Elezioni politiche, i siciliani in corsa per un seggio - Live Sicilia

Politiche tra uscenti e new entry: i siciliani in corsa NOMI

Chi corre per un seggio a Roma
LE ELEZIONI
di
6 Commenti Condividi

PALERMO – Mancano pochi giorni alla presentazione delle liste. In Sicilia il Rosatellum apre scenari idilliaci al centrodestra che, sulla spinta dei sondaggi, punta a conquistare tutti gli uninominali e gran parte dei seggi assegnati col proporzionale. Un piatto ricco che, però, può essere servito solo con le portate delle elezioni regionali. Il rebus dei candidati, a pochi giorni dal voto, infiamma le segreterie, gli uscenti e i pretendenti.

Forza Italia

Tra i berlusconiani c’è l’incognita dei paracadutati dal partito ai vertici della lista. Capolista dovrebbe essere il giornalista Giorgio Mulè e gli uscenti dovrebbero essere riconfermati, ma Giusi Bartolozzi, compagna del vicepresidente della Regione Gaetano Armao, è passata al gruppo misto. In lista, quindi, Matilde Siracusano, mentre Francesco Scoma è passato nella Lega. Un discorso a parte va fatto per altri due uscenti, Nino Minardo, eletto con Forza Italia e transitato nella Lega, possibile candidato presidente della Regione. Incerto anche il futuro della Prestigiacomo: si discute sulla sua ricandidatura in Parlamento e sul possibile passaggio alla Regione, difficile come candidata presidente. Ma non è detta l’ultima parola. C’è poi un altro seggio che potrebbe andare a uno tra Tommaso Calderone a Messina, Michele Mancuso a Caltanissetta e Riccardo Gallo ad Agrigento, ma il nome che circola con insistenza, in caso di mancata candidatura a presidente della Regione, è quello di Gianfranco Micciché.

Lega

Il primo nodo è il simbolo. I salviniani dovrebbero scendere in campo con il simbolo della Lega. Un fattore non secondario, in vista delle regionali e di una possibile candidatura di Nino Minardo alla presidenza della Regione. Numerose incognite ancora da risolvere sull’assegnazione dei seggi, la prima in “casa” Sammartino-Sudano. Il giovane catanese recordman di preferenze dovrebbe andare alla Camera, la Sudano tornare a Catania, dove è tra le favorite per la corsa alla guida della città, dopo le dimissioni di Salvo Pogliese. Dentro la Lega c’è una partita risalente nel tempo, la possibilità che uno degli esponenti di punta dei leghisti siciliani, Fabio Cantarella, ex assessore ai Rifiuti del Comune di Catania, vada in Parlamento. Altro pretendente è il sindaco di Motta Sant’Anastasia Anastasio Carrà, “volato” a Lampedusa al fianco di Matteo Salvini pochi giorni fa. Capolista dovrebbe essere Minardo.

Fratelli d’Italia

L’uscente Carolina Varchi dovrebbe essere riconfermata. Tra i candidati “blindati” ci sono l’assessore allo sport Manlio Messina e l’ex sindaco di Catania Salvo Pogliese. Tra le incognite i tre seggi che dovrebbero andare alla componente Diventerà bellissima confluita di recente nel partito. Difficilmente un seggio sarà riservato a Nello Musumeci, che comunque è ancora candidato alla presidenza della Regione. Musumeci potrebbe però entrare nel governo di centrodestra, come ministro per il Sud. Questa seconda ipotesi, ovvero il mancato bis di Musumeci, aprirebbe più spazi alla Regione per Fdi. I conti li hanno già fatti nel centrodestra: 4 assessorati, più posti nel listino e la presidenza dell’Ars.

Udc e autonomisti

In quota centrodestra anche l’Udc, con Mimmo Turano candidato. A Saverio Romano un collegio uninominale e il Senato di Agrigento, che non è sicurissimo, Un Lombardo in Parlamento, si parla di Raffaele o del nipote Giuseppe, figlio di Angelo, ex assessore ai servizi sociali del Comune di Catania. La candidatura dovrebbe avvenire in Forza Italia, difficile nella Lega. In totale gli autonomisti dovrebbero correre per tre seggi.

Partito democratico

Il Pd punta ai seggi solo al proporzionale. Sempre più incerta l’ipotesi dell’uninominale a Palermo Centro con Ferrandelli. Anthony Barbagallo dovrebbe essere capolista. In campo anche Provenzano, a Palermo Teresa Piccione, sostenuta da Giuseppe Lupo e resta l’incognita di Antonello Cracolici. Possibile anche la candidatura di Claudio Fava, ma l’ipotesi viene smentita (aggiornamento 11.30)

M5S

I numerosissimi uscenti litigano. Molti di loro, senza alcuna esperienza e capacità, hanno concluso il mandato parlamentare praticamente nell’anonimato. Conte vorrebbe paracadutare qualche candidato. Tra i pretendenti ci sono Giancarlo Cancelleri e Giampiero Trizzino, ma prima dovrebbe essere riscritta la regola dei due mandati, puntando sulla diversità del luogo in cui si viene eletti, dopo i due mandati. Cancelleri per esempio potrebbe candidarsi al proporzionale.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

6 Commenti Condividi

Commenti

    Tutti si fanno i conti, tutti faranno le promesse ed alla chiusura delle urne tutti si dimenticano di tutti, sempre le stesse facce che non hanno prodotto risultato, povera Sicilia, povera Italia con questa classe politica di bassissimo livello!

    Praticamente Micciche gli fa un bel regalo a Musumeci, perché Musumeci se non è presidente è ministro e fratelli d’Italia si prende mezza giunta e presidenza dell’ars. Non so cosa sia meglio! Un campione Micciche!

    Ed il gregge ,leggasi popolo sovrano , sovrano, di che , sta a guardare , poi a giuochi fatti ,
    a seggi sicuri assegnati , saranno chiamati al voto , il solito teatrino che da più decenni ,
    si ripete . Saremmo potuti essere la regione più bella.piu progredita , grazie ad avere lo
    statuto speciale , ma la presenza di pollitici dai curri cula , che già sono un programma
    cosa vuoi che produca . Poi non vi lamentate se la maggioranza dei cittadini diserta
    le urne , l’offerta dei candidati è quella che è , e i cittadini a buon ragione , si sentono
    superiori a loro , quindi ………

    Girala come vuoi sempre frittata è.
    Il Nipote, la cugina, il cognato, il fratello persino compagne e amanti.

    Non credo piu a nessuno pensano solo a spartirsi le poltrone

    Più che elezioni sembra l’apertura di un testamento… Tutti a spartirsi i seggi…. Sempre gli stessi nomi di gente che ci ha ridotto alla povertà!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.