Ruba il cellulare a una ragazzina: intercettato dai carabinieri a Ballarò - Live Sicilia

Ruba il cellulare a una ragazzina: intercettato dai carabinieri a Ballarò

L'operazione dei carabinieri della stazione di piazza Marina
PALERMO
di
4 Commenti Condividi

PALERMO – I carabinieri hanno arrestato un gambiano di 22 anni accusato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, ricettazione e resistenza a pubblico ufficiale nell’ambito delle indagini su un furto avvenuto nel piazzale della stazione centrale a Palermo dove ad una 17enne era stato rubato il cellulare.

Tramite l’app il dispositivo è stato localizzato in piazza Ballarò. I carabinieri hanno bloccato il giovane extracomunitario con ancora il cellulare in tasca; alla vista dei militari ha tentato di opporsi alla perquisizione personale e di fuggire. Oltre al telefonino sono stati recuperati: 3 panetti di hashish da 100 grammi ciascuno, 5 grammi di crack e 70 euro. L’arrestato, in attesa dell’udienza di convalida, è stato portato in camera di sicurezza, il telefono è stato restituito alla giovanissima vittima.

CONTINUA A LEGGERE SU LIVESICILIA


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    Questa si che è integrazione.

    Visto che non si è integrato da noi potrebbe essere riportato in Gambia.

    Da lettore fedele di live sicilia mi meraviglio per il titolo che non corrisponde nè all’articolo nè alla notizia.
    Infatti il gambiano (presunto innocente in quanto non vi è stato alcun processo nè alcuna condanna e per la costituzione la presunzione di innocenza è fino a sentenza definitiva) non è accusato di rapina nè di furto, ma di ricettazione, reato ben diverso. Quindi anche volendo accreditare la tesi dell’accusa, non è lui il ladro.
    Inoltre anche se fosse stato accusato di furto, il titolo non era giustificato, in quanto nessuna sentenza (neanche di primo grado) ha provato l’accusa.

    Vicenda molto strana che scatena un complottismo senza fine per dinamica, tempistica, amplificazione mediatica…
    Ogni vicenda attribuita a immigrati scatena un complottismo senza fine!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.