Reddito di cittadinanza, si perde anche rifiutando offerte da privati - Live Sicilia

Reddito di cittadinanza, si perde anche rifiutando offerte da privati

È quanto prevede un emendamento presentato dal centrodestra al Dl Aiuti
ITALIA
di
0 Commenti Condividi

Tra i rifiuti che possono costare la perdita del beneficio viene incluso anche il “no” a un’offerta congrua a chiamata diretta da un datore di lavoro privato. Lo prevede un emendamento presentato dal centrodestra al Decreto Aiuti, approvato dalle commissioni della Camera con il voto contrario del M5s. Le offerte congrue possono essere proposte “direttamente dai datori di lavoro privati” ai beneficiari che firmano il Patto per il lavoro, in cui è previsto l’obbligo di accettarne almeno una su tre. Il datore di lavoro privato comunica quindi il rifiuto al centro per l’impiego ai fini della decadenza.

La modifica è frutto di emendamenti identici riformulati presentati da Maurizio Lupi (Noi con l’Italia), Riccardo Zucconi (FdI), Rebecca Frassini (Lega), Paolo Zangrillo (FI), Lucia Scanu e Manuela Gagliardi (Misto). Un emendamento quasi identico era stato presentato da Marialuisa Faro, passata nel frattempo da M5s a Ipf, che lo ha ritirato. Il Pd ha votato a favore, allineandosi al parere del governo. La norma prevede inoltre che il ministro del Lavoro debba definire con decreto le modalità di comunicazione e di verifica della mancata accettazione dell’offerta congrua. 

Lega: “Stretta utile per reperire manodopera”

“Una misura fortemente voluta dalla Lega, ispirata alla cultura del lavoro e utile al reperimento di maggiore manodopera, soprattutto nel settore turistico-ricettivo”. Così la deputata della Lega Rebecca Frassini, prima firmataria, e i deputati Lega nelle commissioni Bilancio e Finanze commentano l’emendamento al dl aiuti sul reddito di cittadinanza. “Grazie a un nostro emendamento al Dl Aiuti, approvato stanotte in commissione alla Camera, – spiegano – l’offerta proposta direttamente da datori di lavoro privati, quindi senza passare dai Centri per l’impiego, sarà considerata ‘congrua’. Chi la rifiuta può dire addio al sussidio”.

Zangrillo (FI): “Svolta, i datori potranno proporre un’offerta diretta”

 “Grazie ad un emendamento di Forza Italia a mia prima firma approvato nel dDl aiuti è stato inferto un duro colpo al Reddito di cittadinanza. Finalmente i datori di lavoro potranno proporre un’offerta diretta ai percettori del beneficio baipassando l’inefficace sistema dei centri per l’impiego e dei navigator”. Lo dichiara in una nota il deputato di Forza Italia Paolo Zangrillo. “Una norma molto semplice che risolve due problemi: rispondere all’attuale carenza di forza lavoro in diversi settori e smascherare finalmente chi vuole solo un sussidio e non il lavoro. Il dato politico rilevante del voto – aggiunge – è che l’inefficienza del reddito di cittadinanza è stata ufficializzata con un voto ampiamente maggioritario del Parlamento che rappresenta finalmente una svolta della quale ci auguriamo possa prendere atto anche il Movimento 5 Stelle”. 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.