Rapine ai clienti dei ristoranti, due arresti a Palermo - Live Sicilia

Rapine ai clienti dei ristoranti, due arresti a Palermo

Il trucco per bloccare gli avventori.
CRONACA
di
0 Commenti Condividi

PALERMO – I carabinieri della stazione Palermo Crispi hanno eseguito un’ordinanza nei confronti di un 37enne e un 33enne, per il primo finito in carcere e per il secondo agli arresti domiciliari, per una rapina aggravata nel quartiere Liberta’. Secondo le indagini dei carabinieri lo scorso 21 maggio, alle 23 circa, i due indagati hanno prima chiesto l’elemosina ai clienti di un ristorante di via Siracusa e poi hanno raggiunto, bloccato e minacciato, in una via poco distante dal locale, una coppia appena uscita per chiedere con insistenza di nuovo soldi. “Vi finisce male! Sono male intenzionato!”. “Amuni’, daglieli sti soldi”, ripeteva i due rapinatori.

Il 37enne non appena il giovane ha estratto il portafoglio glielo ha strappato dalle mani fuggendo poi via con il complice. Grazie al racconto delle vittime e alle immagini dei sistemi di videosorveglianza i militari hanno ricostruito quanto successo. Il 33enne il 5 giugno e’ stato bloccato e riconosciuto dai carabinieri anche perche’ era vestito in modo simile al giorno della rapina. Il 37enne, invece, e’ stato di recente tratto in arresto in flagranza per due rapine: la prima il 5 giugno sempre ai danni di clienti di un ristorante, la seconda, nella notte dello scorso 3 luglio, sventata dai carabinieri del nucleo Radiomobile di Palermo, in cui, in piu’ occasioni nel corso della notte, aveva fatto ingresso all'”Hotel Palazzo Sitano”, minacciando i dipendenti alla reception per farsi consegnare il denaro sedendosi alla loro postazione e impugnando un paio di forbici.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.