Quando Mineo piangeva in casa| Da condannato a morte a neo capo - Live Sicilia

Quando Mineo piangeva in casa| Da condannato a morte a neo capo

L'arresto di Settimo MIneo

Il dialogo fra due anziani svela il passato e il presente di Cosa Nostra

L'INCHIESTA
di
2 Commenti Condividi

PALERMO – È davvero la mafia del dopo Riina se a presiedere la nuova commissione, nel tentativo di rialzare la testa, c’era Settimo Mineo.

“Ma quanti guai ha passato”, diceva Salvatore Giglia, ottantenne come il capomafia di Pagliarelli che è stato suo testimone di nozze. Angelo Mannino, interlocutore di Giglia, anziano pure lui ma di qualche anno più giovane, aggiungeva che “dei guai che ha passato lui s’avissi a schifiari pure a taiarli sti cristiani (il solo sguardo di determinate persone doveva provocare disgusto in Mineo)”. La conversazione fa parte dell’inchiesta sulla nuova mafia denominata “Cupola 2.0” e approdata all’avviso di conclusione delle indagini.

“Sono un po’ contento – aggiungeva Giglia – ha detto, ha fatto… ora, magari che si sente una cosa… magari arrivisciu arrieri”. Già, Mineo è rinato, mafiosamente e fisicamente. Ventisette anni fa era un uomo morto, condannato da quel Totò Riina che, anche se solo simbolicamente, è stato chiamato a sostituire. “Il corleonese tutti in soggezione mise; e fecero tutti i traditori… che si scantavano che morivano”: nella conversazione fra i due anziani ci sono riferimenti al passato e al presente di Cosa Nostra, dalla mattanza voluta negli anni Ottanta dai corleonesi, alla fuga degli scappati in America, fino al loro ritorno a Palermo.

In quella guerra Mineo perse due fratelli, Antonino e Giuseppe, assassinati nel 1981 e nel 1982. Argomenti che Mannino, il cui figlio Saverio fu inghiottito dalla lupara bianca nel 1991, conosceva bene: “… mi ricordo che ci stavano n ‘cuoddu, per vedere se usciva da dentro”. Se ne ricordava bene anche Giglia: “Io lo andai a trovare con Vicè Barone alla casa… piangeva”.

Le cose sono cambiate, come è cambiato Mineo, che ha tradito il suo padrino Nino Rotolo, il quale mai avrebbe autorizzato il ritorno degli scappati. Ed invece i blitz di carabinieri e poliziotti ci raccontano degli incontri fra Mineo con i cugini Franco e Tommaso Inzerillo, rientrati a Passo di Rigano e di nuovo arrestati.

Mineo ha scelto come suo braccio destro Salvatore Sorrentino, un altro condannato a morte da Rotolo. Di ragioni per ammazzarlo, dicono le cronache e i pentiti, ce n’erano di gravi per le logiche di Cosa Nostra: si era alleato con Lo Piccolo, nemico numero uno di Rotolo, ed era pronto a tradire Michele Oliveri, altro boss della vecchia mafia. Sorrentino è stato perdonato grazie all’intercessione di altri mafiosi.

La mafia è cambiata. È lo Stato che è rimasto lo stesso, e li ha riportati tutti in carcere, fermando il tentativo di ricostituire la Cosa Nostra del dopo Riina. Una Cosa Nostra affidata ad uno uomo che i corleonesi volevano morto. “Minchia due fratelli gli hanno ammazzato… anzi gli è finita bene”, diceva Mannino. E Giglia chiudeva la parentesi dei ricordi: “Sì però quello suo fratello ha perso la vita per lui… perché lui ha parato a suo fratello”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Faccio un appello a tutti i commercianti e gli imprenditori che ancora pagano il pizzo,denunciate i mafiosi che vi fanno le estorsioni e fatelo con le denunce di massa cioè con le denunce collettive in ogni quartiere di Palermo ossia il mio auspicio è che il prima possibile in ogni quartiere di Palermo nasca una ribellione popolare contro Cosa Nostra e che in ogni quartiere di Palermo ci siano tanti commercianti e imprenditori che denuncino i mafiosi che gli fanno le estorsioni facendo le denunce di massa cioè le denunce collettive contro i mafiosi ma prima andate tutti da Addiopizzo per constatare che siete già tantissimi a rivolgervi da loro e dopo andate tutti dalla Polizia a denunciare i mafiosi che vi fanno le estorsioni e fate in ogni quartiere di Palermo le denunce di massa ossia le denunce collettive contro i mafiosi,questo è il momenti storico ideale per ribellarsi a Cosa Nostra e c’è bisogno del colpo di grazia per estirpare Cosa Nostra Palermo da Palermo e pertanto mi auguro che il prima possibile nasca una ribellione popolare in ogni quartiere di Palermo contro Cosa Nostra Palermo e di conseguenza mi auguro che il prima possibile in ogni quartiere di Palermo ci siano tanti commercianti e imprenditori che denuncino i mafiosi che gli fanno le estorsioni facendo le denunce di massa ossia le denunce collettive ma mi auguro che prima vadano tutti da Addiopizzo e dopo immediatamente vadano dalla Polizia di Palermo a denunciare i mafiosi che gli fanno le estorsioni facendo in ogni quartiere di Palermo le denunce di massa cioè le denunce collettive contro i mafiosi,ricordatevi che l’unione fa la forza contro Cosa Nostra Palermo e inoltre questo è il momento storico ideale per ribellarsi a Cosa Nostra Palermo quindi auspico che il prima possibile in ogni quartiere di Palermo ci siano tanti commercianti e imprenditori che denuncino i mafiosi che gli fanno le estorsioni facendo le denunce di massa cioè le denunce collettive e mi auguro che prima vadano da Addiopizzo

    “La mafia è un fenomeno umano e come tutti i fenomeni umani ha un principio, una sua evoluzione e avrà quindi anche una fine.” (Giovanni Falcone)

    E se dopo 30anni parliamo ancora di Mineo, di capo, di mandamenti, degli Inzerillo che tornano, qualcosa non sta funzionando.
    La mafia ha un principio, la mafia si é evoluta (é cambiata), aspettiamo quindi la sua fine.
    E se accadrá, tutte le sue vittime innocenti avranno pace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.