Più controlli nel 'salotto' | I vigili: da giovedì pattuglie fisse - Live Sicilia

Più controlli nel ‘salotto’ | I vigili: da giovedì pattuglie fisse

Prosegue la campagna di Livesicilia sul decoro urbano, per rendere il centro città più gradevole e pulito con il coinvolgimento dei commercianti, del Comune e della Rap. Il comandante della polizia municipale Vincenzo Messina: "Entro giovedì due pattuglie al mattino e due nel pomeriggio nell'asse tra il Politeama e il Massimo".

La campagna di Livesicilia
di
22 Commenti Condividi

PALERMO – Rimettere in sesto il centro storico, rendendolo nuovamente punto d’eccellenza del capoluogo siciliano. E’ questa la proposta di Livesicilia che, nei giorni scorsi, ha intrapreso una vera e propria campagna di sensibilizzazione sul decoro urbano. Iniziando da operazioni semplici come l’esposizione di una pianta fuori dagli esercizi commerciali, passando per la pulitura delle colonne di via Ruggero Settimo intaccate da scritte e segni colorati, procedendo con la richiesta di eliminazione alla Rap di un cassonetto metallico posto nella zona centrale della città che “offende” il panorama e chiedendo una maggiore cura e pulizia nelle principali arterie cittadine.

Proponendo un incremento di verde e decoro proprio ai commercianti dell’asse viario che dal Politeama percorre via Ruggero Settimo e giunge al Massimo, che nei giorni scorsi avevano preteso un servizio di vigilanza costante fino alle 21 e controlli serrati sul centro storico, la risposta è secca e concisa: “Da soli non possiamo fare nulla, neppure porre una piantina fuori dal negozio. Si tratta di suolo pubblico e ciò comporta una serie di autorizzazioni e assensi che chi di competenza deve rilasciare”. E’ questa la voce comune degli esercenti che operano nelle principali arterie cittadine.

I commercianti si dichiarano disponibili a collaborare con l’amministrazione comunale per la creazione di progetti, mostre, eventi per “attrarre i clienti” e “rendere il salotto cittadino ancora degno di questo nome”. “In questa città c’è l’orientamento a fare le cose dove è più difficile gestirle – incalza Salvatore Zambito, presidente del consorzio dei commercianti del centro storico -. Abbiamo due aree pedonali che sono via Magliocco e via Principe di Belmonte che potrebbero essere incentivate e invece l’amministrazione che fa? Decora e arreda piazza San Domenico e piazza Bologni con critiche e refluenze sul traffico note alla cronaca lasciando queste aree nel degrado”.

Tante le idee e i progetti elaborati dai titolari degli esercizi commerciali di cui però, fino ad oggi, si è parlato unicamente nel corso dei numerosi tavoli tecnici col Comune senza passare ai fatti concreti. “Siamo stanchi e scottati – prosegue Zambito -. Il centro potrebbe diventare sede di mostre, rassegne cinematografiche, musei all’aria aperta. Noi commercianti siamo disponibili ad occuparci della gestione e dell’organizzazione di queste attività interessanti ma con la burocrazia presente a Palermo non si può fare nulla. Solo belle parole e frasi di circostanza che, in realtà, non vengono mai trasformate in azioni”.

La replica del Comune non tarda ad arrivare: “Qualunque commerciante metta verde e decori fuori dal proprio esercizio in generale viene benedetto – ironizza Agata Bazzi, assessore comunale al Centro storico -. Dipende dalle proporzioni e dall’area occupata, certo, ma che intralcio vuole che crei una piantina o un vaso di fiori? Ci sono commercianti che lo fanno già autonomamente e nessuno ha mai detto loro nulla. Al contrario, sono da lodare iniziative del genere”. La Bazzi, inoltre, si dichiara disponibile ad un confronto con gli esercenti per predisporre un piano di azione e incalza: “Il dialogo con l’amministrazione è costante. Coloro che frappongono scuse anche all’esposizione di una pianta probabilmente non vogliono farlo”.

Al centro del biasimo e delle critiche di coloro che si trovano a passare per il centro anche le colonne di via Ruggero Settimo colme di scritte e intaccate da segni colorati. Le colonne in questione sono di proprietà del Banco di Sicilia che tiene a far sapere: “Abbiamo effettuato la manutenzione recentemente – spiegano -. Adesso, valuteremo il da farsi ed effettueremo un intervento di pulitura nelle prossime settimane”.

Per quanto riguarda invece il cassonetto metallico sito in via Ruggero Settimo, dinanzi ai portici, che “intaccherebbe” la bellezza visiva dell’area, dalla Rap fanno sapere: “Quando spostiamo o eliminiamo un cassonetto in una data zona della città la gente, come già successo altre volte, continua a gettare i sacchetti nello stesso punto. E ciò è molto pericoloso in quanto la situazione peggiorerebbe notevolmente”.

E’ la mentalità del palermitano, a detta della Rap, che andrebbe rivoluzionata: “Effettueremo un sopralluogo per procedere poi all’eliminazione del contenitore – continuano dalla nuova società di igiene ambientale – I cittadini, però, utilizzino i servizi a loro disposizione nelle aree predisposte al conferimento”. La Rap tiene a precisare l’incremento dei propri servizi: “Stiamo cercando di garantire, giorno dopo giorno, un servizio di puliza continuo e costante”.

Piena disponibilità, infine, quella dimostrata dal comando di via Dogali che nei giorni scorsi aveva effettuato ben tre blitz nei confronti degli abusivi in centro. Tra mercoledì e giovedi, secondo quanto assicura il comandande dei vigili Vincenzo Messina, i controlli saranno ulteriormente intensificati: “Ho firmato poche ore fa un provvedimento che prevede l’aggiunta di una pattuglia – dichiara -. Entro giovedì mattina ci saranno due pattuglie fisse al mattino e due al pomeriggio nel tratto viario Politeama-Ruggero Settimo-Massimo”. E sui continui andirivieni degli ambulanti sotto i portici e nelle aree limitrofe nonostante il servizio di vigilanza aggiunge: “Approfittano del cambio turno. Da adesso però si cambia musica. Effettueremo direttamente il cambio sul posto”.

Un monito ai palermitani, infine, quello lanciato da Messina: “Il decoro urbano per essere ben attuato dovrebbe iniziare da un cambio di cultura del palermitano non mi stancherò mai di dirlo – conclude -. E’ il cittadino il primo ad incentivare queste forme di commercio se si ferma e, spesso a volentieri, compra anche. Non comprate se non sapete da dove proviene la merce”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

22 Commenti Condividi

Commenti

    Ancora credete a queste balle? Mi spiegate allora perché piazza Marina è sempre in balia dell’orda di parcheggiatori abusivi? Finitela, serve un po’ di dignità.

    Speriamo non siano i soliti proclami e poi dopo un paio di giorni torna tutto come prima,a parte il fatto comunque che tutta la citta’ meriterebbe controlli per la pulizia dal Politeama a Ciaculli ,da Borgo Nuovo a Partanna Mondello e lo dice uno che abita nel quartiere Politeama !!

    Staremo a vedere… anche se “Fiducia” è morta parecchio tempo fa!!!

    Probabilmente, l’assessore Bazzi,disconosce che quando era assessore LETIZIA BATTAGLIA,
    il Comune aveva disposto che lo spazio fosse concesso a titolo gratuito ai cittadini TUTTI che avessero voluto apporre elementi di arredo urbano quali vasi e piante.

    Aveva anche abolita la tassa comunale sul posseso dei cani.

    Se Bazzi ironizzasse meno e si documentasse maggiormente…basta chiedere al Sindaco
    Orlando, che ricorda bene, essendo Sindaco allorquando Letizia Battaglia trovava posto
    in giunta.

    e’ quella che manca…..

    Ho inviato sino a questa mattina una mail al sindaco ed al comando di polizia municipale segnalando la presenza di abusivi nel porticato di via Ruggero Settimo. Avevo già fatto una segnalazione al suo collega Roberto Immesi circa la proprietà del portico ma da allora non ho avuto più notizie e non ho visto rettifica dell’articolo circa le propagandistiche dichiarazioni del sindaco Orlando. Vigilerò personalmente su queste ulteriori dichiarazioni dei vigili urbani circa la presenza delle pattuglie.

    Lotta dura senza paura , questo anche se un vecchio slogan di matrice politica , niente di più appropriato ed adeguato contro l’indifferenza e l’inciviltà sovrana di questa città, abbiamo svenduto la nostra dignità all’indifferenza, oggi siamo tutti messi in causa, ognuno ha il dovere di riappropriarsi della propria dignità, nessuno è esente, siamo invitati a rispettare le regole civiche, siamo tutti vigili e denunziamo tutti coloro che non rispettano questo meraviglioso patrimonio , l’orgoglio di essere palermitano non può essere svenduto dall’indecenza civica, siamo tutti insieme, dalle istituzioni al semplice cittadino, tenuti a collaborare per i raggiungimento degli obiettivi, se faremo questo passo , potremo sentire finalmente nel silenzio non più le grida di sdegno dei nostri avi, ma finalmente il compiacimento e l’orgoglio di vivere in uno dei posti più belli al mondo.

    Il salotto? e le camere da letto? ,La cucina?, il giardino ?,il bagno? non possiamo chiudere gli occhi dove ogni giorno la città vive e muore, la citta tutta insieme grida Basta, basta a quei cittadini incauti e sporchi ,basta con l’amministrazione che non fa altro che vivere e risolvere i problemi nell’emergenza, occorre un piano serio programmato e ben organizzato, tutti e dico tutti siamo tenuti a rivedere il nostro vivere civico, ognuno deve riappropriarsi della propria dignità con responsabilità e decoro siamo tutti vigili e presenti nel denunziare chi abusa e sporca la nostra dignità, solo allora potremo essere veramente orgogliosi di vivere in uno dei posti più belli al mondo

    MA QUALI CONTROLLI!!!????
    Venite in Via Rosolino Pilo angolo con Via Ruggero Settimo, o via Mariano Stabile sopra via Ruggero Settimo; troverete decine di bancarelle di Vu Cumprà dalle 9,30-10 del mattino sino alle 20-20,30 quando si spostano con questi trambiccoli su ruote in via Ruggero Settimo o verso il Teatro Massimo.
    L’ordinanza parla chiaro: le bancarelle non possono sostare per più di un paio di ore nello stesso punto, e le trovi nello stesso punto per tutto il Giorno?!
    Mi hanno spiegato pure, i signori vigili, che in Via Rosolino Pilo (area Pedonale, per cui completamente libera al bivacco) basta che si spostino di 1/2 metro e possono stare lì tutto il giorno.
    Alla faccia di chi paga le tasse, compra gli immobili per esercitare una attività commerciale e paga tutte le tasse conseguenti IVA compresa.
    Ah! Ma questi signori ne fanno ricevute?! Non ne ho mai vista fare una.
    Visto che le autorità comunali sono così tolleranti, forse sarebbe meglio rivolgerci più in alto, tipo GUARDIA DI FINANZA?!?!

    Ci avete perso tempo!!!

    pensate ancora che via ruggiero settimo sia “il salotto” della città? a giudicare dal tipo di negozi, dal tipo di gentaglia e dalle condizioni dei marciapiedi potrebbe essere al massimo il ripostiglio di una casa dello zen

    La cosa triste è leggere da certi commenti una rassegnazione tipica del miglior siciliano che porterà pian piano all’indifferenza.Spero di sbagliarmi ma non ci si indigna più per niente, ci siamo abituati?Io no e non mi abituerò mai!

    altri tempi, altri assessori (sicuramente migliori di alcuni di questi attuali )

    ci crederò quando vedrò piazzale Ungheria e zone limitrife pulite e senza barboni , zingari, accattoni, ecc. Proprio oggi alle 10,30 circa i bar di via Ppe Belmonte alta sono stati presi d’assalto da zingare giovanissime con bambini , è stato uno spettacolo veramente preoccupante , penso ai turisti …..
    E’ vomitevole!!!

    invece di andare fare l,interviste hai i dirigenti e al sindaco perche non andate ha intervistare gli operai in che condizioni devono lavorare e l,ambiti esagerati che prima li faceva il meccanizzato mi spiego la spazzatrice

    confermo piazza Marina oramai è una specie di ghetto!!!

    Si si i controlli serrati dei vigili che stanno seduti dentro le volanti a fumare e a parlare al cellulare..mentre nel “salotto” di palermo, che somiglia sempre di più ad una mercato rionale, regna il caos assoluto; immagino cosa ci deve essere in periferia!

    Questi articoli mi fanno ridere il “salotto della città”, a prescindere che ormai Palermo si è ridotta ad una discarica, ma anche in questi articoli si fa capire che ci sono zone di serie A e zone di serie B ma i cittadini pagano tutti la tassa dei rifiuti, e tutta la città dovrebbe essere attenzionata e mantenuta pulita, ma soprattutto bisognerebbe educare i cittadini e cominciare soprattutto nelle scuole dall’asilo alle superiori.

    alla sicilia bisogna torgliere il “tappo” e fare affogare tutti i siciliani, sporchi ed arroganti. cari vigili…fatevi una passeggiata nel trentino alto adige, prendete esempio dai vostri colleghi del trentino, consigliatevi, confrontatevi, e vedrete che se applicate le multe (ma veramente e seriamente) alle persone che sporcano (praticamente tutti) qualcosina migliorerebbe. hanno ragione quelli del nord a parlare male del meridione, perché è la cultura del sud che è sporca..

    Per l’onesto cittadino le forza dell’ordine se funzionassero Palermo dovrebbe avere le p….e d’oro sparpagliate per la città

    speroche i vigili non facciano al solito capanelli fra loro dimenticando la missione di salire e scendere lungo il percorso

    due pattuglie la mattina e due il pomerggio, pertanto la sera si può devastare il centro in santa pace………….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.