Aggressione in spiaggia: arrestati - Live Sicilia

Aggressione in spiaggia: arrestati

Il branco in azione a Pachino
di
11 Commenti Condividi

I carabinieri e la polizia di Stato hanno arrestato Andrea Iacono, 25 anni, e Pasquale Falco, 21 anni, per resistenza e aggressione a pubblico ufficiale e per aggressione e lesioni e hanno denunciato un trentenne: avrebbero picchiato ieri nella spiaggia di Pachino due giornalisti in vacanza e un poliziotto che era intervenuto. Altri 5 amici dei due aggressori sono stati identificati e verranno denunciati. Il gruppo di giovani, dicono i carabinieri, é noto perché più volte ha scatenato risse a Marzamemi. Ieri sera, durante gli interrogatori, parenti e amici dei fermati, hanno circondato il commissariato di Pachino e con atteggiamenti minacciosi hanno chiesto il loro rilascio. I due arrestati sono accusati di aver aggredito, colpendoli con bastoni, bottiglie vetro, calci e pugni, E. I., 42 anni, sovrintendente della polizia di stato, e i giornalisti Walter Rizzo e Costanza Mangini, mentre erano in spiaggia con i propri figli. Il poliziotto libero dal servizio era intervenuto per fermare gli aggressori ed è stato colpito con una bottiglia di vetro al volto. L’aggressione da parte del branco di bulli è stata una vera e propria spedizione punitiva dopo le proteste dei bagnanti perché Andrea Iacono era entrato col suo motorino in spiaggia.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

11 Commenti Condividi

Commenti

    E’ veramente incredibile leggere quanto è successo, penso alla crudeltà di tale azione compiuta sotto gli occhi dei bambini della coppia… penso che gli artefici di tale gesto vadano puniti in maniera esemplare in modo che mai nessuno osi nemmeno immaginare di compiere azioni simili, se non per propria moralità ma almeno per paura dello pena da scontare…
    no comment per l’atteggiamento dei parenti…VERGOGNA!!!!

    Nei paesi musulmani difficilmente capita quello che ho letto. Visitandoli mi sono sembrati piu’ “controllati” e la polizia non scherza, ti arresta e butta la chiave! Sono popoli piu’ educati, noi occidentali crediamo di avere il mondo in mano. Si parla tanto di immondizia, non è per le strade, è DENTRO di noi. I PARENTI? non dico altro perchè sarei molto, molto volgare.

    sinceramente ritengo che “il frigo piange” abbia lasciato un commento davvero fuori luogo!!che avvenimenti del genere non debbano succedere e debbano essere fortemente puniti, beh, su questo non ci piove!!io sono pachinese e sono la prima a sperare che la punizione sia forte, dato che i precedenti ci sono!!ma paragonare un’aggressione alla situazione musulmana!!se è per questo anche con Mussolini la diseducazione era quasi assente, ma lo stato di terrorismo psicologico e ideologia terrorista c era comunque!!quindi evitiamo di sparare a zero, quando ci lamentiamo tanto dell’Italia, senza pensare che c’è chi muore solo perchè un deficiente a canto a lui vuole guadagnarsi un posto in Paradiso facendosi scoppiare!!o se una ragazza che mette i jeans anzichè il burqa debba essere punita e seppellita viva!!e tutto questo sapete dove succede?!proprio tra i musulmani!!sono invece d’accordissimo con ari!!

    Meglio una donna completamente coperta che mezza nuda. Oramai non ci facciamo più caso, perchè è nella normalita’. Non mi riferisco certo ai jeans. Ma guardate mai le ragazze il tv? Bellissime, ma svestite! completamente nude o quasi. Saro’ all’antica ma per me la donna deve avere una sua dignita’ e l’abito FA il monaco.

    guarda che sei fuori strada..nn parlavo di dignità, ma di pazzia!!una donna immorale se la deve vedere solo cn se stessa!!non con una condanna di lapidazione!!quind t inviterei a capire bene la differenza fra stupidi ubriachi che picchiano innocenti (grave) a stragi kamikaze!! (gravissimo!!)

    Negli Stati Uniti, in molti stati, e non solo lì c’è la pena di morte, mica sono musulmani? Ho capito!!!! I MUSULMANI SONO I CATTIVI, noi invece, bravi buoni ecc… ti saluto

    provo sempre a correggere la devianza della gente, ma con scarsi risultati!!ricambio il saluto!!

    frigo e nonstozitta, ho cliccato sui commenti convinta che stavate commentando qualche caso di violenza alle donne, invece…. Ammazza quanto siete usciti fuori tema!
    Comunque, già che ci siamo… Frigo, le musulmane non sono solo coperte, hanno il volto mascherato. Mica stiamo parlando della differenza tra gonne lunghe e gonne corte. In tv le donne sono svestite perché al pubblico ( sicuramente più maschile che femminile) piacciono.

    Tornando al tema dell’articolo, quello che è successo è una vergogna per la Sicilia. A volte siamo noi la causa dei nostri mali. Sai che bella pubblicità per il ragusano, che ha spiagge bellissime.

    Gentile esagono, a Palermo ci sono migliaia di donne musulmane, nessuna di loro ha il volto “mascherato”. Per la tv hai ragione tu, la prostituzione non è un reato.

    Anche a Catania ce ne sono tante. Se ti pare poco quella specie di foulard enorme che non fa vedere nemmeno il collo. Il punto è che coprirsi fino a quel punto vuol dire cercare di annullare l’identità delle donne, facendole apparire come sagome tutte uguali fra loro. Non so se mi spiego. E’ diverso stare a discutere della differenza tra abbigliamento pudico e abbigliamento spregiudicato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.