Reddito di cittadinanza, su 1,290 milioni di richieste 290mila a rischio - Live Sicilia

Reddito di cittadinanza, su 1,290 milioni di richieste 290mila a rischio

I dati dalle analisi dell'Inps
WELFARE
di
2 Commenti Condividi

Nei primi dieci mesi del 2022 l’Inps ha individuato oltre 290.000 richieste di Reddito di cittadinanza a rischio, su un totale di circa 1.290.000, grazie agli “scenari di rischio elaborati ed i relativi allarmi”.

Di queste, 240.000 per mancanza del requisito della residenza in Italia oppure per false o omesse dichiarazioni relativamente alla posizione lavorativa dei componenti il nucleo familiare, sono state respinte in automatico, prima che la prestazione potesse essere indebitamente percepita, mentre 50.000 sono state sospese e sottoposte ad ulteriori controlli.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Il reddito di cittadinanza è un provvedimento giustissimo per sostenere chi è in povertà e non ha requisiti per potere lavorare. Ma quando ieri sera a Piazza Pulita su La7 Corrado Formigli ha fatto vedere un servizio girato a Napoli dove un parcheggiatore abusivo ha candidamente detto al giornalista che lo intervistava che lui e la moglie erano fittiziamente separati per potere ottenere entrambi un reddito di cittadinanza di 1.000 euro ciascuno (quindi 2.000 euro mensili) vantandosi pure di non essere mai stato scoperto dall’Inps si saranno sicuramente arrabbiati tutti coloro che avranno fatto richiesta del reddito senza poterlo ottenere per qualche cavillo. E se il governo metterà mano alla riforma del reddito chi pur bisognoso se lo vedrà tagliare dovrà innanzitutto ringraziare questo parcheggiatore abusivo che i tanti altri furbi che lo hanno ottenuto raggirando lo stato.

    Chi pagherà per l’INPS??????

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *