"Pestato" brutalmente e minacciato con un coltello, gli rubano lo scooter: fermati 2 minori

Pestato brutalmente per rubargli lo scooter: arrestati due minorenni

Ed in caserma i parenti inveiscono contro i militari.
GRAMMICHELE
di
0 Commenti Condividi

GRAMMICHELE. Sono stati consegnati a due distinti Istituti Penali per Minorenni, su provvedimento emesso dal GIP del Tribunale per i Minorenni di Catania, 2 giovani grammichelesi di 16 e 17 anni. Per loro, l’accusa è di rapina aggravata in concorso.
La vicenda e i fatti risalgono allo scorso 9 novembre, quando una pattuglia della Stazione di Grammichele aveva notato in via Fratelli Rizzo un giovane intento a spingere uno scooter. Lo stesso giovane, sottoposto a controllo, si era dato alla fuga approfittando dell’oscurità.
I militari, coadiuvati da una pattuglia della Sezione Radiomobile della Compagnia di Caltagirone, avevano rintracciato poco distante il giovane, il quale assieme ad un suo coetaneo, stava malmenando un 44enne del posto. 

L’arrivo dei carabinieri ha permesso di porre fine alla violenza che, comunque, ha purtroppo provocato al malcapitato una prognosi di 35 giorni, come diagnosticato dai medici del pronto soccorso dell’ospedale di Caltagirone.
Le indagini si sono avvalse dell’escussione di testimoni, della disamina delle immagini dei numerosi impianti di videosorveglianza della zona nonché, addirittura, di riprese video effettuate da privati cittadini, che hanno consentito di ricostruire la dinamica degli eventi.

Il 44enne, infatti, sarebbe stato vittima di rapina da parte dei due minorenni, essendo stato minacciato con un coltello e costretto a consegnare loro il proprio scooter. 
Gli odierni indagati poi, nonostante si fossero comunque già impadroniti del motociclo, avrebbero perseguito nelle loro condotte violente malmenando il proprietario fino all’arrivo dei carabinieri.
I due giovani, oltre al reato di rapina aggravata in concorso per il quale sono stati collocati presso due diversi Istituti Penali per Minorenni, sono indagati anche per altre condotte reato da essi tenute nel corso degli eventi: lesioni aggravate, resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale. 

Entrambi, infatti, avrebbero ostacolato con violenza e minacce l’operato dei carabinieri, aggredendo inoltre anche un altro cittadino grammichelese di 45 anni, per il sol fatto d’essere stato involontario testimone delle loro malefatte.

Nel corso dell’attività, oltre all’esecuzione della misura cautelare custodiale nei confronti dei due minorenni, i carabinieri di Grammichele hanno deferito all’Autorità Giudiziaria minorile di Catania e a quella ordinaria di Caltagirone la cugina 19enne di uno dei due indagati ed un loro compagno, 17enne. Questi, giunti quella sera in caserma durante gli accertamenti da parte dei Carabinieri, si sarebbero anch’essi opposti all’operato dei militari minacciandoli ed oltraggiandoli, nonché la ragazza avrebbe danneggiato il muretto di recinzione della caserma carabinieri.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *