Priolo, Pippo Gianni respinge le accuse - Live Sicilia

Pippo Gianni respinge le accuse: nessuna minaccia

L'interrogatorio di garanzia davanti al gip
SIRACUSA
di
1 Commenti Condividi

SIRACUSA – Pippo Gianni respinge ogni addebito. Il sindaco di Priolo Gargallo (Siracusa) ha rigettato tutte le accuse. Il politico, 77 anni, arrestato nei giorni scorsi, questa mattina si è presentato davanti al gip del Tribunale di Siracusa per l’interrogatorio di garanzia.

Accompagnato dal suo legale, l’avvocato Ezechia Paolo Reale, il primo cittadino accusato di istigazione alla corruzione, tentata concussione, concussione, falsità materiale ed ideologica in atti pubblici ha risposto in oltre un’ora e mezza alle domande del gip e del pm dando la sua versione sui suoi rapporti con le grandi aziende del polo petrolchimico, gli imprenditori ed i funzionari comunali che sarebbero stato oggetto di “pressioni e minacce”.

Gianni ha detto che non avrebbe minacciato ma nell’ambito della sua attività politica avrebbe chiesto attenzione nei confronti dei priolesi e delle società del territorio purché il personale e le imprese fossero qualificati. Nessuna minaccia ai funzionari del Comune, – ha osservato – ma solo un conflitto nato per la scarsa competenza dei dirigenti. Gianni è tornato agli arresti domiciliari, ma l’avvocato Reale ha preannunciato ricorso al Tribunale del Riesame.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Ma ancora questa gente!!!! A 77 anni!!!!!!! Bastaaaaaaaa! Sono 50 anni che campate con la politica e noi giovani ci siamo rotti!!! RITIRATEVI!!!! Fate spazio!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *