Provenzano in visita a Lampedusa |"Lo Stato non si lascia intimidire" - Live Sicilia

Provenzano in visita a Lampedusa |”Lo Stato non si lascia intimidire”

Dopo i roghi delle barche utilizzate per le traversate del Mediterraneo

Migranti
di
4 Commenti Condividi

LAMPEDUSA (AGRIGENTO) – Un’intera giornata per osservare da vicino il momento di grave tensione che si respira a Lampedusa. È in corso la visita istituzionale del ministro per il Sud, Peppe Provenzano, sull’isola delle Pelagie, dove questa mattina insieme con il vicepresidente della commissione Libe al Parlamento europeo, Pietro Bartolo, e al sindaco di Lampedusa e Linosa, Totò Martello, ha visitato l’hotspot che accoglie i migranti giunti dalle coste del Nord Africa. Nel pomeriggio Provenzano e Bartolo si sono recati alla porta d’Europa, opera dell’artista Mimmo Paladino, ‘impacchettata’ nei giorni scorsi in segno di protesta contro gli sbarchi nelle coste lampedusane. Provenzano sta inoltre incontrando, in due distinti momenti, l’amministrazione comunale e gli imprenditori dell’Isola per ascoltare le difficoltà legate al rilancio del turismo dopo il lockdown imposto dalla pandemia.

“Sono venuto a Lampedusa – le parole del ministro per il Sud – per portare la vicinanza delle istituzioni a una comunità offesa da questi gesti, una comunità che ha tenuto alti in questi anni l’onore e la dignità dell’Italia intera e dell’Europa. Lo Stato non si lascia intimidire da questi gesti, la magistratura assicurerà i colpevoli alla giustizia. Ma lo Stato italiano ha un debito nei confronti di quest’isola, che deve essere riconosciuto con vicinanza, attenzione, soprattutto in questa fase difficile di ripartenza. Anche Lampedusa deve ripartire, assicurando collegamenti e condizioni di sicurezza e vivibilità a chi viene da fuori, e a chi ci vive ogni giorno. Quest’Isola deve tornare a splendere. Questa è un’isola di luce, non l’isola dei roghi”.

Ancora, a proposito dei gravi incendi che la scorsa notte hanno coinvolto i siti di stoccaggio delle imbarcazioni dei migranti, Bartolo ha ribadito come si sia trattato di un “gesto vile e inaccettabile che non fa parte della storia di Lampedusa e dei lampedusani”. “Noi chiediamo – ha aggiunto Bartolo – che ci sia un’attenzione particolare per questo clima di tensione che si respira sull’isola e ci rincuora la risposta immediata del governo, che nella persona del ministro Provenzano, ha voluto essere vicino al disagio dei lampedusani che vogliono semplicemente ripartire, lavorare con dignità e rialzarsi sulle proprie gambe”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    Mi sarebbe piaciuto che insieme al Ministro Provenzano ed a Pietro Bartolo si fossero presentati anche Matteo Salvini e Giorgia Meloni non solo per condannare il vile gesto ma per prendere le distanze da razzisti, suprematisti e nemici dell’immigrazione che purtroppo si stanno sempre più diffondendo nel nostro paese approfittando anche della rabbia sociale post-pandemia. I due esponenti della destra dovrebbero prendere esempio da Matteo Renzi che pur criticando tante scelte del governo Conte anche in tema di immigrazione ha però sempre saputo mantenere un atteggiamento costruttivo e responsabile, quello che purtroppo manca all’attuale destra così come abbiamo potuto vedere da certe manifestazioni di piazza e nelle aule parlamentari.

    Ma un politico siciliano che si chiama PROVENZANO può venire in Sicilia e dire che lo Stato non si farà intimidire ?????
    Sembra una novella di Pirandello !!!

    Lo stato? Ma quale stato? Solo un carrozzone scassato senza arte ne parte

    Peccato che il detto che con le buone maniere si ottiene tutto venga sempre smentito!? La porta di Lampedusa coperta dai Lampedusani e che ricorda tanto la copertura delle Statue nude nei palazzi della politica a Roma per l’arrivo di un iraniano, pare abbia prodotto i suoi effetti, portando a Lampedusa un Ministro del Governo e un parlamentare europeo!? Oltre a quanto accaduto valuteranno non solo per i Lampedusani ma per tutti gli italiani che e’ un reato anche la clandestinita’!? E che la Corte Costituzionale nella sentenza 250 del 2010 ha sentenziato che la clandestinita’ e’ un reato che offende valori di rango costituzionale come la difesa dei confini, sicurezza, sanita’ ordine pubblico ecc;? Valuteranno anche la sentenza 2017 586 del 2017 della Corte Europea che indica che tollerare l’ingresso di chi arriva non in regola in base all’art. 12 del regolamento di Dublino 2013 non e’ un visto e secondo l’art. 13 varcano illegalmente la frontiera!?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.