinieri del Ros, ha fatto luce sugli assetti della famiglia mafiosa di Sciacca e sui rapporti con politica e cosche americane.

Le condanne

I giudici hanno inflitto 18 anni e 8 mesi (venti anni la condanna di primo grado) ad Accursio Dimino, ritenuto il nuovo boss di Sciacca; 15 anni di reclusione (16 anni e 8 mesi era stata la condanna in primo grado) all’ex assistente parlamentare Antonello Nicosia; 2 anni, 8 mesi e 10 giorni di reclusione sono stati inflitti a Paolo e Luigi Ciaccio, accusati di favoreggiamento. La figura principale dell’intera inchiesta è indubbiamente Antonello Nicosia, difeso dagli avvocati Salvatore Pennica e Francesco Accursio Mirabile.

Il caso che coinvolse una ex parlamentare

Pedagogista, noto per le sue battaglie in favore dei diritti dei detenuti, Nicosia era considerato un insospettabile. Le indagini lo descrissero invece come “ pienamente inserito in Cosa nostra ” . Parlava come un uomo d ’ onore, avrebbe progettato insieme a Dimino, danneggiamenti, estorsioni e omicidi. E, utilizzando il ruolo di collaboratore parlamentare di Giusy Occhionero, ex deputata di Leu, poi passata a Italia Viva, incontrava boss detenuti, dava loro consigli, si accertava che non si pentissero e riferiva all ’ esterno i loro messaggi.

Gli incontri con i boss al 41 bis

Grazie al rapporto con la Occhionero, ad esempio, Nicosia ha incontrato boss detenuti al 41 bis come Filippo Guttadauro, cognato di Messina Denaro. Emerso anche il ruolo di Accursio Dimino, considerato il nuovo capo della famiglia mafiosa di Sciacca. “Matiseddu ”, questo il suo soprannome, è stato condannato due volte per associazione mafiosa. Nel 2010 la Dia gli ha sequestrato beni per oltre un milione. Nel 1996, è stato condannato a 10 anni di reclusione per associazione mafiosa, detenzione illecita di armi e danneggiamento. Prima di essere arrestato, la prima volta, nel 1993, insieme ai fratelli gestiva un’attività di commercio di prodotti ittici e faceva il docente di educazione fisica in diversi istituti scolastici statali.

Scarcerato il 12 aprile 2004 e ritornato a Sciacca, Dimino, secondo gli inquirenti aveva ripreso i suoi contatti con i boss.L ’ ex deputata Giusi Occhionero è attualmente sotto processo separatamente con l’accusa di falso. Avrebbe fatto passare Nicosia, allora conosciuto solo telefonicamente, per suo assistente, consentendogli di entrare con lei nelle carceri senza autorizzazione. Solo in un secondo momento, dopo tre ispezioni in istituti di pena siciliani, i due avrebbero formalizzato il rapporto di collaborazione.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *